Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for settembre 2015

veloNON esistono regole nella moda” recita l’ultima campagna pubblicitaria di H&M, il gigante svedese dell’abbigliamento low cost ormai celebre in tutto il mondo.

E MOSTRA nello spot “ Close the Loop ” (chiudi il cerchio) non solo un pugile con una protesi e una persona anziana in minigonna, ma anche una modella che indossa il velo islamico. Lo scopo del marchio sembra quello di invitare chiunque a riciclare i propri abiti e a reinventarsi liberamente il proprio stile di vita indipendentemente dall’età, dalle condizioni fisiche e dalla cultura di provenienza. Ma è soprattutto la presenza della modella con il hijab ad aver immediatamente suscitato dibattiti e polemiche. È legittimo trattare il velo come uno dei tanti capi d’abbigliamento? Lo si può veramente indossare con nonchalance anche quando non copre completamente i capelli? Non si sta strumentalizzando la moda per far passare un messaggio politico?

(altro…)

Read Full Post »

ivan-scalfarottoDOSSIER Renzi aveva promesso: legge entro l’anno. Ma non ce la farà.

La legge Cirinnà sulle unioni civili non è ancora morta, ma è decisamente moribonda; il governo andrà in aula senza relatore e potrebbe scegliere un altro testo base tra quelli proposti. Ma comunque vada il testo in discussione sarà riscritto.“Magna tranquillo”,twittava allegramente Nomfup (alias il portavoce di Renzi, Filippo Sensi) nel backstage dell’assemblea del Pd di Milano lo scorso 18 luglio, mentre immortalava Ivan Scalfarotto che si nutriva di fragole, insieme al premier. I m m a g i n e c e l e b r a t i v a dell’interruzione del digiuno da parte del sottosegretario, dopo la promessa del presidente del Consiglio che le unioni civili sarebbero state legge entro l’anno. (altro…)

Read Full Post »

magamagolorenzin

Che bello morire senza sapere di essere malato. Molti ragionano così. Hanno paura delle diagnosi “E se poi mi trovano qualcosa?“. Per questo il governo ha avviato l’ennesima riforma, quella sui tagli sulla salute per mano di Maga Magò Beatrice Lorenzin. Per fare un favore a chi è malato ma preferisce non saperlo. Così malattie che, in presenza di sintomi,possono essere sconfitte con la prevenzione saranno sconfitte solo dalla morte, magari improvvisa, di chi ne è affetto che fino a quel momento vivrà tranquillo. Perchè soffrire per il risultato di una Tac o di una Risonanza magnetica, vivere nell’ansia di un risultato che potrebbe rivelarsi una neoplasia? Meglio non sapere. (altro…)

Read Full Post »

PascaleAltri quattro parlamentari pronti ad abbandonare Berlusconi per Verdini e Ncd. A Bologna scissione verso la Lega. Salvini: “Non appoggerei il Cavaliere come candidato premier, servono le primarie”. Il progetto lista unica.

ROMA – Berlusconiani in libera uscita. Nel pallottoliere di Camera e Senato si attende l’addio di altri quattro, un paio di deputati, incerti tra la sponda Ncd e quella di Verdini (tra loro Riccardo Gallo Afflitto), e altrettanti senatori. Riccardo Villari del resto ha già detto che voterà la riforma di Renzi e sarà solo il primo passo. Ma è un lento smottamento che da Roma si propaga in giro per l’Italia.
Produce effetti soprattutto al Nord l’Opa della Lega di Salvini. A Bologna tre consiglieri comunali (Facci, Tomassini e Carella) rompono, escono, fondano una loro lista civica in vista delle amministrative 2016 e prendono le distanze dal candidato forzista Galeazzo Bignami che Berlusconi in persona aveva investito una settimana fa. I tre pretendono l’accordo con la Lega «altrimenti si perde».

(altro…)

Read Full Post »

Dunque il Ponte sullo stretto non si farà, Delrio ha smentito e siamo tutti tranquilli. E se anche fosse vero che si riprende a parlare di questo mostro a campata unica, partorito dalla politica nostrana, ci sarebbe sempre qualche ubbidiente discepolo del partito della nazione che ti dice: embè? E allora? Il ponte è come la serva, serve? Non lo vedete che la Sicilia è tagliata fuori dal paese.
Il ponte sullo stretto come il TAV in Val di Susa servirà a portare merci al nord: arance, cassate, senatori che salgono sul carro del vincitore. E poi in Sicilia l’anno prossimo si vota. (altro…)

Read Full Post »

BerlinguerRAI NELLA BUFERA La patata bollente passa al dg Antonio Campo Dall’Orto, i renziani hanno emesso l’ordine: i direttori di tg e reti non allineati vanno mandati via. 

Il problema, adesso, è di Antonio Campo Dall’Orto. Attraverso deputati, senatori e comunicati stampa a ripetizione,il governo fa recapitare messaggi al nuovo dg Rai: i direttori di reti e tg, non allineati, vanno mandati via. E lo fanno, i parlamentari, anche con troppa solerzia. Perché Campo Dall’Orto parla spesso con Matteo Renzi e da tempo il nuovo dg ha deciso di sostituire Bianca Berlinguer (Tg3) e Andrea Vianello (Rai3).Il secondo è imputato al tribunale dei renziani anche per alcuni fallimenti di ascolti.   (altro…)

Read Full Post »

Il caso Per fermare l’ostruzionismo del lumbard, 80 funzionari del servizio Assemblea hanno lavorato 19 ore al giorno per sei giorni Hanno applicato un software per dare un numero ai milioni di emendamenti. E Grasso ha potuto dichiararli irricevibili.

DOVREI sospendere i lavori dell’aula per 17 anni, per dedicare un minuto a ogni emendamento» ha detto ieri il presidente Grasso. Si sbagliava. Se lui non avesse disinnescato con un solo aggettivo — «irricevibili» — i 72 milioni di emendamenti, la bomba a orologeria sganciata su Palazzo Madama dal perfido Roberto Calderoli, i senatori avrebbero dovuto fermarsi fino a domenica 18 maggio 2177, lasciando in eredità la riforma della Costituzione ai nipoti dei nipoti dei loro nipoti.

(altro…)

Read Full Post »

Older Posts »