Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for settembre 2016

referendumIl premier vuole tempo per far salire i consensi. Quel giorno si vota pure in Austria.

Dura 15 minuti il Consiglio dei ministri che stabilisce la data del referendum costituzionale: Matteo Renzi propone il 4 dicembre e il 4 dicembre si voterà. A indire i comizi elettorali è il Quirinale, ma a questo punto il percorso è segnato. Il premier aveva già deciso nel weekend, dopo aver parlato in maniera informale con il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il Colle non era contrario a questa data. Tra il 27 novembre e il 4 dicembre, le due possibilità, nulla cambia: l’importante era mettere in sicurezza la manovra finanziaria. Così dovrebbe essere votata alla Camera e incardinata in Commissione pure al Senato. Un modo per tranquillizzare mercati e investitori stranieri. (altro…)

Read Full Post »

Nell’intervista per i suoi primi ottant’anni, Berlusconi confessa che la politica non lo ha mai appassionato. Detta da uno che è stato tre volte presidente del Consiglio, ha molestato televisivamente gli italiani e fatto persino un accordo con Scilipoti pur di restare al potere, l’affermazione suonerebbe bizzarra, se non fosse la più sincera da lui mai pronunciata.

La politica lo ha sempre annoiato. Cenare parando i rutti di Bossi, raccontare barzellette al manichino di Fini, insegnare l’italiano a La Russa, trattare Alfano da statista, fregare sistematicamente D’Alema facendogli credere di essere intelligente. Un lavoraccio per chi era abituato a volteggiare da mattina a sera tra le gambe scoperte di calciatori e ballerine.  (altro…)

Read Full Post »

L’AUMENTO degli incidenti stradali causati da “distrazione alla guida” (tre su quattro, dicono le statistiche) è direttamente proporzionale all’uso dello smartphone al volante. Chi digita mentre guida è pericoloso come un ubriaco. Non è la prima volta che ne scrivo, e ogni volta mi chiedo se io non sia affetto da luddismo: odio preconcetto per il progresso tecnico, nato quando il medesimo cominciò a togliere lavoro agli umani; più in esteso, una sindrome reazionaria, irragionevolmente sospettosa nei confronti dei mutamenti di scenario. (altro…)

Read Full Post »

grillo

Qualche impressione sulla due giorni di Italia5Stelle a Palermo.

Grillo. È il padrone del marchio, dunque decide lui quando fare un passo avanti, indietro, di lato, quando è un po’ stanchino, quando s’è ripreso, quando è portavoce, quando è garante, quando è capo, quando non lo è più, quando lo è di nuovo. Per la democrazia interna, c’è ancora molto da fare. Ma forse un movimento rissoso (come tutti i movimenti) una democrazia completa non se la può permettere (come nessun partito al mondo). L’orchestra è già abbastanza cacofonica: figurarsi se sparisse pure il direttore con la sua bacchetta. (altro…)

Read Full Post »

attivisti
Bloccata in porto una nave che trasporta olio di palma

Da questa mattina alcuni dei nostri attivisti stanno impedendo l’attracco al porto di Rotterdam di una nave che trasporta olio di palma importato dall’azienda malese IOI, il colosso che distrugge le foreste primarie indonesiane e viola i diritti umani, come rivelato proprio oggi nel nostro nuovo rapporto “Un costoso trade off“.

La nostra Esperanza è infatti ormeggiata sul retro della raffineria e sta impedendo lo scarico di olio di palma. Tra gli attivisti ci sono anche due indonesiani che hanno sofferto in prima persona gli effetti degli incendi appiccati per espandere le piantagioni di palma. Entrambi sono stati addestrati da Greenpeace per individuare, prevenire e spegnere gli incendi.

 

(altro…)

Read Full Post »

clinton-trumpEx first lady preparata, ma non perfetta. Il tycoon mantiene un prtofilo presidenziale e soffre su tasse, donne e politica estera. Nessuno dei affonda il colpo per paura di sbagliare. Sondaggio Cnn: per il 62% vince candidata dem ai punti.

Si sono scontrati praticamente su tutto. Tasse, commercio, crimine, politica estera, terrorismo, tensioni razziali. Lei lo ha attaccato per il suo “comportamento razzista”. Lui l’ha definita una “santerella”. Alla fine, dopo più di 90 minuti di dibattito, Hillary Clinton eDonald Trump hanno dipinto un’immagine d’America in potente, irriducibile contrasto: un Paese sulla strada di una inevitabile decadenza, per il candidato repubblicano; la nazione ancora capace di guidare il mondo, per la democratica. A una prima valutazione, Clinton è parsa più tranquilla e misurata. Trump ha evitato gli eccessi retorici del passato ma in certi momenti, per esempio sulla questione delle tasse e del certificato di nascita di Barack Obama, è parso in serie difficoltà. (altro…)

Read Full Post »

Paola Natalicchio e Marco Furfaro, di Sinistra Italiana, mi hanno gentilmente invitato, sabato, a un incontro che hanno organizzato a Roma. Mi hanno detto che potevo dire assolutamente tutto quello che volevo e io ne ho biecamente approfittato. Nonostante ciò, alla fine nessuno mi ha tirato ortaggi, anzi alcuni hanno perfino applaudito, cosa di cui li ringrazio. Qui di seguito, per chi è interessato, la scaletta in sintesi delle tre brevi sciocchezze che ho detto un po’ più a braccio.

Paola e Marco, nell’invitarmi gentilmente qui oggi, mi hanno chiesto di fare una “recensione alla sinistra che non c’è”, il che mi suggerisce due cose: la prima è che io mi sono fatto la fama di rompiscatole; la seconda è che l’obiettivo della sinistra oggi non è cambiare il mondo ma semplicemente esserci. (altro…)

Read Full Post »

Read Full Post »

orlandoIl ministro – Andrea Orlando è possibilista: scogli su prescrizione e intercettazioni.

La riforma penale in discussione al Senato non va. “Nella migliore delle ipotesi è inutile, se non dannosa”.

Il presidente dell’Associazione nazionale magistrati Piercamillo Davigo, in attesa dell’arrivo del ministro della Giustizia Andrea Orlando per una tavola rotonda organizzata da Autonomia e Indipendenza ( la giovane corrente “trasversale” che vede tra i fondatori proprio Davigo) ai giornalisti che lo incalzano, chiarisce, semmai ce ne fosse bisogno, che dal punto di vista delle toghe non c’è una legge in via d’approvazione che migliorerà la Gustizia. (altro…)

Read Full Post »

giannelli

Read Full Post »

landiniChe fine ha fatto Landini? – Il segretario della Fiom: un filo lega il contratto dei metalmeccanici alla battaglia sulla Costituzione.

La Fiom è ancora in campo”. Maurizio Landini non ha dubbi quando gli si chiede che fine ha fatto. Anzi, si dice convinto che il lavoro svolto negli scorsi anni germoglierà in quella che definisce la “stagione referendaria”: il referendum costituzionale dove Fiom e Cgil invitano a votare No. E poi i referendum sociali di primavera, per la prima volta indetti da un sindacato, che punteranno ad abolire le norme sui voucher, sugli appalti e soprattutto sul reintegro nel posto di lavoro. Due appuntamenti in cui il sindacato entra direttamente nel campo della politica e dopo i quali Landini lascerà la Fiom per trasferirsi, con un ruolo nella segreteria nazionale, in una Cgil che oggi considerà molto più in sintonia con le proprie posizioni. (altro…)

Read Full Post »

renzi-manovraRenzi: “L’obiettivo è aumentarle fino a mille euro” Manovra economica da 24 miliardi per spingere il Pil.

ROMA – Rush finale per l’aggiornamento del Documento di economia e finanza stasera all’esame dal Consiglio dei ministri. Una vigilia segnata da un ulteriore pressing di Matteo Renzi sull’Europa: «I soldi che spendiamo per i migranti e per il terremoto, soprattutto per le scuole, non li voglio conteggiati nel patto di stabilità. Questo lo abbiamo detto e lo facciamo. La Ue si mette contro? Si fa lo stesso», ha ammonito intervistato ieri sera a “Quinta colonna” su Rete 4.
Il premier è entrato anche nel merito della legge di bilancio esercitandosi in trasmissione in un “patto della lavagna” con tanto di pennarello con cui ha tracciato cifre e misure in ironica contrapposizione con il berlusconiano “contratto con gli italiani” del 2001 da Vespa: «Alle pensioni minime fino a 750 euro viene data una cosiddetta quattordicesima, che è attorno ai 40 euro.

(altro…)

Read Full Post »

presadiretta
L’anteprima della puntata (il link al sito)
Ospitiamo 190mila migranti, 0,3% della popolazione: piccola percentuale che spaventa il paese, e lo stesso accade in Europa.
Eppure quelli che sono arrivati in Europa sono ancora pochi: nell’anteprima del servizio sui migranti Iacona ha mostrato la situazione dell’Uganda, paese appena uscito da una guerra e dove le donne fanno in media sei figli. Un boom demografico in un paese dove la maggior parte delle persone vive nelle campagne.
Col problema dell’acqua, delle malattie infettive (portate dalle punture delle zanzare, che portano la malaria).

(altro…)

Read Full Post »

raggi

Palermo – La sindaca di Roma prima parla con Beppe Grillo, che le assicura autonomia, poi arringa la folla da leader nazionale: “Ci prenderemo prima la Sicilia e poi l’Italia”.

Nella ressa saluta, ride e balla, come una diva. Sul palco parla, tanto, come una figura nazionale, che attacca Matteo Renzi e lancia il guanto: “Il no ai Giochi li ha fatti tremare, il referendum sarà la loro fine”. Tanto da scandire perfino gli obiettivi “del progetto” del M5s: “Prima Palermo, poi la Sicilia, quindi l’Italia”. Eccola, la sindaca di Roma Virginia Raggi, la star di Italia5Stelle, che muove più persone e caos di Luigi Di Maio, forse perfino di Beppe Grillo. È lei a trasformare il Foro Italico di Palermo in un catino da concerto rock. Le macchine di scorta, i poliziotti, il nugolo di telecamere e taccuini, i militanti che la vogliono vedere e intanto insultano e strattonano i giornalisti: tutti e tutto per Raggi, nella domenica di cielo grigio in cui la sindaca cala in Sicilia, dopo il forfait di sabato per la palazzina crollata nella capitale. (altro…)

Read Full Post »

renzi-referendum

“Si voterà a occhio a metà ottobre” aveva detto Matteo Renzi il 4 maggio, per poi correggersi (per difetto) un mese dopo dallo studio di Virus, su Raidue: “Spero si voti il due ottobre”. Tra rinvii e polemiche, invece, il giorno giusto è slittato di due mesi. Cosa potrà succedere nei sessanta giorni che vanno dalla prima ipotesi alla data ormai ufficiale? Di certo ci sarà la presentazione della finanziaria e più tempo per la campagna elettorale.

La data finalmente c’è: il 4 dicembre gli italiani andranno alle urne per dire Sì o No alla Riforma costituzionale voluta dal Governo Renzi. Ed è stato proprio il premier a proporre al Consiglio dei ministri (che ha approvato) la prima domenica dell’ultimo mese dell’anno come giorno del referendum. Affinché sia tutto ufficiale, però, manca ancora la ratifica del presidente della Repubblica Sergio Mattarella: se non è una formalità poco ci manca. Di assolutamente certo, ad oggi, c’è la fine di un’attesa a tratti snervante e su cui si sono concentrate varie accuse nei confronti dell’esecutivo. (altro…)

Read Full Post »

clinton

Hillary Clinton entra in una sala di Orlando (Florida) per un comizio e il pubblico delle prime file si volta di scatto simultaneamente col telefonino sguainato. Non è un atto di noia preventiva e neppure di insubordinazione di massa, ma il bisogno insopprimibile di rimpinguare l’archivio dei soggetti illustri immortalati al proprio fianco. Ho sentito un cantante rimpiangere i bei tempi in cui per strada gli strappavano i vestiti: adesso gli saltano accanto con una piroetta e cliccano. Del resto al Louvre soltanto qualche polveroso storico dell’arte fa ancora la coda per vedere la Gioconda. Le persone normali la fanno per scattarsi un selfie con lei. E se poi gli chiedi com’era la Gioconda, rispondono: un po’ sfocata.  (altro…)

Read Full Post »

totoOra e sempre coerenza. “Sembra che Monti dirà no alle Olimpiadi a Roma 2020… troppi soldi, troppo vaghi i ritorni. Fa bene, il coraggio di dire no quando serve” (Ettore Rosato, ora capogruppo Pd alla Camera, 14.2.2012). “Olimpiadi, sommato il Governo ha fatto la cosa giusta. Non era il momento” (Paolo Gentiloni, ora ministro Pd degli Esteri, 14.2.2012). “Monti dice no a Roma2020 non convinto dal progetto. È un anno che pubblicamente dico che quel progetto non va bene. Non mi hanno ascoltata” (Anna Paola Concia, allora deputata Pd, 14.2.2012). “Olimpiadi, il governo Monti ha preso una decisione meditata” (Stefano Bonaccini, ora governatore Pd dell’Emilia Romagna, 14.2.2012). (altro…)

Read Full Post »

Prende avvio il 25 settembre la campagna di raccolta fondi di ‘Famiglie Sma’, l’associazione Onlus composta e gestita esclusivamente da genitori di bambini e da adulti affetti da Sma (atrofia muscolare spinale).

Da dagospia.com

Read Full Post »

no

https://fattodavoi.ilfattoquotidiano.it/

Read Full Post »

renzi

Read Full Post »

« Newer Posts - Older Posts »