Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for febbraio 2017

di-battista

Il deputato M5s invita a votare per abolire i vitalizi. Gli viene subito ricordato dai dem che esiste già una proposta di legge. Almeno a parole, tutta la politica pare pronta ad aderire alla petizione del FattoQuotidiano per togliere il privilegio.

“#BastaUnSì”: Alessandro Di Battista ricicla in chiave ironica il noto slogan referendario per invitare Matteo Renzi e il Partito democratico a votare la proposta che verrà presentata lunedì dal Movimento cinque stelle: “Una riforma del trattamento pensionistico dei parlamentari per renderlo tale e quale a tutti i ‘comuni mortali’”. (altro…)

Read Full Post »

camussoIl governo non fissa la data e aspetta che la Camera proponga un disegno di legge per limitarne gli abusi. La Camusso chiede di votare con le amministrative.

Il Parlamento prova ad accelerare sulla riforma dei voucher. Mercoledì la commissione Lavoro alla Camera dei deputati presenterà un testo che faccia la sintesi di quattro tra le proposte in discussione, a partire da quella di Cesare Damiano (Pd). Si tratta di disegni di legge che mirano a riportare sostanzialmente il lavoro accessorio nella cornice della legge Biagi e a ripristinare quindi la natura “occasionale” delle prestazioni. A quel punto, il governo Gentiloni con ogni probabilità farà propria la proposta e valuterà l’idea di inserirla in un decreto legge. (altro…)

Read Full Post »

rossiSperanza: “Gentiloni deve temere Matteo, non noi. Ma il governo fissi la data del referendum sui voucher” Guerini: “Mettano via l’odio, parlino dell’Italia”. Domani il battesimo dei nuovi gruppi in Parlamento.

ROMA – Ius soli, correzione dei voucher e reddito di inclusione. Sono le prime proposte su cui si batterà in Parlamento “Articolo 1 – Movimento democratici e progressisti”, il nuovo soggetto politico a sinistra del Pd, nato sabato a Roma dalla fusione fra i fuoriusciti dem e di Sel.
Domani è fissata la prima riunione dei gruppi di Camera e Senato e la nomina dei relativi capigruppo.

(altro…)

Read Full Post »

la-frase

Read Full Post »

È DIFFICILE accettare, o anche solo capire, come sia possibile che in Italia non si riesca ancora ad avere una legge sul fine vita che eviti drammi come quello di Piergiorgio Welby, di Eluana Englaro, di Walter Piludu e, proprio in questi ultimi giorni, del dj Fabo. Perché il Parlamento continua a rimandare, posticipare e perdere tempo ogniqualvolta si parla di temi etici tenendo in ostaggio tutti coloro che aspettano solo di poter esercitare la propria autonomia e la propria autodeterminazione?

(altro…)

Read Full Post »

voucher

Un mondo – Addetti alle pulizie, hostess e camerieri, ma anche laureati che parlano 3-4 lingue. Le storie dietro i numeri: “Non c’è futuro per noi”.

Anche riscuotere i voucher è, a sua volta, un lavoro. Devi uscire di casa, portarli allo sportello, sperare che abbiano abbastanza soldi in cassa per pagarteli tutti. Altrimenti devi tornare un’altra volta”. La storia di Fiorella, nome di fantasia, dimostra come l’estremo precariato non sia l’unico problema per chi presta lavoro accessorio. Lo scorso anno ha fatto la cameriera in una pizzeria in provincia di Bari ed è stata retribuita per la maggior parte del tempo in nero e un po’ con i voucher. (altro…)

Read Full Post »

papa-renzi

Read Full Post »

voucher

In 10 anni tolti tutti i paletti ai ticket. E così nella lista dei 200 big c’è davvero di tutto.

“Nessuno si senta escluso”, potrebbe essere il suo sottotitolo. La lista dei 200 committenti che hanno acquistato più voucher nel 2016, inviata dall’Inps alla Cgil dopo settimane di polemiche coinvolge imprese di ogni tipo: dalla Scala di Milano a McDonald’s, dal leader delle agenzie interinali Manpower alla Juventus, dalla Fondazione Marzotto a FlixBus, dalla Caritas di Bolzanoalla Focacceria San Francesco per finire alla Croce Rossa di Palermo e a colossi del gioco come Sisal. Uno spaccato che dimostra come è cambiata l’Italia da quando i governi hanno deciso di liberalizzare i buoni lavoro da 7,5 euro l’ora spalancando le porte alla precarietà estrema. (altro…)

Read Full Post »

Adrian aveva un sogno e un problema. Il sogno era partecipare ai Mondiali di sci di fondo. Il problema, che non aveva mai visto la neve. Così ha preso un aereo per la Svezia, dove gli avevano garantito che c’era. Allo scalo di Parigi la polizia di frontiera lo ha fermato, accusandolo di immigrazione clandestina. «Quale clandestino! Mi chiamo Adrian Solano, ho 22 anni, vengo dal Venezuela e sono in Europa per partecipare ai Mondiali di sci di fondo». Si sono messi a ridere. «Ma se in Venezuela non avete neanche la neve!». Era appunto per questo che Adrian aveva preso quell’aereo.

(altro…)

Read Full Post »

LA PAROLA “buonista” infetta il discorso politico italiano da almeno una ventina d’anni. È nata nei giornali di destra (non quella borghese e montanelliana, quella post-borghese e belpietrista) ben prima dell’onda populista, e ha attecchito con la forza di una malapianta. I cosiddetti populismi hanno trovato buona parte del loro armamentario ideologico già bell’e pronto, e bene oliato, negli arsenali della vecchia destra nera, nella Francia dei Le Pen come negli Usa di Trump come nell’Italia di Salvini.

(altro…)

Read Full Post »

emiliano

Un’altra giornata radiosa per il post-giornalismo, in quello che Giorgio Bocca chiamava il Paese di Sottosopra. Si è infatti stabilito, nell’ordine, che:

1) siccome la giunta Raggi aveva sbagliato a revocare la candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2024, bloccando lo sviluppo della Capitale e dimostrando che i 5Stelle sanno dire sempre e solo “no”, ora ha sbagliato a non revocare il progetto del nuovo stadio della Roma (sia pure con cubature più che dimezzate), sbloccando lo sviluppo della Capitale e dimostrando che i 5Stelle sanno anche dire “sì”; (altro…)

Read Full Post »

travaglio

“Come sempre più spesso avviene nel giro di Matteo Renzi non si capisce bene dove inizia la politica e dove cominciano gli affari”. Così il direttore del Fatto Quotidiano Marco Travaglio a 8 e mezzo, trasmissione di La7, risponde alla domanda di Lilli Gruber sulle ragioni del viaggio dell’ex premier in California(altro…)

Read Full Post »

carbon-tax

Una scelta di politica industriale, non sterile austerità.

Introdurre tasse ambientali per ridurre quelle sul lavoro. Da un fisco verde l’Italia avrebbe da guadagnare 25 miliardi di euro.

Lo stato insulare di Singapore è piccolo (neanche il triplo dell’isola d’Elba) ma economicamente assai agguerrito. Rappresenta uno dei principali snodi commerciali al mondo e una piazza finanziaria di livello globale, ma è anche sede di una florida attività di raffinazione petrolifera. Sono ben tre gli impianti presenti, tra i quali – oltre a quello della Singapore refining company – si annoverano le più grandi raffinerie possedute da Shell (500mila barili il giorno) ed ExxonMobil (600mila barili). (altro…)

Read Full Post »

marione

Read Full Post »

raccolta-firme

Read Full Post »

poliziotti

Nel Paese del tempo perduto la legge fondamentale non è la Costituzione ma il decreto Milleproroghe. Infatti serve a poco interrogarsi sul perché il governo abbia fatto l’accordo con i tassisti dopo e non prima le cinque giornate di scioperi, bombe carta e tirapugni, se non si ha ben chiaro lo spirito del gioco di ruolo in corso. Io, dice lo Stato al cittadino tassista (o creditore della Pubblica amministrazione o parte civile in un processo o in lista per una tac), lasciando marcire il tuo problema ho rubato il tuo tempo: tu vieni pure a riprenderlo se ne sei capace. (altro…)

Read Full Post »

È curioso che, appena arrivato in California, Renzi abbia contrapposto il modello della Silicon Valley a quello del reddito minimo.

È curioso perché molti degli studi, delle ricerche e degli esperimenti sul “basic income” vengono, negli ultimi anni, proprio da lì. Tra i più famosi, quello in corso da un anno, a cura di YCombinator, a Oakland. (altro…)

Read Full Post »

renzi-trivelle

Dalla California l’ex premier rilancia “la scommessa sulle energie alternative” e sulla sostenibilità ambientale perché “durante i mille giorni abbiamo fatto molto ma ne abbiamo parlato poco”. [Fatto quotidiano del 24 febbraio]

Uno pensa alla Silicon Valley è immagina la culla della tecnologia, la crescita e la motivazione dei talenti, talenti impegnati a pensare e sviluppare nuove idee, che diventano nuovi brevetti e nuove tecnologie. (altro…)

Read Full Post »

pd

Orlando si candida: “In campo contro la prepotenza”. I renziani insistono: primarie il 9 aprile. Sfidanti sulle barricate Il Nazareno esulta per un sondaggio Swg che dà il partito al 28 e la lista Bersani-D’Alema al 3,2. Prodi: elezioni nel 2018.

ROMA – . Primarie il 9 aprile ed elezioni politiche l’11 giugno in un election day con le amministrative. Con uno slalom fra i ponti festivi e il referendum sui voucher: è questa la road map che sogna Matteo Renzi, ma che si scontra con l’opposizione dei due sfidanti Emiliano e Orlando. A cui, a sorpresa, si è unita la candidatura di una semisconosciuta, Carlotta Salerno, che potrebbe complicare per questioni procedurali il blitz immaginato dal segretario uscente.

(altro…)

Read Full Post »

Read Full Post »

« Newer Posts - Older Posts »