Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘150 anni unità d’italia’

Ci sarà da divertirsi tra un mese alle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia. Cioè di uno Stato che, ammesso che sia mai esistito, è defunto da un pezzo. Ci sarà da pagare il biglietto per vedere le massime cariche e soprattutto scariche magnificare le virtù civiche di Cavour, Mazzini, Garibaldi, Gioberti e altri poveri ingenui che dedicarono la vita a un ideale oggi finito nelle mani che sappiamo. Sarà avvincente soprattutto ascoltare la prolusione di B. dal titolo “Cavour, il senso dello Stato e io modestamente lo nacqui”. Infatti l’altro giorno al vertice Ue non ha detto una parola di politica estera. Anzi no, una cosa l’ha detta: “Qui ci occupiamo dell’Egitto, ma c’è un altro Paese sull’orlo della catastrofe: l’Italia, dove i giudici vogliono processarmi”. Pare che la Merkel stesse chiamando l’ambulanza. Al Centocinquantenario non potrà mancare, magari per la rievocazione delle cinque giornate di Milano, il prefetto Gian Valerio Lombardi (già noto per l’immortale frase: “A Milano e in Lombardia la mafia non esiste”) (altro…)

Read Full Post »

A forma di stivale, pesa oltre 3 tonnellate realizzata da 70 cuochi.

RIMINI – Al Sigep, a Rimini Fiera fino a mercoledì 26, il Conpait, Confederazione Pasticcieri Italiani, ha terminato di realizzare una torta speciale e gigantesca, a forma d’Italia e decorata con i monumenti più belli in cioccolato o zucchero. Misura 500 metri quadri (25 metri x 20 metri), pesa circa 3.300 kg ed è stata realizzata in due giornate da 70 pasticcieri provenienti da tutta Italia e ha come ingredienti principali pan di Spagna e panna montata. Al taglio del nastro anche delegazioni delle Camere di Commercio italiane che vestivano costumi tipici rinascimentali delle varie regioni. “L’opera – spiega Federico Anzellotti, presidente del Conpait – è stata pensata e fortemente voluta per onorare i 150 anni dell’Unità d’Italia e mira a rappresentare l’attaccamento del dolciario artigianale alla nostra nazione”.

ansa.it

Read Full Post »

Alle 11.30, dal teatro Valli,  il discorso del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Poi il concerto dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai. Le cerimonie saranno trasmesse in diretta da Rai Uno.

Dopo un anno di manifestazioni di preparazione che hanno attraversato tutta la penisola, iniziando dalla rievocazione della partenza dei Mille di Garibaldi da Quarto, domani a Reggio Emilia il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, darà il via alle celebrazioni ufficiali per i 150 anni dell’Unità d’Italia. Celebrazioni in memoria dell’unificazione del Paese che si svolgeranno nel corso del 2011 in tutto il territorio nazionale. Reggio Emilia rappresenta la sede naturale per l’avvio delle celebrazioni. E’ nella città emiliana infatti che nel 1797 vide i natali la nostra bandiera tricolore, simbolo dell’unità del Paese.

Sarà trasmesso in diretta, da RaiUno, a cura di TgUno e Rai Quirinale, il discorso del presidente della Repubblica. L’intervento del presidente Napolitano sarà ripreso e trasmesso dal teatro Valli intorno alle 11.30. In precedenza, alle 9.45 in Piazza Prampolini ci sarà l’alzabandiera e la rassegna dei reparti d’onore. Quindi alle 10 nella Sala del Tricolore la cerimonia di consegna di copia dal primo Tricolore ai sindaci di Torino (capitale d’Italia fino al 1865), Sergio Chiamparino; di Firenze (capitale d’Italia fino al 1871), Matteo Renzi; di Roma (capitale d’Italia dal 1871), Gianni Alemanno.

A mezzogiorno si svolgerà il concerto dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai. In programma, la Sinfonia dai Vespri Siciliani di Giuseppe Verdi, quattro fogli d’album di Luciano Berio (Fanfara, Entrata, Festum, Encore) che Pierre Boulez ha raccolto sotto il titolo di Quatre dèdicaces per orchestra, l’Ouverture dall’Egmont di Ludwig van Beethoven, e la Sinfonia dal Guglielmo Tell di Gioachino Rossini. (altro…)

Read Full Post »