Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘2 agosto la storia di Angela una vita mancata’

Bologna
CHI è testimone o protagonista di una tragedia storica – tale fu ed è la strage del 2 agosto 1980 alla stazione di Bologna – vive il resto dei suoi giorni accompagnato da due paure. La prima è che di quella tragedia si perda memoria, che la morte, il dolore, il prezzo pagato perdano peso e significato, svaniscano come la polvere dopo l’esplosione. La seconda è che il suo racconto – cui si sente in un certo modo obbligato – sia infiacchito dalla retorica, che di ogni linguaggio è il parassita più temibile, quello che gli fa perdere energia, veridicità, forza emotiva.
Il film che Repubblica (non solo il “marchio”: proprio la comunità di persone) ha prodotto a 35 anni dalla strage di Bologna va accolto, in questo senso, con sollievo e con un certo orgoglio: perché riesce ad allontanare entrambe le paure, quella dell’oblio e quella dell’accanimento retorico. È un film intensamente “bolognese”, dunque asciutto e perfino spiritoso quando occorre ingoiare le lacrime senza farsene accorgere. Lo è per la protagonista indiscussa – che è la città, la sua gente, le sue strade, le sue pietre – e lo è perché la grande parte dei suoi artefici è bolognese o lavorava a Bologna quando si compì quel martirio politico. Ne conosce l’incalcolabile ferita, lo squarcio immondo prodotto in odio alla sua civiltà e alla sua democrazia “rossa”, ricorda la forza e la fermezza dei vivi, la compostezza del lutto, il faticosissimo percorso processuale che ha dato alla dicitura “strage fascista” una evidenza mai smentita dai fatti e men che meno dalle opinioni.

(altro…)

Read Full Post »