Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘30/06/2015’

Gli schieramenti
BRUXELLES. “OXI”. “NAI”. Quando alle istituzioni europee una manina di Nia Dimokratiza — il partito conservatore dell’ex premier Samaras — ha fatto arrivare la bozza del quesito referendario prima che questa venisse resa nota in Grecia, tutti sono caduti dalle sedie. Tsipras esplora un inedito della psicologia politica: sulla scheda della consultazione popolare il “no” viene prima del “sì”. Un tentativo di influenzare il voto che potrebbe cambiare la storia della Grecia, dell’euro e dell’Unione. E una mossa che ha fatto infuriare ancor di più, se possibile, i leader europei, compatti nel vivere con fastidio l’atteggiamento del loro collega di Atene.
Ma c’è un altro punto, molto politico, che a Bruxelles e nelle grandi cancellerie non hanno mandato giù.

(altro…)

Read Full Post »

RenziGREXIT? L’Italia perderebbe parte dei prestiti, ma l’impatto sui conti è zero. Il pericolo è lo spread su cui Renzi ha costruito la sua politica.

L’ultimo promemoria è arrivato ieri dal tonfo di Piazza Affari: -5,17 per cento, 30 miliardi di capitalizzazione bruciati e lo spread tra i nostri titoli di Stato a dieci anni e gli omologhi Bund tedeschi che ha sfondato quota 190, per poi attestarsi a 159 punti. Assist indiretto al fronte italiano del sì al referendum greco: il default di Atene ci costerebbe parecchio – la sintesi del concetto – meglio per noi che i greci scelgano il dialogo. Nel silenzio assordante del governo sull’affaire Grecia, ieri è toccato a Pier Carlo Padoan smentire gli allarmi, ribadendo il concetto degli ultimi giorni: “La speculazione non ci danneggerà”. Mentre le cancellerie europee riuniscono i gabinetti in emergenza, ieri Matteo Renzi ha rotto il silenzio con un messaggio su Twitter: “Il referendum greco non sarà un derby tra la Commissione europea contro Tsipras, ma euro contro dracma. Questa è la scelta”. (altro…)

Read Full Post »

In piazza

Ue: delusi da Tsipras. Il premier: “I voti per il no ci rafforzano” Oggi nessun rimborso all’Fmi Europarlamento chiede summit Merkel:“Senza euro fallisce la Ue”.

BRUXELLES – Ultimi, affannosi, e finora inutili tentativi per convincere il governo greco ad accettare le proposte dei creditori e presentarsi al refrendum schierato sul fronte del “sì”, rendendo così possibile una proroga del programma di aiuti che scade alla mezzanotte di oggi. «La porta è sempre aperta», dice il presidente dell’eurogruppo Dijsselbloem. Si mobilita perfino Obama, che telefona a Hollande: i due esprimono la speranza di una ripresa dei negoziati.
Il mondo intero si china sulla crisi greca. La Cina esprime «solidarietà alla Ue» e spera che Atene resti nell’euro. Mosca dice di capire la convocazione del referendum da parte di Tsipras, ma auspica un accordo. Le borse di tutto il Pianeta incassano una botta negativa, e Milano è tra quelle più colpite. Lo spread dei titoli italiani subisce un’impennata ma poi torna a livelli non allarmanti. Come sempre, la fine della ricreazione la suona Angela Merkel, quando si dice pronta a riaprire i negoziati, ma «dopo il referendum».

(altro…)

Read Full Post »

napolitano-napoleone-vignettaNon è vero che i giornali servano a incartare il pesce. Essi invece si rivelano vieppiù preziosi per guidare i cittadini nella giungla delle notizie. E non ci riferiamo al nostro, a cui pure siamo molto affezionati, ma alla concorrenza. Per la precisione, a un grande quotidiano di lunga tradizione: La Stampa. Ieri, grazie al lavoro di scavo di una giornalista investigativa di prim’ordine come Antonella Rampino, vi abbiamo appreso particolari clamorosi quanto inediti sull’ex presidente Giorgio Napolitano. Lanotiziavapresaconlemolle, perché è di quelle destinate a terremotare la politica italiana, e non solo quella. Ma anche a mettere in crisi le convinzioni più consolidate degli ultimi anni, anzi decenni, anzi secoli. Nulla, dopo questa rivelazione, sarà più come prima. Noi la riporteremo così come l’abbiamo letta, ben consapevoli di maneggiare materiale incandescente,per non dire esplosivo.E declinando fin d’ora ogni responsabilità,che va interamente attribuita alla scopritrice insieme ai meriti di quella che non esitiamo a definire un’esclusiva mondiale e segnaliamo alla giuria del Pulitzer perché la tenga nel dovuto conto.   (altro…)

Read Full Post »