Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘4%”’

lavoro_licenziamenti

Il tasso cresce anche per le altre fasce di età, ma i dati preliminari diffusi dall’istituto di statistica mostrano in parallelo un aumento degli occupati. L’apparente contraddizione deriva dal calo degli inattivi, cioè le persone che smettono di cercare un’occupazione perché scoraggiate. A trovare lavoro però sono soprattutto gli over 50. Poletti: “Preoccupa la situazione giovanile”.

A novembre 2016 il tasso di disoccupazione giovanile è salito al 39,4%: un aumento di 1,8 punti percentuali rispetto al mese precedente che l’ha portato al livello più alto a partire da ottobre 2015. Lo rileva l’Istat nelle sue stime sul penultimo mese del 2016, da cui emerge che nella fascia di età tra 15 e 24 anni è sceso anche il tasso di occupazione, mentre quello di inattività – che include anche le persone impegnate negli studi – è calato di 0,6 punti. (altro…)

Read Full Post »

Per il 2017 l’Italia vuole sommare al disavanzo del 2% uno 0,4% di flessibilità per migranti e terremoto.

ROMA – Dopo un rapido consiglio dei ministri, cominciato oltre le 22 con un’ora abbondante di ritardo, Renzi e Padoan hanno deciso una soluzione di compromesso: deficit 2017 al 2 per cento con possibile estensione al 2,4 per cento se il Parlamento dira sì e soprattutto se dirà sì Bruxelles.

(altro…)

Read Full Post »

I numeriStandard & Poor’s: impatto minimo del bonus di 80 euro Giù Piazza Affari e le altre Borse: timori per Eurozona e Cina.
ROMA – Italia al palo. Una doppia doccia fredda arriva sul Pil nazionale. Il primo schiaffo viene dall’Ocse che taglia drasticamente le stime 2014 a quota meno 0,4%: è l’unico dato negativo all’interno del G7. Il secondo è di Standard & Poor’s che prevede per il Paese una crescita zero, da più 0,5 dello scorso giugno e, soprattutto, considera l’economia nazionale «incapace di uscire dalla recessione quest’anno». Quasi fosse un peso il resto di Eurolandia.
Interrogato su quest’ultimo punto il premier Renzi fa sapere che farà oggi «un lungo intervento in Parlamento». Ma la sostanza di entrambe i verdetti è che l’Italia soffre, è impantanata nel tunnel della crisi, non riesce ad uscirne. Non solo: è «deludente» anche la performance economica di tutta Eurolandia e di Francia e Germania in particolare, cosa che certo non aiuta.
Le Borse infatti reagiscono con un certo affanno: già in ansia per il referendum scozzese e preoccupate per il dato sulla produzione industriale cinese, che lo scorso agosto è salita solamente del 6,9% su base annua, la variazione più bassa degli ultimi cinque anni, chiudono contrastate. Milano in particolare, dopo la doppia bocciatura, perde l’1,04% ed è la peggiore d’Europa.
Colpisce la durezza dell’analisi dell’Ocse e l’ampiezza della sforbiciata sulle stime italiane: ancora lo scorso maggio l’outlook degli analisti parigini collocava il Pil in salita di mezzo punto .
Ora viene fuori che la situazione non è destinata a migliorare: nel 2015, bene che andrà, la crescita non supererà lo 0,1% da 1,1 stimato in precedenza. Gli analisti, in qualche maniera, entrano anche nel merito del dibattito sulla flessibilità, assai caro a Renzi . Con le loro parole: «Vista la debolezza della domanda, la flessibilità all’interno delle regole europee dovrebbe essere utilizzata per sostenere la crescita».

Nel contempo, «il continuo fallimento dell’economia globale nel generare una crescita forte, equilibrata ed inclusiva sottolinea l’urgenza di sforzi di riforma ambiziosi». A Renzi, il presidente dell’organismo Gurria chiede espressamente di «accelerare le riforme» e pronostica: «In Italia la ripresa sarà più debole che nel resto della Ue». (altro…)

Read Full Post »