Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘626’

Tremonti ha sferrato un attacco frontale alla legge 626 che protegge, parzialmente, la sicurezza dei lavoratori. L’ha definita sprezzantemente “una roba”, un lusso che l’Italia non può permettersi. Parla dell’Italia che destina una montagna di soldi all’Oligarchia politica la più privilegiata esistente al mondo e che ha ridotto la fetta di reddito del lavoro dipendente di quindici punti negli ultimi dieci anni. Lo stipendio di Tremonti ministro è maggiore di quello percepito dal presidente degli USA. Non credo che abbia le carte in regola per chiedere al Paese di risparmiare sulla tutela della vita dei lavoratori con una improntitudine  e la superbia di chi ha la certezza di non essere contraddetto da sindacati felloni e da una “sinistra”che non è più tale e pietisce la benevolenza  dei ricconi italiani.

 L’attacco di Tremonti è generale ed è rivolto a tutta la legge  ma credo che punti subito a sollevare le aziende dall’obbligo del pagamento dei salari nei tre giorni cosidetti di carenza in caso di infortunio e probabilmente si propone l’obiettivo di una privatizzazione dell’Inail. Oggi il lavoratore viene curato ed indennizzato ed è possibile che Tremonti pensi ad un regime in cui se un operaio si rompe un braccio o una gamba dovrebbe sbrigarsela da solo. D’altronde la stessa 626 in caso di morte del lavoratore non prevede alcun indennizzo per le famiglie che, per ottenerlo, debbono instaurare una  difficile e costosa e magari ventennale  causa civile. Può darsi che Tremonti pensa di estendere questa grave inadempienza agli infortuni non mortali. Si tratta di una massa enorme di assistiti. (altro…)

Annunci

Read Full Post »