Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘amatrice’

amatrice

La relazione sulla “Capranica” fu inviata agli enti locali, tragica ironia della sorte, nel giorno del sisma de L’Aquila.

Che la scuola Capranica di Amatrice non avrebbe resistito a un terremoto era accertato dal 2009. Tra le carte dell’inchiesta della Procura di Rieti sul crollo del 24 agosto spunta una relazione tecnica redatta il 6 aprile del 2009 – tragica ironia della sorte proprio il giorno del terremoto de L’Aquila – da una società esterna e inviata a Regione Lazio, Provincia di Rieti e Comune di Amatrice. Uno studio che a pochi giorni dal sisma de L’Aquila analizzò la scuola sezionandola in tre parti (A, B e torre dell’orologio) e specificando quali lavori fossero da compiere e con quale urgenza. La conclusione è chiara e lapidaria: “La capacità di resistenza dell’edificio all’azione sismica è insufficiente e fortemente condizionata dalle rotture fragili” già esistenti. E suggerisce i singoli interventi necessari. (altro…)

Read Full Post »

erraniScelte 21 aree per le abitazioni provvisorie. Ricostruzione: non ci sono tempi certi. Protezione civile e Comune: “Forse non bastano 7 mesi”.

Amatrice, cratere del terremoto. Dopo la paura, il dolore e le lacrime, è il tempo dell’incertezza. Dove andremo, come passeremo l’inverno, le casette (o map, e tutti i nomi che la burocrazia della catastrofe assegna alla provvisorietà) saranno pronte entro i sette mesi promessi? Sono le domande che assillano gli abitanti della tendopoli. “Ci sarà lavoro per me nella ricostruzione?”, è invece l’incubo che rompe il sonno di Alessandro Piroli (imprenditore edile con un solo dipendente: se stesso) e del suo amico Bacaj Arden, albanese di Fierz che vive ad Amatrice da un ventina d’anni e restaura mobili antichi. (altro…)

Read Full Post »

Pilastri

Sigilli – I magistrati vogliono capire se l’hotel, dal quale sono stati recuperati sette corpi (ne mancano quattro) fosse anti-sismico. Dubbi dei tecnici sulla tenuta delle colonne.

Nell’elenco degli edifici a cui i carabinieri devono apporre i sigilli della magistratura figura anche l’hotel Roma. O, almeno, quel che ne resta. Il sequestro è stato disposto lunedì sera, ma deve ancora essere compiuto. Gli uomini dell’Arma aspettano che l’area sia definitivamente messa in sicurezza. Intanto il procuratore capo di Rieti, Giuseppe Saieva, ha iniziato ad acquisire la documentazione. I primi plichi sono arrivati da quella che era la sede del Comune, in corso Umberto I. (altro…)

Read Full Post »

BalconiAl lavoro anche le aziende delle “Case” aquilane, quelle coi balconi crollati.

(altro…)

Read Full Post »

Terremoto

Non sono tra quelli convinti che nella vita le sofferenze “facciano bene”. Neanche un po’. Però dalle sofferenze si può imparare. Almeno gli si dà un senso. A posteriori, non richiesto, ma meglio che niente.

Ecco, da quest’ultima catastrofe forse alcune cose possiamo imparare. Alcuni punti fermi. Di buon senso. E soprattutto da non dimenticare fra mezz’ora.

1. Basta con questi angeli. Anche a questo giro, abbiamo fatto vedere quanto siamo bravi dopo. Bravissimi a scavare tra le macerie per salvare vite umane, splendidi negli afflati di generosità, commoventi nell’inventarci amatriciane di solidarietà. È dal 1966 (alluvione di Firenze) che ci sono gli “angeli del fango”. L’altro giorno ho letto pure degli “angeli con la coda”, i cani addestrati. Tutto molto bello. Però ci saremo anche rotti le balle con questa straordinaria bravura dopo. Nell’emergenza, a catastrofe avvenuta e non prevenuta. Vorrei che fossimo un po’ meno eccellenti dopo e un po’ più decenti prima nel rispettare le regole di costruzione edilizia, nel non fare tutti un piano abusivo in più, nel non gabellare per adeguamenti sismici le ripittate alle pareti, nel non costruire villette dove le montagne franano, insomma nel fare le cose per bene. Mi rendo conto che questo ci toglierebbe una buona dose di retorica riempi-giornali, ma forse salverebbe qualche vita in più, qualche casa in più, qualche paese in più. (altro…)

Read Full Post »

amatrice-ruspa

Terremoto, ad Amatrice ed Accumoli decine di edifici sotto inchiesta. “Crollati nonostante certificazioni di sicurezza”

Non solo scuola e campanile, il sospetto dei pm è che i documenti che dichiaravano le strutture a norma siano stati falsificati. Fascicolo dell’Anac sul vicesindaco di Amatrice, geometra e responsabile di decine di interventi nella zona.

La scuola Capranica di Amatrice, ristrutturata sì, ma non per ilrafforzamento anti-sismico. E, anzi, indicata come punto di accoglienza del piano di protezione civile, così come l’hotel Roma, venuto giù. E poi il campanile di Accumoli, ma anche la Torre Civica e la caserma dei carabinieri. Il lavoro dei magistrati sui crolli del terremoto si annuncia lungo, complicato e più ampio di quanto si possa immaginare. Ci sono le storie note (la scuola e il campanile) e quelle meno note. (altro…)

Read Full Post »

Amatrice

Nel borgo del reatino, il caso delle risorse assegnate dopo il terremoto del 2009 per gli edifici a rischio ma non utilizzate. E il buco nero dei finanziamenti per mettere in sicurezza le case private: i soldi del 2014 e del 2015 sono ancora bloccati.

ROMA – Settecentomila euro per «l’adeguamento sismico della scuola», sbriciolata come un biscotto. I due milioni di euro per l’ospedale, mai spesi. Inutilizzati come i quattro milioni messi a disposizione negli ultimi due anni dalla Protezione civile, soltanto nel Lazio, per l’adeguamento sismico delle case private. Il terremoto che ha devastato il centro Italia non poteva essere previsto. Ma i danni avrebbero potuto essere limitati. Le zone colpite, le città devastate (Amatrice e Accumoli su tutte) erano individuate come zone ad «altissimo rischio sismico», i coefficienti stilati dai geologi le avevano inserite di diritto nell’elenco delle città che potevano usufruire del miliardo di euro stanziato subito dopo il terremoto dell’Aquila e che doveva servire proprio a prevenire il rischio sismico.

(altro…)

Read Full Post »

Amatrice

La scossa avvenuta nella notte alle 3,36. L’epicentro vicino ad Accumoli. Rasa al suolo la frazione di Pescara del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno. Seconda scossa fra Umbria e Marche. La protezione civile: “Non percorrete la Salaria”. Ad Amatrice nel weekend era in programma la 50esima festa degli spaghetti. Per il sismologo Enzo Boschi, Presidente dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, c’è il rischio di una seconda forte scossa nell’area, che è di massima pericolosità.

Amatrice, in provincia di Rieti, ridotta a cumuli di macerie. “E’ un dramma, un macello”, dice il sindaco Sergio Pirozzi. Il paese è crollato questa notte intorno alle 3.36, dopo la scossa di terremoto di magnitudo 6.0 con epicentro a 4 chilometri di profondità vicino ad Accumoli, che ha provocato la morte di almeno 24 persone. (altro…)

Read Full Post »