Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Andrea Fabozzi’

GIUSTIZIA. Il programma della ministra: interventi limitati, e non nuovi, per diminuire le reclusioni.
«L’amnistia è fuori dalla portata del governo». Severino riconosce il dramma ma si pone obiettivi limitati. E resuscita pure il braccialetto elettronico. Però di giustizia si discute ROMA. La scena è vagamente surreale. Smessi i panni di ministro, Carlo Giovanardi torna senatore in commissione giustizia con la missione impossibile di difendere la legge sua (e di Fini) in materia di droghe, sostenendo a dispetto di tutte le statistiche che non si tratta di una legge che riempie le carceri. Lo contestano e lo interrompono altri senatori della ex minoranza, oggi però alleati di Giovanardi. Il Pd trova il coraggio di ipotizzare, con la senatrice Della Monica, una correzione «minima» della Fini-Giovanardi. È il giorno della presentazione del programma del governo sulla giustizia e si finisce a discutere di carceri. Merito della ministra Paola Severino che decide di partire dalla condizione insostenibile dei detenuti. Anche se lo fa evitando di pronunciarsi sull’amnistia e ipotizzando rimedi parziali. Ma il cambio di registro è netto: i senatori parlano per due ore senza che vengano fuori accuse di uso strumentale delle leggi, da una parte, o dei tribunali, dall’altra. (altro…)

Read Full Post »

PARLAMENTO L’apertura estiva farà il pieno, il Pd vuole incastrare Tremonti.
Giovedì annunciati Bersani e Alfano. Ma in agenda non c’è la manovra, solo una generica discussione sul pareggio di bilancio. Una riforma che divide il Pd.
Riunione inutile, dunque affollata. Ci saranno tutti giovedì mattina nella sala del Mappamondo alla camera dei deputati ad ascoltare il ministro Tremonti. Non solo i componenti delle commissioni affari costituzionali e bilancio di camera e senato (150 parlamentari) ma anche i segretari dei partiti con i vice, i capigruppo e tutti quelli più o meno utili che vorranno dare il loro contributo di presenza. L’evento è decisamente di quelli in cui si nota di più chi non c’è rispetto a chi c’è. Si torna a lavorare d’agosto e con poco impegno (e zero spesa) l’onorevole può timbrare il cartellino anti-casta. Così Alfano, Casini, Di Pietro, Rutelli ci saranno e ci sarà anche Bersani con tutto lo stato maggiore del Pd. In aggiunta, non in sostituzione di altri parlamentari perché tanto non c’è niente da votare. Due tre ore e ci si rivede a settembre. (altro…)

Read Full Post »