Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘anticorruzione’

gli_insabbiatori

È cambiata così tante volte, la legge Anticorruzione, nei suoi 797 giorni di tira-e-molla parlamentare da quando Piero Grasso la presentò a inizio legislatura a quando l’altroieri la Camera l’ha licenziata definitivamente, che a commentarla a botta calda si rischiava la labirintite. Perciò ci siamo presi un giorno e ora siamo quasi pronti. Buona o cattiva legge? Buona e cattiva insieme. Buona anzitutto per il fatto stesso che sia stata approvata una legge con quel nome, “Anticorruzione”, che in un Parlamento molto Pro, con oltre 100 fra condannati, imputati e inquisiti, senza contare i loro avvocati, è peggio dell’aglio per i vampiri, del drappo rosso per i tori e dell’acquasanta per i demòni. Buona, poi, perché allontana per un po’ i condannati dai rapporti con la Pubblica amministrazione. Buona, infine, perché aumenta le pene sia massime sia minime – ora di poco, ora di molto – per la corruzione, il peculato e l’associazione mafiosa (non però per la concussione, la corruzione internazionale e l’autoriciclaggio); dunque sposta in avanti – ora di poco, ora di molto – la scadenza della prescrizione, notoriamente calcolata sul massimo della pena. (altro…)

Read Full Post »

Il brodinoA PIÙ DI DUE ANNI DALLA DATA IN CUI DEPOSITÒ LA PROPOSTA, PASSA AL SENATO IL TESTO FIRMATO DAL PRESIDENTE. CHE ORA DÀ LA SUA TIMIDA BENEDIZIONE.

Che la montagna abbia partorito un topolino, come sostiene il Movimento 5 Stelle, o che sia l’ennesimo segnale che è #lavoltabuona, come ha twittato Matteo Renzi, abbiamo una notizia: finalmente il Senato approva. Ieri pomeriggio è arrivato il primo sì alla legge anticorruzione. Sono passati la bellezza di 747 giorni da quando il non ancora presidente Piero Grasso depositava la proposta di legge a Palazzo Madama. Era il primo giorno della legislatura. Nel frattempo, sull’argomento, si sono consumati chilometri d’inchiostro e discussioni cruente, mentre la commissione Giustizia è andata avanti con lentezza pachidermica. Fino al 16 marzo scorso, quando il presidente del Senato ha festeggiato con un “alleluia” la presentazione del tanto atteso emendamento del governo, che ha poi permesso di trasmettere il testo in Aula. (altro…)

Read Full Post »

GrassoPRESENTATO DA PIETRO GRASSO DUE ANNI FA, IL DISEGNO DI LEGGE APPRODERÀ NELL’AULA DEL SENATO SOLO LA PROSSIMA SETTIMANA. STORIA DI TUTTI I RINVII.

Ancora e sempre rinvio. Nonostante gli annunci, gli appelli e gli arresti. Dopo 734 giorni di attesa il disegno di legge anticorruzione slitta ancora. Approderà nell’aula del Senato solo la prossima settimana, causa il combinato disposto tra ingenuità (del governo) e ostruzionismo (di Fi) in commissione Giustizia. Si discuteva degli emendamenti del governo al ddl, quando il forzista Ciro Falanga ha trovato il pretesto: “Un emendamento fa riferimento all’articolo 131 bis sulla tenuità del fatto che non è stato ancora pubblicato in Gazzetta ufficiale”. Insomma, non si aveva contezza pubblica della norma, contenuta in un decreto legislativo. (altro…)

Read Full Post »

lotta anticorruzione-cantone,IL “TAGLIANDO” ALLA SEVERINO.

IL CAPO ANTICORRUZIONE   LANCIA LA REVISIONE PER L’ABUSO D’UFFICIO. PROPRIO QUEL CHE SERVE AL SINDACO CONDANNATO.

L’Angelus, questa domenica, per Vincenzo De Luca anzichè da piazza San Pietro arriva dall’hotel Vanvitelli di Caserta. Il suo papa Francesco, in piena sintonia con la misericordia e l’indulgenza del nuovo Giubileo, è Raffaele Cantone. Che da lì, in un video messaggio alla riunione degli amministratori di Sel, dispensa la sua benedizione al “tagliando” alla legge Severino. Mette in chiaro, il commissario nazionale anticorruzione, che non ha nessuna intenzione di riscrivere da capo una norma che in questi due anni è stata “utilissima” nè tantomeno di “preoccuparsi” di quegli aspetti della legge riferiti a “fatti specifici” e a vicende che hanno “una loro notorietà”. Però, come si ostinano a ripetere i suoi difensori, a Vincenzo De Luca, basta una “dose minima” di cambiamento.   BASTA che la condanna in primo grado per abuso d’ufficio sparisca dalle cause che possono determinare la sospensione dall’incarico. (altro…)

Read Full Post »

antitodo

Read Full Post »

Devastante
Una riunione di Forza Italia fa slittare l’approvazione. Cantone: sì alla soglia per il falso in bilancio Il monito del presidente della Corte dei Conti Squitieri: “Tangenti devastanti per la crescita economica”.
ROMA – Una denuncia pesante, quella della Corte dei conti, per giunta davanti a Mattarella. «Rassegnata assuefazione al malaffare», alla corruzione. Cui corrisponde, neppure qualche ora dopo, un ennesimo rinvio sul falso in bilancio. La maggioranza non chiude sulla formula del nuovo reato, il pomo della discordia resta quello delle soglie di non punibilità. Non le vuole una parte del Pd, non le vuole Ncd, ma il Guardasigilli Orlando ritiene che margini di non punibilità vadano conservati.

(altro…)

Read Full Post »

Vauro

Read Full Post »

NatangeloPersone maligne paragonano Matteo Renzi a quei simpatici studenti universitari che regolarmente annunciano esami mai dati, con viva soddisfazione dei familiari, che tuttavia mai vedranno l’agognato giorno in cui festeggiare il fresco laureato. Il premier, per carità, è uomo degno di fede come ha dimostrato versando nelle buste paga di maggio gli 80 euro annunciati (per pura coincidenza) in campagna elettorale e che mai si permetterebbe di non rispettare il cronoprogramma delle riforme che rivolteranno l’Italia come un calzino. Soltanto qualche raro giornalista rancoroso e attento solo a evidenziare le pagliuzze negative ricorda che da febbraio a maggio tutto doveva cambiare, ma nulla è cambiato. (altro…)

Read Full Post »

FinocchiaroA PALAZZO MADAMA IL GOVERNO SI È IMPEGNATO ENTRO UN MESE A PRESENTARE GLI EMENDAMENTI AL TESTO GRASSO.

La riforma del Senato? Fervono le trattative, aumentano gli ultimatum, ma l’accordo non si vede. La legge anti-corruzione? È ferma in attesa degli emendamenti del governo, che si è impegnato a presentarli entro un mese. A Palazzo Madama il 40,8% del Pd non sembra aver prodotto un turbinio di iniziative politiche. Anzi, ha congelato tutto. Tra i senatori democratici non renziani c’è chi parla di difficoltà di gestione da parte del governo. E chi ricorda che – boom elettorale o no – i numeri della maggioranza sono risicatissimi . Per ora le grandi riforme costituzionali rimangono incagliate tra le impuntature dei 20 irriducibili democratici e il no di FI al cosiddetto sistema francese (prevede che l’elezione dei nuovi senatori dovrà essere affidata a una platea estesa formata da consiglieri comunali-regionali e deputati) nel nome dell’elettività diretta. Ma nel partito di Berlusconi c’è chi racconta che l’ex Cavaliere baratterebbe il suo assenso alla riforma in cambio della mancata reintroduzione del falso in bilancio, quello che il ministro Andrea Orlando sta promettendo. (altro…)

Read Full Post »

Anticorruzione

Read Full Post »

Con tutto quello che succede, fa quasi sorridere la notizia che alcuni  irriducibili del Pdl, introdottisi nella Commissione giustizia della Camera con il pretesto di farne parte, stanno tentando in tutti i modi di boicottare le nuove norme anticorruzione. Come il proverbiale soldato giapponese che proseguì in solitudine la seconda  guerra mondiale non sapendo che era finita, questo manipolo si batte contro lo spettro del “giustizialismo” come se il capo fosse  ancora assediato a Palazzo (Chigi e Grazioli) con i gendarmi che bussano  alle porte. (altro…)

Read Full Post »

Voto a rilento. “Ostruzionismo Pdl in commissione”.

In un’ora e mezzo di seduta la commissione è riuscita solo a bocciare un emendamento. Il Pd: “Vogliono portare in Aula il testo Alfano”. Napoli (Fli): “Comportamento vergognoso”. La presidente Bongiorno si dice preoccupata. La replica: “Oggi il partito dei neo-giustizialisti ha mostrato il suo vero, disarmante e spaventoso, volto”.

Lavori a rilento sul disegno di legge anticorruzione. In un’ora e mezzo, stamani, le commissioni Affari Costituzionali e Giustizia della Camera hanno votato un solo emendamento a causa della raffica di interventi da parte soprattutto del Pdl. Da Pd, Udc e Idv arriva l’accusa di ostruzionismo. La presidente della Commissione Giustizia, Giulia Bongiorno, sottolinea: “La mia preoccupazione non è venuta meno, anzi è maggiore di prima”. Il disegno di legge è infatti calendarizzato in Aula per il 28 maggio. “Reputo importante – ha aggiunto la Bongiorno – approfondire il ddl e andare in Aula in tempi utili. Chiederò la dilatazione delle sedute sperando che la seduta di giovedì col ministro sia chiave per procedere”. (altro…)

Read Full Post »