Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘ANTONIO FRASCHILLA’

fedelissimiIn una telefonata con Tutino il governatore rassicura il medico: “Ora me la vedo io…”.

PALERMO. Un cerchio magico attorno al governatore Rosario Crocetta che voleva dettare legge nel mondo della sanità di Sicilia. Gestire nomine dei manager, incarichi, promozioni. Come poi ha fatto. E fare il bello e il cattivo tempo anche in uno dei più importanti ospedali dell’Isola, Villa Sofia. Il cerchio magico era composto dai due pupilli di Crocetta: Giacomo Sampieri, indagato per truffa e nominato commissario straordinario di Villa Sofia nel 2013, e il medico personale del governatore Matteo Tutino, adesso ai domiciliari accusato anche lui di aver truffato il sistema sanitario. Ed è proprio il rapporto anomalo, intimo, velenoso con loro che sta travolgendo come uno tsunami Crocetta.

(altro…)

Read Full Post »

I candidatiSalta convegno per lanciare l’ex sindaco di Salerno condannato Crisafulli sfida il Nazareno: possono sempre farmi sottosegretario.

ROMA -Sono ingombranti, provocano malumori nella base e in alcuni casi «un grande imbarazzo» non solo in via del Nazareno ma anche a Palazzo Chigi. Si chiamano Vincenzo De Luca in Campania, Vladimiro Crisafulli a Enna, Silvio Alessi ad Agrigento. Sono i candidati che Matteo Renzi non vorrebbe in corsa con il Pd e che, via il vicesegretario Lorenzo Guerini, sta cercando di convincere a fare un passo indietro. Ricevendo sempre la stessa risposta. «Mi candido anche se me lo vieta Renzi», ripetono Crisafulli, De Luca e Alessi. Diventando così spine nel fianco alle quali si appigliano gli oppositori esterni e interni.
A partire dal caso Campania. De Luca è piombato a Palazzo Chigi per incontrare il presidente del Consiglio. (altro…)

Read Full Post »

Gli sprechiStrade, aeroporti, ospedali: la nuova mappa del ministero.

ROMA — È un lungo viaggio, che parte dall’estremo Nord e arriva fino al cuore della Sicilia. Le tappe nel programma dell’itinerario di questo amaro percorso sono le grandi e piccole incompiute d’Italia, quasi seicento opere inutili rimaste a metà o appena abbozzate. Dal nuovo terminal dell’aeroporto di Saint-Christophe ad Aosta allo svincolo di una strada di provincia nell’Ennese, progetti che pesano sulle casse pubbliche per 4,1 miliardi di euro, tra spese già affrontate e fondi impegnati nel tentativo, a volte disperato, di portarli a compimento. L’elenco, in alcuni casi parziale, lo ha appena stilato il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, che ha finalmente ricevuto la documentazione presentata dalle Regioni ritardatarie, Sicilia e Sardegna, in forza di una norma voluta dal governo Monti che crea per la prima volta una grande anagrafe delle incompiute.
Non c’è regione d’Italia che la faccia franca in questo itinerario dello spreco.Si parte dal nuovo terminal dell’aeroporto di Saint-Christophe: un cantiere a cielo aperto costato già 8,8 milioni di euro. Per ultimare la struttura occorrono altri 3,3 milioni, nel frattempo l’opera è stata pure vanda-lizzata: qualcuno ha pensato bene di portarsi via i sanitari nuovi di zecca. Poco più giù, nel cuore delle ricche Langhe, ecco la collina del disonore: quella di Verduno, dove dal terreno si stagliano verso il cielo centinaia di pilastri, lo scheletro dell’ospedale di Alba e Bra. (altro…)

Read Full Post »