Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘ata’

Dovevano essere 36mila le assunzioni in ruolo del personale precario ATA nel 2011/12.
Ma i precari non avevano fatto i conti coi poteri di prestidigitazione della Gelmini. Tralasciando ogni riferimento ai posti liberi e vacanti in organico di diritto dopo i trasferimenti e passaggi che vanno ben oltre quella cifra, il Ministro, facendo il gioco delle tre carte, distingue tra contingente totale e ripartizione destinata a diverse operazioni. E sì, perché dal contingente totale di 36mila unità bisogna scorporare diverse quote, destinate ad altre finalità che non interessano i precari:
-Accantonamenti per i docenti inidonei 1.300 posti, di cui 1.174 Amministrtivi. e 126 Tecnici.
-Mobilità professionale , 2.768 (40% del contingente) destinata al personale ATA di ruolo per passaggi verticali di profilo. (altro…)

Read Full Post »

Come è noto la sessione contrattuale realizzatasi martedì 19 luglio presso l’ARAN, per dare attuazione al piano triennale previsto dall’art. 9 del Decreto legge 70/ 11 per la nomina del personale precario della scuola, si è svolta senza l’ atto di indirizzo del Governo previsto dall’art.47, comma 3, del D.Lgs. 165/2001 e i costi economici derivanti dalle nuove nomine a tempo indeterminato, comprensivi delle ricostruzioni di carriera, non hanno tenuto conto delle disponibilità finanziarie presenti in bilancio a seguito dei futuri pensionamenti. Solo per il prossimo anno scolastico si tratta di 27 mila docenti e di 7.000 ATA.

L’intesa si limita a modificare la carriera economia per tutti i neo nominati nel prossimo triennio operando per essi la cancellazione del secondo scalone retributivo previsto dalla tabella del CCNL del 2009. (altro…)

Read Full Post »

Assunzione per 67mila docenti e Ata
c’è l’accordo tra governo e sindacati.

Entreranno in ruolo 30.482 insegnanti e 36.488 mila tecnici-amministrativi. Ora rimane da stabilire la procedura, che dovrà essere conclusa prima del nuovo anno scolastico. “Così risolveremo il precariato”, spiega il ministero, che punta al numero chiuso per le università che consentiranno di insegnare: solo 25mila posti per il 2011-2012.
ROMA – Fumata bianca per le assunzioni dei precari della scuola. L’incontro tra governo e sindacati sul piano triennale di immissioni in ruolo – previsto nel decreto Sviluppo varato dal Parlamento lo scorso 7 luglio – che riguarda 67 mila persona si è svolto a Palazzo Chigi, alla presenza del ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini, il ministro della pubblica amministrazione Renato Brunetta e il sottosegretario alla Presidenza, Gianni Letta. (altro…)

Read Full Post »

Da settembre grazie a Gelmini 35mila persone senza più lavoro. Tagli, riduzioni e accorpamenti. Per i precari restano gli annunci.
Bilanci amari e drammatici alla vigilia della fine dell’anno scolastico per prof e bidelli. Trentacinquemila di loro nel prossimo autunno sanno già ora che non avranno più lavoro. E la politica resta indifferente.

ROMA. L’ultima tranche del triennio orribile voluto da Tremonti-Gelmini si sta consumando. Domani finisce la scuola, temporaneamente, per i ragazzi. Ma, al contrario, non ci sono auguri da fare e ferie da organizzare per 20mila insegnanti e circa 15mila addetti di segreteria o bidelli. (altro…)

Read Full Post »

Pubblichiamo un comunicato del Coordinamento precari scuola-roma inviato in redazione (orizzontescuola.it), relativo alle immissioni in ruolo. Secondo quanto leggiamo il MEF avrebbe autorizzato solo 10.000 assunzioni per i docenti e 6500 per il personale ATa, a fronte di una richiesta da parte del MIUR di 30000 docenti e 37000 A.T.A. Se la notizia fosse verificata, contrasterebbe con le dichiarazioni del ministero. Attendiamo conferma/smentita da parte ministeriale/sindacale.

“CPS Roma – Il Coordinamento precari scuola di Roma, ricevuto ieri in delegazione (unitamente al Coordinamento delle scuole primarie di Roma) dai dottori De Angelis e Chiappetta, dirigenti del Miur, ha posto delle richieste specifiche sui problemi del precariato, per scoprire che nulla c’è di nuovo sotto il sole: – Sono stati richiesti dal MIUR al MEF 30000 docenti e 37000 A.T.A da immettere in ruolo dal 01/09/2011, per non dover risarcire i precari che si sono appellati alla direttiva europea, la quale riconosce il diritto all’assunzione a tempo indeterminato dopo tre anni di contratti a tempo determinato presso la medesima amministrazione. Ma il MEF ha autorizzato solo 10.000 assunzioni per i docenti e 6500 per il personale ATA. Le 67.000 assunzioni sono solo propaganda politica! (altro…)

Read Full Post »

Giovedì sera il salone Di Vittorio della Camera del Lavoro di Milano era zeppo come l’autobus all’ora di punta. Oltre mille insegnanti, di scuole elementari, medie e superiori, tutti rigorosamente precari, si sono radunati nella sede del Cgil per prendere in considerazione quello che fino a qualche anno fa era un tabù: fare causa allo Stato per ottenere, finalmente, una cattedra. Il fatidico posto fisso.

L’ONDA IN PIENA – Già diverse decine di migliaia di docenti hanno impugnato, o stanno per farlo, i propri contratti atipici. Il mondo della scuola è del resto in fibrillazione già dallo scorso settembre. Da quando a Siena un giudice ha dato ragione a un supplente con nove anni in graduatoria, riconoscendogli l’immissione in ruolo e l’anzianità di servizio. Ora un’ondata di ricorsi minaccia di infrangersi sul ministero della Pubblica Istruzioni, scombinando i piani al risparmio della Gelmini.

LA CLASS ACTION – Nel settore della scuola in tutta Italia ci sono 232mila docenti iscritti nelle graduatoria ad esaurimento. I dipendenti interinali del settore Ata sfiorano quota centomila. A Milano invece i docenti precari sono 16mila docenti, quattromila gli Ata. Tutti aspirano al tempo indeterminato, ma hanno in media di fronte a sé dai cinque ai dieci anni di anticamera. «Eppure ci sono migliaia di posti vacanti – spiega Pippo Frisone, responsabile vertenze della Flc Cgil – e saranno sempre di più, dal momento che si stimano almeno 70mila pensionamenti nel prossimo triennio. Lo Stato avrebbe molto da guadagnare nello stabilizzare i precari. Con la nostra iniziativa, dunque, facciamo anche gli interessi della Pubblica Amministrazione» Come la Cgil, anche la Codacons offre assistenza legale. Ed anzi ha organizzato una class action, raccogliendo adesioni online. Ad una settimana dal termine ultimo, sono già 14.886 i docenti e i dipendenti Ata che hanno aderito. Un numero record. (altro…)

Read Full Post »