Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘beneficenza’

LA CRISI moltiplica i circoli viziosi, fino a quando non si trovi il modo di spezzarli. In uno, l’impoverimento rende sempre più preziose le attività solidali (“di mutuo soccorso”, ha scritto Gad Lerner) cui però mancano sempre più le risorse materiali e umane. Nessuno saprebbe tenere un vero conto di come una società di tagli e gratta e vinci vada avanti attraverso la solidarietà, famigliare prima di tutto, e poi di vicini, volontari, associazioni. Quanto ai conti internazionali più autorevoli sulla filantropia, paiono anch’essi azzardati, misurando denaro e comportamenti, entità di donazioni, tempo dedicato alla buona volontà, cura dello straniero. Un’accreditata classifica sulla beneficenza è redatta dalla britannica Charities Aid Foundation. Alla vigilia di Natale veniva citata con enfasi la caduta dell’Italia dal 29° posto del 2010 al 104° del 2011. (altro…)

Annunci

Read Full Post »

Cambiamo il mondo, una storia alla volta.

Abbiamo immaginato un social network fondato su basi etiche.
Lo abbiamo costruito intorno alle storie delle persone, per le persone che sanno rintracciare nel quotidiano una scintilla di positività e speranza.
Perché nessun uomo è un´isola.

Si chiamerà “Shiny Note” e sarà pronto tra poche settimane, abbracciando un mondo rilevante in Italia. Utile a chi vuole raccontare belle storie o entrare in contatto con il mondo non-profit. “Tutto si fonderà su basi etiche e sarà destinato a chi ha ancora una scintilla di speranza”.

 Il Facebook della bontà sarà pronto tra poche settimane. Si chiama Shiny Note, ed è un progetto che ha l’ambizione di conquistare il mondo, partendo, stavolta, dall’Italia. Se Time ha incoronato il ragazzino Marck Zuckerberg come uomo dell’anno, inventore di una rivoluzione nel modo di comunicare, il nuovo social network che alla fine di gennaio sarà operativo su internet, ha tutte le caratteristiche per essere la novità di questi anni. Sul sito, che non è ancora operativo, ma che ha già raccolto un piccolo drappello di sostenitori, viene spiegato così: “Abbiamo immaginato un social network fondato su basi etiche. Lo abbiamo costruito intorno alle storie delle persone, e lo abbiamo destinato a coloro che sanno rintracciare nel quotidiano una scintilla di speranza”. Se su Facebook si cercano i vecchi compagni di scuola, su Shiny Note di troveranno, come in un salotto virtuale, gli amici con i quali lavorare.

Gli strumenti di scambio restano quelli universali della rete; ma l’obiettivo è completamente diverso. Basta chiacchiere “da bar” trasferite sul pc. I “mi piace”, non saranno riservati alla Nutella o alla Coca Cola, ma andranno a premiare i progetti migliori. Perché nella società afflitta dalla crisi economica globale, nel mondo alle prese con la necessità di ridisegnare il welfare, Shiny Note vuole essere uno strumento per intervenire sulla realtà. Per aiutare i tanti che hanno bisogno da una parte; e per consentire a chi vuole fare qualcosa per il bene collettivo di trovare il suo posto dall’altra. Soprattutto, vuole essere un faro acceso sulla speranza di costruire un mondo migliore. In Italia si tratta di una realtà di grande rilievo: l’8 per cento della popolazione dai 14 anni in su (4 milioni di persone, secondo i dati Istati del 2002), lavorano per gli altri, con un incremento a partire dal ’97 del 55 per cento. Sono le regioni del Nord Italia ad essere quelle più generose, con il Trentino Alto Adige che guida la classifica (21 per cento), seguito dal Veneto (oltre il 14), dal Friuli e dalla Lombardia (10 per cento). Il problema non è la volontà di partecipare; spesso è la difficoltà a far incontrare domanda e offerta e naturalmente il finanziamento. (altro…)

Read Full Post »

Al Casale del Treja fino a mezzanotte. Oggi la figlia del cantante avrebbe compiuto 2 anni.

“Tutto quello che c’era da dire è stato già detto. Mi pare che la giornata stia cominciando nel modo migliore e andremo avanti fino a che avremo le forze per suonare”. Niccolò Fabi ha aperto così “Parole per Lulu”, il concerto organizzato per ricordate sua figlia che proprio oggi avrebbe compiuto due anni.

L’evento, iniziato alle 15 al Casale del Treja, nella zona di Mazzano Romano a pochi chilometri da Roma, proseguirà fino a mezzanotte.

“Sento la forza e il bisogno di ricominciare, senza enfasi come sempre giorno dopo giorno, perchè non è risorgere ma semplicemente e meravigliosamente suonare, quindi vivere…”: così Fabi aveva annunciato il suo ritorno sul palcoscenico dopo la morte della sua bambina Olivia, scomparsa lo scorso luglio per una meningite fulminante.

Oggi, 30 agosto, olivia avrebbe compiuto 2 anni. E non è quindi un caso che il concerto sia in questa data. “Un concerto, una raccolta fondi”. Ma soprattutto, “una festa di compleanno”, si legge infatti sul sito dedicato all’evento.

Gli artisti sul palco.

Si canterà dunque principalmente per lei, in un evento a cui contribuiranno una rosa di artisti senza precedenti. Elisa, Fiorella Mannoia, Paola Turci, Gianni Morandi, Samuele Bersani, Daniele Silvestri, Simone Cristicchi, Jovanotti e Claudio Baglioni, sono infatti solo alcuni nomi, tra i tanti, che si esibiranno oggi.

Ingresso gratuito.

Il concerto è gratuito e aperto a tutti (non sono necessari biglietti d’ingresso). Ci sarà un’offerta libera in favore dell’attività dei medici con l’Africa Cuamm – l’associazione con la quale Fabi collabora da tempo – per un ospedale pediatrico in Angola.

Tutte le informazioni sul sito “parole di Lulù”.

Sul sito dedicato all’evento, Parole di Lulù, potete trovare tutte le informazioni, anche stradali, per raggiungere il concerto.

Il salvagente,

Read Full Post »

BOLGHERI – Un Roberto Benigni scatenato nel corso di una serata benefica a Bolgheri, in Toscana. Intervenendo a ad uno spettacolo di beneficenza a favore della Fondazione Iris (Istituto per la riabilitazione e il reinserimento sociale dei disabili psichici) presieduta dal professor Mario Guazzelli, l’attore ha detto: “”La verità è che
Berlusconi vuole restare nella storia. Vuole un appellativo per sempre: Togliatti era ‘Il Migliore’; Prodi era ‘il Professore’; e ora Berlusconi è ‘il Trombatore”.

 “Vedete – ha detto rivolto al pubblico – come il premier è intristito in questi giorni? Invita tutti i suoi amici a Palazzo Grazioli per mostrare le stanze: qui era tutta Carfagna, ora non c’ è niente. Silvio stasera mi aveva promesso che sarebbe venuto a vedermi, ma si è fermato sul viale della Principessa”, riferendosi ad un viale popolato dalle prostitute nella zona di Bolgheri.

“Mi aspettavo di trovare qui quattro pensionati sfigati, non tanta gente così il 31 luglio a Castagneto Carducci. Quattro pensionati di quelli che giocano a tresette come Verdini, Lombardi, e dell’Utri”. Così l’attore si è riferito all’inchiesta sulla P3. “Quando si mette la bomba al Csm? – ha aggiunto, simulando una conversazione tra i giocatori di carte – zitto e pensa a giocare… striscia e bussa”.

“Berlusconi dice che non è normale un paese dove si intercetta costantemente il capo del governo, ma la verità è che, qualunque persona sia intercettata, nel mezzo c’è sempre il presidente del Consiglio”. “Le intercettazioni – ha aggiunto – c’erano anche prima, ma Ciampi e Prodi non comparivano”.

Benigni ne ha anche per la sinistra.  “Conosco il professor Guazzelli da tanto tempo; noi attori abbiamo sempre qualche turba. Mi ha sempre detto che avevo tutto a posto; poi gli ho detto che voto Pd e sono in cura da 20 anni”.  “Berlusconi – ha proseguito- si lamenta che tutti i giudici sono di sinistra, che la stampa è di sinistra… ma se fosse di sinistra anche il Pd cosa farebbe?”.

repubblica

Read Full Post »

Universal Music e la Fondazione Umberto Veronesi hanno presentato “Parole Note” , un progetto discografico che unisce la musica, la poesia e la prosa in un modo nuovo:

la convincente interpretazione di alcuni fra i più validi e noti attori italiani, Claudio Santamaria, Fabio Volo, Valerio Mastandrea, Pino Insegno, Ambra Angiolini, Neri Marcorè, Filippo Timi, Luciana Littizzetto, Gianmarco Tognazzi, ha permesso di dare ad ogni singolo pezzo un proprio particolare carattere.

In “Parole Note” la musica non ha il semplice compito di accompagnare le letture, ma ne è parte integrante, permettendo così ad ogni singola traccia di diventare una vera e propria “canzone”.

Gli elementi letterari riproposti in “Parole Note” variano da classici del passato quali “SE” di Rudyard Kipling, “L’addormentato nella valle” di Arthur Rimbaud, “Eterna presenza” di Pedro Salinas, “Desiderata” di Max Ehrmann, a quelli più recenti come “Valore” di Erri De Luca e “Lentamente muore” di Martha Medeiros, includendo anche alcuni noti monologhi: l’esoterico “Por Osmar” di Alejandro Jodorowsky, il comico “La vita al contrario” da una citazione di Woody Allen, il moderno “Articolo 1” di Valerio Mastandrea, per finire con l’intensa recitazione di una delle più belle canzoni italiane, “La cura” di Franco Battiato. (altro…)

Read Full Post »