Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘boschi’

In complesso i vertici devono versare 910 mila euro. Per Pierluigi Boschi 40 mila euro. Ammende ridotte, ma tutti gli illeciti vengono confermati.

HANNO nascosto la grave situazione finanziaria della banca e non hanno informato correttamente i clienti interessati ad acquistare le loro obbligazioni del livello altissimo di rischio che avrebbero dovuto affrontare. Sono queste in sintesi le motivazioni con cui la Consob assesta la prima stangata all’intero ex Consiglio di amministrazione di Banca Etruria che tra il 2012 e il 2014 ha messo in vendita una serie di bond che si sono poi rivelati ‘’tossici’’.

(altro…)

Read Full Post »

ma parlate dei rifiuti a Roma..
sono solo pettegolezzi..
perché queste cose De Bortoli non le ha scritte sul corriere?
sono solo attacchi a Renzi e al Pd, per nascondere il successo delle primarie

Il conflitto di interessi di un ex ministro ora sottosegretario che si è occupata di una questione che riguarda la banca dove il padre era vicepresidente.
La gestione dissennata del credito da parte delle banche italiane, frutto di un capitalismo di relazioni personali, di cordate politiche, di poteri opachi. I cui costi ricadono poi sul paese per gli esuberi, per il credito negato alle aziende lontane da cricche e lobby. (altro…)

Read Full Post »

Read Full Post »

Oggi sono passati esattamente quattro mesi dal 4 dicembre, giorno (come ormai ben sapete) della “Festa Nazionale della Torcida Inesausta”. Tutto, da allora, è gioia e luce vivificante. Brindate, quindi. Gioite, ballate, godete. Vogliatevi bene. E quando tornate a casa, date una carezza ai vostri figli dicendo loro: “Sono ancora lì che rosicano”. Non dimenticate mai quel giorno, tra i più belli nella storia di questo Paese, grazie al quale è stato sconfitto chi – per folli mire personali – ha cercato di distruggere democrazia e Costituzione. (altro…)

Read Full Post »

Maria “Etruria” Boschi, la ministra riscaldata dal governo Gentiloni nonostante avesse spergiurato che in caso di vittoria del NO al referendum se ne sarebbe tornata a casa, ieri ha dimostrato la sua incompetenza e pochezza istituzionale. Ha snobbato le legittime richieste dei torinesi, come fossero figli di un dio minore solo perchè hanno democraticamente eletto a sindaco la portavoce del MoVimento 5 Stelle Chiara Appendino. Secondo leiLa sindaca Appendino sa che il governo ha un confronto con il comune e che i 61 milioni non sono dovuti“. (altro…)

Read Full Post »

ancora-tu

Read Full Post »

LA LORO PAROLA NON VALE NIENTE
Sentire cosa diceva la Boschi dall’Annunziata relativamente alla sua permanenza in politica e leggere il toto ministri di queste ore, consapevole che ce la ritroveremo ancora in Parlamento, ci da la misura di quanto valga la parola di questi poco di buono.
In fin dei conti non mi stupirei nemmeno tanto, una persona in grado di rovinare 150.000 famiglie per fare un favore al padre non si fa certamente scrupoli a prendere in giro gli italiani.
(altro…)

Read Full Post »

gentiloni

Read Full Post »

boschi-contestataC’è una cosa, in tutto questo, che fa molto ridere. L’imperativo che i renziani hanno dato al partito: “Nascondete la Boschi, non la fate vedere o qui crolla tutto”. E’ proprio un ordine tassativo. E infatti, se ci fate caso, non la si vede quasi più. E se si fa vedere, la contestano pure alle Festa dell’Unità. Vuoi per la vicenda Banca Etruria, vuoi per la riforma, vuoi perché una come la Boschi la contesti anche solo perché è la Boschi. Meraviglioso: è una delle donne più potenti del paese (pensa te come siam messi) e sono i suoi stessi a nasconderla, consci di quanti disastri provochi. (altro…)

Read Full Post »

boschiA Palazzo Chigi valutano di allungare la data al 4 dicembre Il premier fissa al 13 ottobre la scadenza per la decisione. Ma si confonde.

Spostare la data del referendum più in là possibile: l’operazione a Palazzo Chigi è in atto. Per far dimenticare il fatto che Matteo Renzi aveva chiamato al plebiscito su di sé; per distanziarlo dal terremoto che ha colpito il Centro Italia; sperando di aver sistemato nel frattempo più sfollati possibile; per varare la Finanziaria, cercando di inserire misure popolari (il premier ha promesso un non specificato intervento sulla “povertà”, uno per alzare le pensioni minime e uno sulle partite Iva). E per contrattare con l’Europa. (altro…)

Read Full Post »

BoschiBasta sessismo, basta misoginia: è ora di cospargerci il capo di cenere e di scusarci dolenti con la ministra Maria Elena Boschi, vittima dell’ormai famigerata vignetta pseudosatirica di Riccardo Mannelli, noto sporcaccione. Purtroppo, per come siamo fatti, ci mancano le parole, e soprattutto le rime, per il ditirambo cui Ella avrebbe diritto. Dunque ci perdonerà se prendiamo a prestito gli endecasillabi del miglior giornalismo italiano, che in due anni e più di impegno governativo, vergin di servo encomio, ha ampiamente reso giustizia alle Sue innumerevoli virtù.

Giaguara e Amazzone. “La Giaguara Boschi, l’avanzata dell’’amazzone’ di Matteo” (La Stampa, 22.2.2014). (altro…)

Read Full Post »

Natangelo

Read Full Post »

MannelliLa replica dell’artista alle critiche del Palazzo: “Non so se ridere o piangere, oltre il ridicolo”.

Questo è sessismo? Non so se ridere o piangere. Il mio disegno può non piacere, ma dice una cosa molto semplice: la Boschi va in giro da mesi, ogni sera su un palco diverso, a comunicare il vuoto pneumatico. A riempire chi la ascolta di parole senza significato. La vignetta sostiene questo: di quei discorsi non resta nulla, al massimo le cosce”. Riccardo Mannelli nella sua carriera di artista ha disegnato corpi femminili di ogni forma, da qualsiasi angolazione; nudità di ogni tipo e misura. Però le gambe del ministro Boschi nella sua vignetta sul Fatto di ieri hanno fatto intervenire anche la presidente della Camera. “Siamo oltre il ridicolo. Dice molto dello strapiombo in cui siamo”. (altro…)

Read Full Post »

MannelliNel torpore d’agosto che a tratti contagia anche i social network, si accende una fiammata di indignazione. La scatena la vignetta che ha pubblicato oggi in prima pagina Il Fatto Quotidiano, un disegno di Riccardo Mannelli: c’è Maria Elena Boschi che parla, si immagina a una festa dell’Unità o in un comitato del “Sì”, e una frase a commento: “Riforme – lo stato delle cos(c)e”.

Le vignette di solito non si spiegano, a volte il senso è proprio nell’ambivalenza o nel paradosso, ma faccio un tentativo. Mannelli, per come la vedo io, gioca sul fatto che vista la scarsa capacità della Boschi di argomentare la propria riforma, in quei dibattiti molti spettatori finiscono per concentrarsi più sullo stato delle cosce che sullo stato delle cose. Dinamica che, a giudicare dai commenti che ho sentito in un paio di interventi pubblici della Boschi, non esiste soltanto nella testa di Mannelli. (altro…)

Read Full Post »

Scanzi

Boschi: “Chi è per il no non rispetta il Parlamento”. Niente, dai: proprio non ce la fa. Non ne indovina mezza. E per questo mi fa anche un po’ tenerezza. Il piccolo problema è che una così è la donna più potente del governo di un paese. Il mio paese. E questo, oltre a farmi paura, mi fa pure incazzare: perché ci dobbiamo sempre voler male così?

Da facebook.com/MarcoTravaglioNews

Read Full Post »

Aiutiamola

Barbara Lezzi

La Boschi: “Nuova Carta Costituzionale per combattere il terrorismo”
Aiutiamola, è convinta che sconquassando la Costituzione risolverà la questione del terrorismo e magari pure la fame nel mondo.

Read Full Post »

Travaglio

“La sconfitta alle comunali di Renzi? Quando sostituisci l’anima ad un partito e non la sostituisci con nient’altro, ti ritrovi con quel gran senso di vuoto che si è ripercorso nelle urne. Renzi è arrivato nel Pd e ha incominciato a fare il contrario di quello che diceva quando fu nominato segretario. Ha riempito il governo di mediocri che lui stesso si vergogna di esibire”. (altro…)

Read Full Post »

maria-elena-boschi

Mi piace molto l’idea di democrazia esibita ogni giorno dal sedicente ministro Boschi, che ieri ha avuto parole garbate anche per la reproba e biecamente sovversiva Appendino. Più o meno ha detto questo: “O vinciamo noi, o niente soldi”. Brava Boschi, un messaggio ultra-renzino degno di te: arrogante, irricevibile e allegramente fascista. In confronto la Carfagna era Nilde Iotti. Daje.

Da facebook.com/Andrea-Scanzi

Read Full Post »

La campagna elettorale per il referendum di ottobre – già abbondantemente iniziata da parte del governo anche per sgonfiare in anticipo i risultati delle amministrative – sembra basarsi su tre leve.

La prima è la ricerca dei “testimonial”. La seconda è l’effetto che una vittoria del No avrebbe sul governo. La terza è quella sui contenuti della riforma (l’innovazione della Carta e la presunta semplificazione che ne deriverebbe).

Quella dei testimonial è prassi lecita e da tutti spesso usata, che tuttavia a questo giro è partita con aspetti un po’ grotteschi. (altro…)

Read Full Post »

I partigiani veri votano si alla riforma.
E prima ancora: chi vota no, vota come Casapoud.
Se non passa la riforma l’Italia sarà la patria degli inciucisti.
Se volete tenervi gli inciuci, l’instabilità, votate no.
Se volete tenere le regioni dove si comprano le mutande verdi e che vogliono decidere tutto, dalla sanità all’energia, votate no.
Se perdo me ne vado, non per personalizzare, ma per responsabilità.
Infine, la summa di tutto lo storytelling comunicativo di questa campagna elettorale sulle riforme: basta un si per cambiare l’Italia.

(altro…)

Read Full Post »

Older Posts »