Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Caterina Minnucci’

Kenya

COMMANDO JIHADISTA SOMALO PRENDE IN OSTAGGIO UN’UNIVERSITÀ KENIOTA: RILASCIATI I MUSULMANI. “OLTRE 150 MORTI, MOLTI DECAPITATI”.

Il Kenya è in guerra con la Somalia e dunque la nostra gente ha la missione di uccidere chiunque è contro gli Shabaab”. Con questa telefonata all’agenzia Afp, il portavoce dei jihadisti somali, Sheikh Ali Mohamud Rage, ha rivendicato l’attacco alla “North-Eastern Garissa University” avvenuto attorno alle 5 e 30 ora italiana e che secondo il bilancio del ministro degli Interni kenyano sarebbe costato la vita a 150 studenti; 4 i terroristi uccisi. È l’attacco con il più alto numero di vittime organizzato dai miliziani somali in Kenya. E mentre il governo ha messo una taglia di 215mila dollari sulla testa di Mohamed Kuno – ritenuto la mente dell’attacco e latitante da dicembre 2014, dopo che fu accusato per l’attentato alla cava di Mandera in cui furono massacrati 36 minatori che si professarono non musulmani – mancano ancora all’appello 550 studenti degli 815 che risiedono nel campus dell’Università. (altro…)

Read Full Post »

Mimose

LE NOSTRE LETTRICI CI SCRIVONO: ALCUNE AMANO LA RICORRENZA DI OGGI E ALTRE MENO, C’È CHI LA VORREBBE TUTTO L’ANNO E CHI MAI. MA QUASI TUTTE INVOCANO INTERVENTI CONCRETI, DAL LAVORO ALLA LOTTA ALLA VIOLENZA, PER NON FERMARSI ALLA RETORICA DI UN GIORNO.

Pubblichiamo una parte delle lettere che le lettrici del “Fatto” ci hanno inviato per raccontarci cosa   pensano della Giornata internazionale della donna.   Per un futuro migliore   lasciamo le mimose sugli alberi   8 Marzo. Non si deve perdere la memoria dei fatti storici che hanno riguardato le donne, ma non basta. Abbiamo bisogno anche di fatti concreti. Uomo e donna, ognuno con le proprie peculiarità, dovrebbero arricchirsi l’un l’altro, ma ciò non avviene. Vorrei che da domani, e per tutti i giorni a seguire, gli uomini aprissero gli occhi, la mente e il cuore e comprendessero che senza le donne non si va da nessuna parte. Non c’è vita, non c’è presente, non c’è futuro. Meno ipocrisia e meno mimose. Per un futuro migliore, lasciamole ad abbellire le coste liguri. (altro…)

Read Full Post »

NardiSONO MENO PAGATE DEGLI UOMINI (-41%), NON POSSONO FARE CARRIERA, FATICANO AD ACCEDERE AI RUOLI DI COMANDO, HANNO PERSO PERFINO IL MINISTERO DELLE PARI OPPORTUNITÀ. PERÒ HANNO UN GIORNO ALL’ANNO, UNO SOLO, TUTTO PER LORO. LE DONNE DEL “FATTO” SPIEGANO PERCHÉ QUELLA DATA NON BASTA. CARE LETTRICI, SCRIVETECI CHE COSA VI AUGURATE PER UNA FESTA DIVERSA.

Ci sono due fatti storici che nell’immaginario collettivo sono legati alle celebrazioni per la Festa della donna: il rogo della fabbrica Cotton a New York dove nel 1908 persero la vita 62 operaie e quando in Russia, nel 1917, le donne di San Pietroburgo scesero in piazza per chiedere la fine della guerra, dando così vita alla “rivoluzione russa di febbraio” che ispirò la Seconda conferenza internazionale delle donne comuniste dell’8 marzo. Abbiamo chiesto ad alcune firme e amiche del Fatto Quotidiano di raccontarci se domani festeggeranno. (altro…)

Read Full Post »

GuidiLE NUOVE REGOLE CONSENTONO PASSAGGI DI PROPRIETÀ DI IMMOBILI NON ABITATIVI ANCHE AGLI UFFICI LEGALI, CHE DOVRANNO DIRE PRIMA IL COSTO DEL LORO LAVORO.

Lo scorso 20 febbraio il Consiglio dei ministri ha approvato il disegno di legge sulla concorrenza che adesso attende il vaglio del Parlamento che potrebbe decidere di apportare modifiche a uno o più articoli. Le disposizioni contenute all’interno del testo di legge sono destinate, come affermato nell’art. 1 del ddl stesso, a “rimuovere ostacoli regolatori all’apertura dei mercati, a promuovere lo sviluppo della concorrenza e a garantire la tutela dei consumatori, anche in applicazione dei principi del diritto dell’Unione europea”. Le liberalizzazioni presentate dal ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi coprono un ambito che va dagli sconti sull’Rc auto, alla maggiore trasparenza nei contratti di telefonia e pay-tv alla portabilità dei fondi pensione, passando per le società dei farmacisti. Ma le categorie maggiormente toccate dalle riforme del “ddl concorrenza” sono avvocati e notai.  (altro…)

Read Full Post »