Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘censura web’

Quando parlavo di disobbedienza civile, ad esempio. Viva Wikipedia, non basta più bloggare.

Da Wikipedia.org

Cara lettrice, caro lettore,

in queste ore Wikipedia in lingua italiana rischia di non poter più continuare a fornire quel servizio che nel corso degli anni ti è stato utile e che adesso, come al solito, stavi cercando. La pagina che volevi leggere esiste ed è solo nascosta, ma c’è il rischio che fra poco si sia costretti a cancellarla davvero.

Il Disegno di legge – Norme in materia di intercettazioni telefoniche etc., p. 24, alla lettera a) recita:

«Per i siti informatici, ivi compresi i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla richiesta, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono.» (altro…)

Read Full Post »

Stanchi di grane e di convocazioni alla polizia postale dopo le denunce di Vasco Rossi, quelli di Nonciclopedia chiudono i battenti.

Nonciclopedia è (era?) un sito satirico, una parodia di Wikipedia.

In passato era già stato oggetto degli attacchi di un parlamentare dell’Udc che chiedeva al governo di «intensificare il monitoraggio di internet».

La piccola case history di Nonciclopedia è una perfetta anticipazione di quello che accadrà molto più diffusamente e facilmente se il nuovo regolamento Agcom e il comma 29 del primo articolo del disegno di legge sulle intercettazioni (il cosiddetto Ammazzablog) diventeranno realtà: vip e potenti armati di grandi avvocati che faranno azioni legali, piccoli blog e non professionisti della comunicazione on line che pur di non avere rotture di scatole giudiziarie rinunceranno ai propri spazi di libertà e parodia.

E’ questo che vogliamo, davvero?

PIOVONO RANE di Alessandro Gilioli

Read Full Post »

INTERNET: L’Agcom vota a maggioranza la discussa delibera in difesa del copyright
Ignorata dall’Authority per le comunicazioni la mobilitazione on line di mediattivisti, blogger e giuristi.

Duecentomila firme raccolte, una lunga notte di interventi, video, prese di posizione di giuristi e esponenti politici non sono serviti a far cambiare idea ai componenti dell’Authority Garante delle Comunicazioni. Ieri, infatti, la delibera che prevede la possibilità di un intervento diretto dell’Agcom teso a chiudere siti Internet che diffondono materiale coperto da diritto d’autore è passata a stragrande maggioranza. Sette consiglieri hanno infatti votato a favore della proposta. Contrario solo un consigliere, mentre un altro si è astenuto. (altro…)

Read Full Post »

A Roma la manifestazione contro la delibera dell’Agcom sul diritto d’autore. Tra gli interventi quello del Nobel per la Letteratura. Adesioni anche dal mondo politico.

ROMA – Politici, artisti, blogger, imprenditori, giornalisti e giuristi. Un lungo elenco di adesioni e di interventi per la Notte della Rete, l’iniziativa svoltasi a Roma, alla Domus Talenti, contro la delibera dell’Agcom 1 in materia di diritto d’autore sul web, delibera che proprio oggi passerà al vaglio dell’Autorità. La manifestazione è iniziata con un minuto di silenzio e un bavaglio bianco indossato da tutti partecipanti, tutti uniti nel difendere la libertà della Rete. Tra gli altri, Emma Bonino, Vincenzo Vita, Nicola D’Angelo, Antonio Di Pietro, Dario Fo, Alessandro Gilioli, Peter Gomez, Giulia Innocenzi, Roberto Natale, Luca Nicotra, Flavia Perina, il Piotta, Franca Rame, Fulvio Sarzana, Marco Scialdone, Guido Scorza, Mauro Vergari, Carlo Verna, Vittorio Zambardino.

I VIDEO Dario Fo, i provider, Rsf, Valigia Blu, Vittorio Zambardino 2 (altro…)

Read Full Post »

Le agenzie stampa stanno divulgando una comunicazione che proviene da “ambienti dell’Autorità Garante per le Comunicazioni” (Agcom): nel consiglio dell’Agcom del prossimo 6 luglio, rassicurano, non ci sarà nessuna approvazione definitiva di un provvedimento in materia di diritto d’autore. ”L’articolato dello schema di regolamento sarà sottoposto a una pubblica consultazione nella quale tutte le parti interessate potranno pronunciarsi con le loro proposte e i loro suggerimenti”. L’Autorità rassicura di proseguire pertanto secondo il metodo di “un aperto e democratico confronto” nel quale tutte le iniziative saranno, anche quelle più critiche, considerate e tutte le istanze saranno tenute “nel giusto conto nel rispetto dei ruoli di ciascuno”. (altro…)

Read Full Post »