Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘chiesa’

Papa Francesco

Il Pontefice è giunto allo stadio della Capitale in occasione del 37esimo raduno del movimento cattolico Rinnovamento nello Spirito. Presenti oltre 50mila fedeli.

21:46 – Papa Francesco si è recato allo stadio Olimpico di Roma per partecipare al 37esimo raduno del movimento cattolico “Rinnovamento nello Spirito”. Cinquantaduemila i fedeli presenti nell’impianto della Capitale. Novanta i minuti di preghiera, canti, testimonianze, dialogo e ascolto alla presenza del Pontefice, primo nella storia a partecipare all’iniziativa del movimento.

“Signore – ha detto il Papa – guarda il tuo popolo in attesa dello Spirito Santo, guarda i giovani, guarda le famiglie, guarda i bambini, guarda gli ammalati, guarda i sacerdoti, i consacrati le consacrate guarda noi vescovi, guarda tutti, e concedi a noi quella santa ubriachezza, quella dello Spirito, quella che ci fa parlare tutte le lingue, le lingue della carità, sempre vicino ai fratelli e sorelle che hanno bisogno di noi”. (altro…)

Read Full Post »

Papi

Read Full Post »

Wojtyla e Roncalli“Ecco i santi del coraggio” poi in piazza sale il boato il popolo dei quattro Papi in festa a San Pietro.

Quasi un milione a Roma per Wojtyla e Roncalli Polacchi in prima fila. Ressa ai metal detector.

CITTÀ DEL VATICANO – AMIAMO i nostri Papi, dice il più grande degli striscioni in piazza. Plurale, Papi. Due in cielo e due in terra. È il giorno in cui la Chiesa si esibisce nel miracolo della moltiplicazione dei Pastori, due venuti dal freddo e due dal caldo, due buoni due severi, due dal Sud due dal Nord, due i continenti da cui sono nati.

DUE i secoli in cui sono vissuti, due vivi e due morti ma si sa che a queste latitudini di credo noi vivi siamo in semplice transito dunque non c’è differenza. È il giorno in cui la Chiesa risponde alla planetaria carestia di opportunità nella vita terrena con la sovrabbondanza di icone da santificare e pregare e si avvicina come mai prima era accaduto alla geografia dell’Olimpo, quattro papi come quattro figli di Zeus.  (altro…)

Read Full Post »

Citofonare Bertone

L’ex segretario di Stato abiterà in 700 metri quadri nel palazzo di fianco alla modesta residenza del Papa.

CITTÀ DEL VATICANO – CIRCA 10 volte in più, comunque, di Sua Santità. In Vaticano, entrando dalla Porta del Perugino, la Domus Sanctae Marthae e il Palazzo San Carlo sono edifici vicini. La prima di dimensioni ridotte, il secondo imponente. Quando Bergoglio, dopo aver osservato i complessi lavori di ristrutturazione nella struttura a fianco, è stato informato su chi sarebbe stato il suo vicino di casa, si è arrabbiato non poco. Ora non può certo cacciare di casa l’inquilino. Ma la sua ira su chi in Curia ancora resiste al suo titanico tentativo di cambiamento non è passata inosservata il Giovedì santo prima di Pasqua quando, davanti al clero riunito in San Pietro, si è scagliato contro i preti «untuosi, sontuosi e presuntuosi», che devono avere invece «come sorella la povertà ». (altro…)

Read Full Post »

Bergoglio

Buona Pasqua Francesco Bergoglio è il Papa degli sconvolgimenti sia per i buoni che per i cattivi, una scossa di terremoto che non capitava da più di settecento anni a cominciare da quel “buona sera ! ” del giorno dell’elezione. Quando parla di Gesù lo fa con una tale passione da farcelo sentire vicino. E Gesù il gesto più clamoroso che ha fatto è stato non reagire mentre i centurioni lo portavano via.

 Perché il Papa piace a tutti? E non solo a quelli che conducono una vita dai comportamenti ineccepibili, i quali fanno dell’onestà e la trasparenza la loro principale ragione di vita ma, strano a dirsi, piace anche ai disonesti e persino ai criminali, che senza accorgersi correrebbero il grosso pericolo di essere deviati nella direzione opposta alla loro malvagità. E quindi di redimersi sulla via di Damasco prima che per loro sia TROPPO TARDI. (altro…)

Read Full Post »

Bagnasco“DISTRUGGONO LA FAMIGLIA” AL ROGO I LIBRETTI DEL DIAVOLO IL CARDINALE BAGNASCO CONTRO I TESTI DI “EDUCARE ALLA DIVERSITÀ” CHE INDICANO A INSEGNANTI E STUDENTI PERCORSI PER NON DISCRIMINARE.

Il presidente dei vescovi italiani chiede ai politici di mettere al bando i nuovi libri di testo per le elementari e le medie voluti dai governi Monti e Letta per combattere l’omofobia. Secondo il prelato, che ignora la laicità dello Stato, così si trasformano le aule in “campi di rieducazione”.

Allarme, la scuola italiana apre alla “dittatura di genere”. In altri termini alla normalizzazione dell’omosessualità. Parola del presidente della Cei, il cardinale Angelo Bagnasco. La “colpa” sarebbe di tre volumetti dal titolo Educare alla diversità a scuola destinati alle primarie e secondarie di secondo grado.

(altro…)

Read Full Post »

Papa Francesco

Indagine in 12 paesi: anche in Italia vince il dissenso. Resta l’opposizione alle nozze gay

Il sondaggio.

AD ESEMPIO in materia di divorzio, aborto, contraccettivi. Non solo. Ma la maggioranza dei credenti di Europa, America Latina e Stati Uniti è in totale disaccordo con le politiche che non ammettono il matrimonio dei preti o il sacerdozio per le donne.
Questi risultati sorprendenti emergono da un sondaggio condotto per Univision, la principale tv degli Stati Uniti in lingua spagnola, dall’azienda internazionale di consulenza Bendixen & Amandi, che in passato ha lavorato per Nazioni Unite, Banca Mondiale e Casa Bianca. (altro…)

Read Full Post »

PutinLO ZAR IN VISITA DA FRANCESCO, DA PRODI E A CENA DA BERLUSCONI. CONTESTAZIONE PRO PUSSY RIOT: “LA RIVOLTA È FICA”.

E alla fine si fece molto tardi per la cena a Palazzo Grazioli con “menu strettamente patriottico” come promesso da Berlusconi. L’arrivo di Vladimir Putin a Roma è segnato dai ritardi, di 50 minuti slitta l’incontro con papa Francesco, di un’ora quello privato con Romano Prodi, che inevitabilmente fa scivolare il saluto al Quirinale con Napolitano. Cinque aerei e 50 macchine di scorta per lo zar Vladimir e per undici tra dignitari e ministri della corte russa. In Vaticano il colloquio con Francesco nella sala della biblioteca dell’appartamento papale, dura 35 minuti, dopo lo scambio dei doni, per Putin un mosaico che raffigura i giardini vaticani, per il Santo Padre una icona della Madonna di Vladimir veneratissima in Russia. (altro…)

Read Full Post »

Papa FrancescoPapa Francesco è sotto tiro. Troppo insistenti i suoi interventi contro il sistema delle tangenti, della corruzione, del “pane sporco”. Perché di sistema si tratta, non di singoli peccatori. Le parole pacate e perciò più pesanti del procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Nicola Gratteri, sono un segnale allarmante. Il sistema del malaffare è “innervosito” e non tollera una strategia papale di pulizia a 360 gradi.

Non c’è bisogno di pensare a mezzogiorni di fuoco. C’è da rendersi conto invece che si apre una fase di scontro sotterraneo.  (altro…)

Read Full Post »

BergoglioNicola Gratteri, Mafia affari a rischio.

La chiesa è grande perché ognuno ci sta dentro a modo proprio”, scriveva Leonardo Sciascia ne Il giorno della Civetta. Accantonati scandali e anatemi, il cattolicesimo ha consolidato nei secoli la più improbabile delle alleanze: quella coi mafiosi, affezionati frequentatori di parrocchie e confessionali, che accanto ai kalashnikov conservano la Bibbia e dai cui comodini pendono rosari dai grossi grani rossi. “Dio, proteggi me e questo bunker”, è la scritta che, tra un santino di Padre Pio e un bassorilievo raffigurante il volto di Gesù Cristo, i carabinieri del Ros hanno scovato nel rifugio del boss Gregorio Bellocco, nelle campagne calabresi di Anoia. “Faccio il magistrato da 26 anni e non trovo covo dove manchi un’immagine della Madonna di Polsi o di San Michele Arcangelo. (altro…)

Read Full Post »

VauroDURANTE LA MESSA A SANTA MARTA, IL PAPA CONDANNA CORROTTI E AMMINISTRATORI DISONESTI: “HANNO PERSO LA DIGNITÀ”.

Un’abitudine mondana e fortemente peccatrice”. Un vizio degli uomini che “hanno perso la dignità” e sfamano i loro figli con il “pane sporco”. Papa Francesco sceglie toni duri per lanciare il suo anatema contro la “dea tangente” e i suoi “devoti”, un monito anti-corruzione pronunciato ieri mattina durante la rituale messa nella Casa di Santa Marta, in Vaticano. Il ragionamento di Bergoglio parte dalle pagine del Vangelo con la spiegazione della parabola dell’amministratore disonesto, dove un malfattore è elogiato dal padrone per la sua spiccata furbizia. “È la lode della tangente” esclama Francesco, scagliandosi contro lo “spirito della mondanità che piace tanto al demonio” e che pervade la figura protagonista del brano evangelico. (altro…)

Read Full Post »

Papa FrancescoIn 130mila nella città di San Francesco “Basta cristiani da pasticceria”.

ASSISI— «Oggi qui il Signore dia a tutti noi il coraggio di spogliarci della mondanità, che è la lebbra, il cancro della società». Chissà perché Francesco è il primo Papa a entrare nella Sala della Spoliazione, al Vescovado di Assisi. Ben 19 Pontefici, in 800 anni, hanno visitato la città del Poverello, e gli ultimi due (Wojtyla e Ratzinger) complessivamente per otto volte. Ma forse non è un caso che a calarsi interamente nei gesti del santo patrono d’Italia sia un Papa come Jorge Mario Bergoglio, con il guizzo per quel nome semplice e impegnativo che si è dato, e nel cui segno ha compiuto un viaggio storico – Francesco nel cuore del francescanesimo – sei mesi dopo la sua elezione. (altro…)

Read Full Post »

Alle spalle del Papa

Ad Assisi l’accoglienza non prevede neanche la possibilità di andare al bagno gratis. Se uno ha la sfortuna di un bisogno impellente deve sperare nella fortuna di avere sessanta centesimi brevi manu, altrimenti è inevitabile affidarsi a una preghiera per impietosire il responsabile della toilette costruita sotto il piazzale inferiore della Basilica di San Francesco. Niente da fare. Al pellegrino gli spicci vengono donati da un benefattore. (altro…)

Read Full Post »

papa-francesco

Nel mese di agosto il Pontefice ha fatto aprire un’inchiesta sui conti delle cause di beatificazione e canonizzazione. Il motivo? Il fondo delle “cause povere”, che dovrebbe alimentarsi grazie ai contributi dei richiedenti dei processi di ‘santificazione’, non è stato più incrementato. Entro il 31 agosto doveva arrivare sulla sua scrivania un dossier con entrate e uscite, ma non si è concluso nulla. Anche per le resistenze interne, come quella del cardinale Angelo Amato, prefetto della congregazione per le cause dei santi.

Quanto costa diventare santi? È la domanda che ha spinto Papa Francesco a indagare sui conti delle cause di beatificazione e di canonizzazione. Ma il 31 agosto, data stabilita per ottenere delle risposte e dei numeri, sul tavolo del Pontefice non è arrivato nessun dossier. Ciò che aveva fatto insospettire Bergoglio, spingendolo ad aprire l’inchiesta interna, è stato l’esame dei bilanci relativi al fondo per le cosiddette “cause povere“. (altro…)

Read Full Post »

All’Angelus un passaggio “improvvisato”: basta con l’odio fratricida e con le menzogne.

CITTÀ DEL VATICANO— Papa Francesco toglie la terra sotto i piedi di Barack Obama che, rivolgendosi alla nazione, aveva giustificato l’eventuale attacco in Siria come un gesto doveroso, ammantato di motivazioni umanitarie. «Questa guerra è davvero una guerra per qualcosa o serve a vendere le armi del commercio illegale?», ha chiesto ieri a bruciapelo Francesco parlando a braccio
durante un Angelus nel quale ha messo in chiaro cosa egli pensi dei venti di guerra in Siria e in tutto il Medio Oriente. «Occorre dire no all’odio fratricida e alle menzogne di cui si serve, alla violenza in tutte le sue forme, alla proliferazione delle armi e al loro commercio illegale», ha detto il Papa, forte del fatto che anche in Vaticano i dubbi sono tanti. Oltre il Tevere, infatti, c’è chi ricorda le armi chimiche mai trovate nell’Iraq dopo Saddam, quando l’amministrazione Bush intervenne mostrando prove rivelatesi false. Di qui l’ennesimo appello del Papa per la pace: «Cessi subito la violenza, si lavori con rinnovato impegno per una giusta soluzione al conflitto fratricida». (altro…)

Read Full Post »

Il no alla guerra di Papa FrancescoBenvenuti al vero G20 del Pontefice unico leader in un mondo di potenti
Così la voce di Bergoglio si è imposta sulla stanchezza della politica
Il personaggio

WASHINGTON-CI VOLEVA un Papa venuto dalle Americhe per dare una lezione all’America. Era necessario il figlio di culture e di continenti diversi, non più ancorato alla stanca Europa, un uomo con il senso innato e istintivo del rimpicciolimento di un mondo senza più tempeste locali ed egemonie indiscusse.

CI VOLEVA uno così per fare quello che i potenti della Terra, nei loro sempre più irrilevanti festival delle vanità come i G20, non riescono a fare: trovare una voce che attraversi gli oceani d’acqua e di rancori. E che meriti di essere ascoltata.
Era stato accolto con molta indifferenza, e con un retrogusto di ironia, l’appello di Francesco alla giornata di digiuno, a quel piccolo gesto di autosacrificio e di autonegazione che è in tutte le religioni, da quelle che noi chiamiamo «primitive» a quelle teologicamente più complesse, una forma intensa e fisica di preghiera e devozione. I grandi media americani, e la cacofonia della Rete, avevano quasi ignorato questa iniziativa, involontariamente riaccreditando la famigerata battuta di Stalin sulle «divisioni del Papa». (altro…)

Read Full Post »

Non viene reso noto dalle cronache che tipo di prete sia don Roberto Cavazzana, parroco di Comignago. Ma il suo rifiuto di celebrare le nozze della signorina Belen e del suo fidanzato ce lo rende immediatamente amico. «Troppo clamore – ha detto – , si rischia che passi in secondo piano il vero significato della cerimonia, che è un sacramento ». In questo paese slabbrato e facilone, ogni richiamo alla serietà delle cose (non solo delle cerimonie) è un indizio di salvezza. Difficile che gli sposini sappiano coglierlo, con tutti quei paparazzi al seguito. Per tutti gli altri, il messaggio di don Roberto non è equivocabile. È uno di quei “preferirei di no” che aiutano a riconquistare senno e libertà di giudizio. (altro…)

Read Full Post »

A LAMPEDUSA, nel suo pellegrinaggio contro la “globalizzazione del-l’indifferenza”, Francesco ottenne di non essere accompagnato da autorità politiche.

Vederlo affiancato, nell’omaggio ai migranti annegati, da ministri che in precedenza si erano vantati di avere organizzato la pratica incivile dei respingimenti in mare aperto, sarebbe stato per lo meno imbarazzante.
Oggi a San Pietro non sarà così. Papa Bergoglio non ha infatti potuto evitare che alla veglia di digiuno e preghiera da lui promossa contro un’azione militare internazionale in Siria, aderiscano numerosi esponenti del mondo politico, fra cui cinque ministri del governo in carica. Inclusi i responsabili degli Esteri e della Difesa. Non so chi di loro effettivamente digiunerà, né se alcuni di essi vorranno mescolarsi alla folla dei credenti cristiani, ebrei e musulmani, o pacifisti laici. (altro…)

Read Full Post »

L’archivio di Gotti Tedeschi: da Alfano a Tremonti, così si concordavano le leggi.

ROMA— Migliaia di mail. Centinaia di note riservate. Annotava e catalogava tutto con metodo e pazienza l’ex presidente dello Ior Ettore Gotti Tedeschi. E la corrispondenza del suo immenso archivio — che gli interlocutori fossero cardinali, ministri della Repubblica, banchieri, parlamentari, lo stesso Pontefice — non aveva a che fare con il governo delle anime, ma con il Potere degli uomini. Con la solerzia “papista” di deputati che pure hanno giurato sulla Costituzione. Con le urgenze della diplomazia tra le due sponde del Tevere di cui Gotti era diventato snodo cruciale. L’Ici, piuttosto che il disegno di legge sul testamento biologico, la nomina del direttore generale della Rai, il governo tecnico di Monti, le linee di credito del san Raffaele. Ebbene, il segreto che ha protetto quell’archivio, sequestrato nel 2012 dalla Procura di Napoli e trasmesso alla Procura di Roma (dove Gotti è stato a lungo indagato per violazione delle norme antiriciclaggio prima che ne venisse chiesta nel luglio scorso l’archiviazione), ora non è più tale. E queste sono alcune delle storie che quel segreto ha protetto. (altro…)

Read Full Post »

BertoneIl segretario di Stato uscente: ho imiei difetti ma ho dato tutto.

HA SUBÌTO per sette anni critiche e accuse. E ieri, 24 ore dopo l’annuncio delle dimissioni, ha reagito regalando un amaro canto del cigno. «Ci sono stati tanti problemi, specialmente negli ultimi due anni, mi hanno rovesciato addosso accuse… Un intreccio di corvi e vipere… Però questo non dovrebbe offuscare quello che ritengo un bilancio positivo», si è sfogato il cardinale Tarcisio Bertone.

IL GIORNO dopo l’annuncio della destituzione ha il sapore di una nemesi. Il porporato che ha reinventato i viaggi “in vece” del Papa (Cuba, Croazia e numerose altre destinazioni nazionali ed estere) si ritrova “ex” proprio nell’ennesima trasferta fuori le mura leonine: il sessantesimo anniversario delle lacrime della Madonna a Siracusa, ieri pomeriggio. Furono anzitutto questi viaggi, inusuali per la felpata e discreta diplomazia d’oltre il Tevere, a provocare i primi velenosi dinieghi delle gerarchie. (altro…)

Read Full Post »

« Newer Posts - Older Posts »