Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘click day’

Per colf e badanti inviate 208 mila richieste. Tra le nazioni, Bangladesh al primo posto.

MILANO – Sono 293 mila le domande arrivate entro mezzogiorno al Viminale per il primo Click Day che riguarda l’ingresso di 52.080 lavoratori extracomunitari di nazioni che hanno sottoscritto accordi di cooperazione con l’Italia. Sono state inviate 208 mila richieste per colf e badanti e 85 mila per lavoratori subordinati. Il maggior numero si domande – inviate attraverso internet – proviene dalla provincia di Milano (37 mila), seguita da Roma (22.500) e Brescia (18.800). Dal Bangladesh i lavoratori più richiesti (48 mila); seguiti dai marocchini (44 mila) e indiani (36 mila). (altro…)

Read Full Post »

Regolarizzazioni. Dalle otto del 31 gennaio, 52mila datori di lavoro potranno assumere e mettere in regola altrettanti lavoratori extracomunitari. Vinceranno i più veloci, vista la scarsità delle quote in palio (86.580 nuovi ingressi e 11.500 conversioni di permessi di soggiorno). Tutto quello che c’è da sapere.

ROMA  –  Il conto alla rovescia è terminato. La lotteria delle quote è pronta a partire: pochi i biglietti fortunati, solo i più veloci potranno festeggiare. Alle ore 8 in punto di lunedì 31 gennaio scatta infatti il primo click day: 52mila datori di lavoro potranno assumere e mettere in regola altrettanti lavoratori extracomunitari. Ma “attenzione  –  avvertono dal Viminale  –  le quote andranno esaurite in poche decine di minuti”.

LA GUIDA DEL MINISTERO 1

I precedenti. A vincere un posto da regolare saranno dunque i più veloci, visto la scarsità delle quote in palio (86.580 nuovi ingressi e 11.500 conversioni di permessi di soggiorno). Uno passo indietro: l’ultimo decreto flussi risale al 2008: 150mila i posti messi allora a disposizione. L’anno precedente le quote si erano fermate a 170mila. Le domande? Una valanga: le richieste d’assunzione presentate erano state infatti oltre 740mila. (altro…)

Read Full Post »

Tutte le date utili per usufruire del provvedimento. Ma è vietato sbagliare.

Ressa di migranti, in questi giorni, in tutta Italia, negli uffici dei sindacati e della altre associazioni che si occupano delle procedure tecniche per l’ingresso di lavoratori stranieri in Italia, o per la regolarizzazione di chi già si trova sul territorio.
Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 31 dicembre 2010, è infatti arrivato il decreto flussi 2010-2011, che autorizza quasi 100mila nuovi ingressi. Famiglie e imprese potranno chiedere di far entrare in Italia i lavoratori stranieri, i cittadini che sono già qui potranno invece chiedere la conversione in permessi per lavoro di permessi rilasciati per altri motivi.
I datori di lavoro potranno presentare le domande di assunzione via internet registrandosi sul sito del Viminale e gli ingressi verranno assegnati fino a esaurimento in base all’ordine di presentazione. È bene specificare che la procedura avverrà on line e che ci saranno tre diversi “click day”. Una sorta di “lotteria”, come gli anni passati peraltro, dalla quale alcuni usciranno con un permesso e con un lavoro, e altri invece resteranno delusi.

Il primo step: il 31 gennaio

Il primo click day è fissato a lunedì 31 gennaio: i datori di lavoro che intendono assumere i lavoratori provenienti dai paesi per i quali è riservata una quota possono inoltrare le domande a partire dalle ore 8. Quindi sarà possibile spedire le domande per i lavoratori subordinati di ogni settore, cittadini di paesi che hanno accordi con l’Italia e che quindi godono di 52.080 ingressi riservati. Sono: Albania; Algeria; Bangladesh; Egitto; Filippine; Ghana; Marocco; Moldavia; Nigeria; Pakistan; Senegal; Somalia; Sri Lanka; Tunisia; India; Perù; Ucraina; Niger e Gambia. (altro…)

Read Full Post »