Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Congresso Pd’

Secondo fonti della mozione Orlando l’ex premier è a quota 62,4%, il guardasigilli al 29,6% mentre il governatore della Puglia raggiungerebbe l’8%. Dati simili a quelli della mozione Emiliano. Leggermente diversi – ma di poco – i numeri diffusi da sostenitori dell’ex segretario. Affluenza intorno al 50%.

Michele Emiliano sfonda la soglia del 5%, Andrea Orlando sfiora quota 30 punti percentuali e Matteo Renzi supera  il 60%. Sarebbero questi i dati aggiornati sull’esito delle votazioni nei circoli del Pd, secondo fonti della mozione Orlando. Nel dettaglio, quando lo scrutinio è di circa metà delle sezioni l’ex premier è a quota 62,4%, il guardasigilli al 29,6% mentre il governatore della Puglia raggiungerebbe l’8%. (altro…)

Read Full Post »

La mozione ribadisce: anche con il proporzionale scatta l’automatismo L’ex segretario: “Sbaglia chi pensa che ho paura”. E invita Bonino al Lingotto.

ROMA – Il primo a depositare le firme: Michele Emiliano. L’ultimo: Matteo Renzi, però con il commento a margine: ne servono 2 mila ma ne sono state raccolte 37 mila e ancora arrivano, quindi «potrebbero essere oltre 40 mila ». Andrea Orlando, a metà del pomeriggio di ieri, consegna 1996 sottoscrizioni alla propria candidatura a segretario e spiega che il numero è simbolico: è quello dell’anno in cui si presentò l’Ulivo di Prodi.

(altro…)

Read Full Post »

la-frase

Read Full Post »

D'Alema-EpifaniIl segretario: “Niente concessioni al Pdl. La clemenza? Sceglie il Colle”
Il Partito Democratico.

GENOVA— Si va avanti fino in fondo sulla decadenza di Berlusconi anche se questo significa far cadere il governo? «Siiì!». Napolitano dovrebbe concedere a Berlusconi la grazia? «Nooo!». Prima di Epifani, alle domande di Lucia Annunziata rispondono i militanti democratici, che sono venuti in tanti a sentire il segretario al Porto Antico per la conclusione della festa nazionale del partito. Al contrario dei dirigenti, che sono pochissimi e praticamente tutti dello schieramento anti Renzi. A Rosy Bindi in prima fila con D’Alema, Speranza, Cuperlo, Stumpo – scappa detto: «Siamo diventati anche un partito di maleducati, neppure si viene…». Non ci sono Bersani, né Franceschini, praticamente mancano i membri della segreteria (a parte Amendola), nessun ministro del Pd, né presidente di commissione. (altro…)

Read Full Post »