Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘corte dei conti’

LA CENSURA DELLA CORTE DEI CONTI LE INCHIESTE PENALI LE RESPONSABILITÀ DI CONSIP.

L’inchiesta.

Le indagini delle Procure e del Tar, i rilievi di Corte dei conti, Antitrust e Anac stanno travolgendo la società nata per favorire risparmi e trasparenza. Scarse economie, inefficienze e boom dei contenziosi: nel 2015 due milioni e mezzo di sole spese legali.

ROMA – L’inchiesta della procura di Roma sul maxi appalto per il Facility Mangement non è il solo faro che la magistratura ha acceso su Consip, la centrale unica degli appalti nata per favorire risparmi e trasparenza. Ma che si è trasformata, invece, in una fabbrica che produce appalti miliardari e pochi, e soliti, vincitori. (altro…)

Annunci

Read Full Post »

tasse

Nell’ultimo triennio la pressione fiscale comunale è passata dai 505,5 euro 2011 ai 618,4 euro pro capite 2014. Lo scrivono i giudici contabili nella relazione sulla finanza locale. Record nelle città più grandi (in quelle con più di 250 mila abitanti l’imposizione arriva a 881,94 euro a testa) e nei centri sotto i 2 mila abitanti. La colpa? Dei “ripetuti tagli alle risorse statali disposti dalle manovre finanziarie susseguitesi dal 2011”. Per i magistrati, poi, “la crescita dell’autonomia finanziaria degli enti non sembra produrre benefici”.

I Comuni italiani hanno subito tagli per 8 miliardi e le tasse locali sono aumentate del 22% in 3 anni, con un record nella città più grandi e nei centri sotto i 2mila abitanti e un’imposizione fiscale arrivata al limite. E’ la fotografia della finanza locale scattata dalla Corte dei Conti. Nell’ultimo triennio si è verificato un “incremento progressivo della pressione fiscale” comunale, passata dai 505,5 euro 2011 ai 618,4 euro pro capite 2014, si legge nellaRelazione sulla finanza locale, nella quale i magistrati contabili nei giorni scorsi hanno sottolineato come negli ultimi 7 anni gli enti locali abbiano subito tagli per complessivi 40 miliardi e come, a causa della riduzione delle risorse seguita alla riforma Delrio, nella Province siano “a rischio i servizi fondamentali”. (altro…)

Read Full Post »

Le anomalie

Contestazioni a quasi la metà dei Governatori. 

PRESTITI dal Tesoro non regolarmente iscritti fra debiti, in Piemonte. Cessioni di immobili della Liguria che risultano partite di giro in grado di arricchire, grazie alle commissioni, solo la Cassa di Risparmio di Genova. «Discrasie» che impediscono alla Corte dei conti di “parificare” (cioè dichiarare credibile) il bilancio della Campania.
POI le spese non coperte della Sardegna, i controlli inesistenti della Calabria, le leggi senza relazione tecnica della Sicilia, gli aumenti di capitale delle società termali della Toscana, le spese non giustificate dei presidenti in Trentino-Alto Adige, i 1.600 dipendenti fuori bilancio del Friuli.
Non c’è quasi Regione che ne esca indenne. Da quest’anno la Corte dei Conti ha il potere di controllare e certificare i conti dei governatori, grazie a una norma dell’ottobre 2012. E da qualche mese nelle relazioni della Corte stanno venendo alla luce centinaia di trucchi e imbellettature che a volte sconfinano nella falsificazione dei bilanci.

(altro…)

Read Full Post »

Carlo Cottarelli ne ha contate circa 10.000, la Corte dei Conti più o meno 7.500. Numeri enormi, ma ben lontani l’uno dall’altro, che danno proprio per questo l’effettiva percezione della…

Carlo Cottarelli ne ha contate circa 10.000, la Corte dei Conti più o meno 7.500. Numeri enormi, ma ben lontani l’uno dall’altro, che danno proprio per questo l’effettiva percezione della complessità e della poca trasparenza del mondo delle società partecipate. Un settore in gran parte inesplorato e che costa, solo allo Stato, decine di miliardi ogni anno. Proprio tramite il lavoro del commissario alla spending review, il governo punta a mettervi ordine velocemente. Il piano di razionalizzazione di Cottarelli dovrebbe arrivare a breve, entro il mese di luglio, ma intanto i magistrati contabili hanno già fatto i loro calcoli, sollecitando ulteriormente un rapido intervento dell’esecutivo. (altro…)

Read Full Post »

RenziCASO PROVINCIA DI FIRENZE: NELLA BOZZA DELLA RIFORMA DELLA P.A. C’È UNA NORMA CHE DEPENALIZZA LE ASSUNZIONI FACILI. PALAZZO CHIGI: “VERRÀ TOLTA”.

Un articolo “salva-Renzi”. Nel decreto legge Madia sulla pubblica amministrazione, c’è una norma che potrebbe risolvere i problemi del premier con la giustizia amministrativa. Ma da palazzo Chigi assicurando: “È un errore, la faremo sparire”. 

Per spiegarla, serve un passo indietro. Tre anni fa l’attuale presidente del Consiglio è stato condannato in primo grado dalla Corte dei Conti di Firenze per danno erariale. La sentenza è del 4 agosto 2011: secondo i giudici contabili, quando era presidente della Provincia di Firenze (tra il 2004 e il 2009), Renzi è stato responsabile dell’assunzione irregolare di quattro persone nello staff della sua segreteria, con contratti a tempo determinato.  (altro…)

Read Full Post »

Le banche incassano la Corte dei Conti indaga

LA RIVALUTAZIONE DELLE QUOTE DI VIA NAZIONALE NEI BILANCI DELLE BANCHE: A INTESA 2,5 MILIARDI, 1,4 PER UNICREDIT. EUROPA E CORTE DEI CONTI VOGLIONO VEDERCI CHIARO.

Il regalo è ancora da spacchettare ma intanto la rivalutazione delle quote di Banca d’Italia ha ridato ossigeno ai bilanci delle big del credito che in questi giorni hanno annunciato i conti del 2013. In totale parliamo di circa 4,6 miliardi, considerando solo le “grandi firme”.  (altro…)

Read Full Post »

ROMA — È l’Italia delle truffe e degli sprechi, segnata da ruberie e corruzione, frodi e distrazioni ma anche sbagli involontari che sono costati nel 2012 quasi 300 milioni di euro allo Stato.
Autori vari: dai grandi architetti internazionali come Calatrava che per errore ha creato un ponte «troppo scivoloso» a Venezia, al piccolo impiegato marchigiano che si è messo volontariamente in tasca le merendine destinate ai bambini della materna o a quello sardo che ha favorito un appalto in cambio di lavori a casa sua. Ma soprattutto una selva di consulenti inutili e ben pagati, dipendenti infedeli e corrotti, ammini-stratori smemorati capaci di acquistare immobili per poi non usarli o sovvenzionare con 600mila euro a Trieste un museo mai nato.
A fotografare l’Italia degli sprechi è un dossier della procura generale della Corte dei Conti basato sul lavoro dei procuratori regionali. Storie di malaffare quotidiano, figlio di impiegati a dir poco disattenti o corrotti. Come il parcheggio messo sotto sequestro a Genova perché costruito in un sito sottoposto a vincolo storico- paesaggistico, o il giro di mazzette nelle camere mortuarie degli ospedali milanesi. (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »