Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘di maio’

Di Maio

Read Full Post »

Di Maio

Read Full Post »

Di Maio

Read Full Post »

renzi-assemblea-pd

Il premier: “I grillini vogliono solo far male al Pd. Se continuano metto la fiducia dopo un’intesa con Ncd”. Il vicepresidente della Camera: “Noi ci siamo al 100 per cento: il Pd la vuole votare o vuole fare propaganda sulla pelle dei diritti dei cittadini?”. Ma i democratici non si fidano. Così la stepchild potrebbe essere compresa in una riforma generale del settore.

Se non apparisse ironico, dopo tutto quello che è successo negli ultimi giorni, mesi e anni, si potrebbe dire che questa sembra la settimana decisiva per la legge sulle unioni civili. Ma è l’ennesima illusione ottica. Il colpo sotto al tavolo lo dà questa volta il presidente del Consiglio Matteo Renzi che ha parlato da segretario del Pd all’assemblea del partito: noi non abbiamo i voti al Senato per approvare il disegno di legge Cirinnà, quindi o i Cinquestelle votano con noi o facciamo un accordo di maggioranza e metto la fiducia. (altro…)

Read Full Post »

Con i soldi che tagliamo dagli stipendi dei Parlamentari, Sindaci e Consiglieri Regionali il Movimento 5 Stelle costruisce una strada in Sicilia o fa nascere 1000 nuove imprese in tutta Italia erogando Microcredito. Compriamo banchi e computer per gli studenti di una scuola alluvionata a Benevento o restituiamo la prima casa ad una famiglia a cui l’avevano pignorata.
I nostri attivisti istituiscono centri contro Equitalia in quasi ogni regione,permettendo ai cittadini di farsi annullare le “cartelle pazze” da decine di migliaia di euro. I nostri gruppi locali ripuliscono piazze, aiuole o strade lasciate all’incuria dai pessimi amministratori del Pd. (altro…)

Read Full Post »

Grillo e i parlamentari campani Di Maio e Fico accusati di non aver preso posizione sulle infiltrazioni camorristiche che emergono dall’inchiesta che vede indagato per voto di scambio e tenata estorsione il più votato del movimento, già espulso. Serracchiani: “In campagna elettorale davano lezioni di onestà”. Carbone: “Audire il sindaco in Antimafia”. Sel prefigura lo scioglimento per mafia. La nota M5S: “Molti comuni di centrosinistra già sciolti”.

Il Pd va all’attacco del Movimento 5 Stelle sui rapporti con la camorra. Il caso è quello di Quarto, in provincia di Napoli, dove un’inchiesta della magistratura ha fatto emergere le pressioni sulla nuova giunta comunale grillina da parte di un imprenditore ritenuto vicino al clan Polverino. E dove il più votato del Movimento, Giovanni De Robbio, già espulso, è indagato per voto di scambio tentata estorsione nei confronti del sindaco Rosa Capuozzo. I dem contestano soprattutto “il silenzio dei vertici”, da Beppe Grillo ai parlamentari campani Luigi Di Maio e Roberto Fico e rinfacciano due pesi e due misure rispetto alle tante denunce di malaffare provenienti dal Movimento. (altro…)

Read Full Post »

Il fondatore del Movimento sul palco di Italia 5 Stelle a Imola: “Squadra di governo e programma scelti dalla rete. Abbiamo il doppio degli iscritti del Pd”. E poi cita la battuta “rivisitata” dei “Blues brothers”: “Siamo in missione per conto dello Stato e della democrazia”. Il comico chiude cantando.

“Al governo prima che i partiti distruggano tutto”. Gianroberto Casaleggio sul palco di “Italia 5 Stelle” è arrivato tra i cori dei 20mila presenti (200mila per gli organizzatori) “un Casaleggio abbiamo solo un Casaleggio” e un po’ a sorpresa, ha preso la scena al suo socio e cofondatore M5S Beppe Grillo. A lui è spettato infatti l’annuncio più atteso: “La nostra squadra di governo sarà scelta in rete: premier, ministri e programma che sarà pluriennale. Basta lavorare nell’emergenza”. (altro…)

Read Full Post »

Di-BattistaAlessandro Di Battista Il volto M5S alla festa del Fatto spiega perché crede che ci saranno elezioni anticipate: “Hanno paura di noi”.

Il volto più noto del M5S è appena tornato dalla Grecia. “Due settimane, la seconda l’ho passata da solo in tenda in un’isola sperduta. Pochissimi italiani, qualcuno ha creduto di riconoscermi”. Creduto? “L’ultimo giorno si sono avvicinati: ‘Sa, lei somiglia proprio a Di Battista’”. Io ho fatto finto di nulla: ‘Sa che me lo dicono in tanti? E pensare che a me quel Di Battista lì sta proprio sulle palle, io voto Pd’. Ci hanno creduto”. Sul palco della festa del Fatto alla Versiliana, Alessandro Di Battista si scontra molto più con Simona Bonafè che con Giovanni Toti:“Oggi è Renzi il nemico più pericoloso: è al governo e ha consenso. (altro…)

Read Full Post »

MarciaDI MAIO (M5S): “PRONTI A DISCUTERE, PERÒ NON SUL MINIMO: 780 EURO È LA SOGLIA DI POVERTÀ”. MA IN SENATO DEM E SEL DICONO CHE È UN ASSEGNO TROPPO ALTO.

Apparentemente non c’è violenza: si invocano il dialogo, la collaborazione, il raggiungimento degli obiettivi comuni. Ma basta scavare un po’ per accorgersi che sulla proposta di legge sul reddito di cittadinanza, Pd e Movimento 5 Stelle sembrano destinati a non trovare un accordo, anche se in pubblico i toni sono concilianti.   Ieri, infatti, il deputato dei Cinque Stelle e vicepresidente della Camera Luigi Di Maio ha ribadito quanto già detto in un’intervista a La Stampa: “Siamo disposti a tutto il dialogo possibile con il Pd – ha spiegato durante un’iniziativa al cantiere della stazione Tav di Firenze, dettando la linea a tutto il Movimento – ma 780 euro al mese non sono un capriccio, sono la soglia di povertà”. (altro…)

Read Full Post »

Beppe Grillo

DI MAIO: “RENZI FACCIA I NOMI, LI VOTERÀ LA RETE” NON È ESCLUSA ALLEANZA CON OPPOSIZIONI PER INGABBIARE IL PD.

I Cinque Stelle non lasciano, casomai raddoppiano. “Il Pd ci dia i quattro nomi e il più votato dalla Rete lo voteremo già al primo scrutinio” scandisce Luigi Di Maio al Tg1 in prima serata. E sono due messaggi in uno: ora il M5S non si rivolge più a Renzi, ma ai democratici tutti. Soprattutto, vuole rimanere dentro la partita per il Colle. Anche dopo il vaffa di sabato sera di Grillo al Pd e al “buffoncello Renzi” che offrivano un incontro al Nazareno. Hanno voglia di incidere, i Cinque Stelle reduci dalla Notte dell’Onestà in una piazza del Popolo con buona cornice di pubblico. Ora giocano e ragionano anche di strategia. Al punto che nei discorsi riservati non escludono più l’arma da fine del mondo: convergere su un nome potabile assieme a opposizioni e minoranze varie. (altro…)

Read Full Post »

beppe

Quando abbiamo intrapreso l’appassionante percorso del MoVimento 5 Stelle, ho assunto il ruolo di garante per assicurare il rispetto dei valori fondanti di questa comunità.

Oggi, se vogliamo che questo diventi un Paese migliore, dobbiamo ripartire con più energia ed entusiasmo. Il M5S ha bisogno di una struttura di rappresentanza più ampia di quella attuale. Questo è un dato di fatto. Io, il camper e il blog non bastiamo più. Sono un po’ stanchino, come direbbe Forrest Gump. Quindi pur rimanendo nel ruolo di garante del M5S ho deciso di proporre cinque persone, tra le molte valide, che grazie alle loro diverse storie e competenze opereranno come riferimento più ampio del M5S in particolare sul territorio e in Parlamento. (altro…)

Read Full Post »

Grillo

SÌ DALLA RETE CON IL 91,7%. MA GLI ELETTI SI ARRABBIANO. PERICOLO SCISSIONE.

Ieri, ore 10:50: il Movimento che era diverso non lo è più. E l’uno vale uno finisce in soffitta. Il Caro leader Beppe Grillo è “un po’ stanchino”. E fa un passo indietro, anzi di lato. Cala dal blog un direttorio di cinque deputati, “perché io e il camper non bastiamo più”, e il web batte le mani con il 91,7 per cento. Ma i Cinque Stelle esplodono come una mina, in mille frammenti. I dissidenti contrari (ma pure divisi), i falchi furibondi che minacciano l’addio, quelli fedeli alla linea sempre e comunque, i tanti moderati che non ci capiscono più nulla: storditi. E in serata c’è una rovente assemblea dei deputati. Sullo sfondo, la scissione che si fa concreta. Perché Grillo e Casaleggio non vogliono fermarla. Quasi ci sperano, per chiuderla una volta per tutte con i dissidenti. E con l’eterno nemico Pizzarotti: indeciso se andare allo scontro finale.   (altro…)

Read Full Post »

La lettera
Luigi Di Maio, Vice Presidente della Camera dei Deputati scrive 
AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO MATTEO RENZI
AL MINISTRO DELL’INTERNO ANGELINO ALFANO 
E AL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA ANDREA ORLANDO
 
chiedendo spiegazioni sulla perdurante inattività del Governo in merito alla già richiesta intensificazione delle protezioni previste per la salvaguardia dell’incolumità del PM Antonino Di Matteo, impegnato nelle indagini sulla Trattativa Stato-Mafia, alla luce delle ultime notizie di stampa che parlano dell’intensificarsi delle possibilità di un attentato nei suoi confronti.
Da altra-informazione.blogspot.it

Read Full Post »

Di BattistaL’opposizione Alessandro Di Battista.

Un’interrogazione parlamentare, su “un atto parlamentare”. Al Renzi che così definisce il patto del Nazareno, come a sminarne il peso, oggi i Cinque Stelle Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio risponderanno con un’interrogazione alla Camera, in cui chiedono alla presidenza del Consiglio di diffondere i contenuti dell’accordo. Nel testo i due deputati riportano le dichiarazioni dei forzisti sul patto: dal Donato Bruno che lo descrive come “un punto di riferimento che non dobbiamo scalfire”, al Renato Brunetta che parla di un’intesa “su Italicum e giustizia”. Fino al Giovanni Toti che riferisce di “un accordo scritto”. Di Battista e Di Maio invocano da Renzi “un atteggiamento di totale trasparenza nei confronti del Parlamento e dell’opinione pubblica”. Quindi, gli chiedono di riferire i dettagli del patto, e di “renderne pubblico il testo in formato cartaceo”.   (altro…)

Read Full Post »

Di Maio

“Presidente Piero Grasso, in questi giorni sto seguendo le sedute del Senato della Repubblica italiana, da Lei presieduto, durante la discussione delle cosiddette “riforme costituzionali”. Prima ancora del pericolo di un Senato non elettivo o di un Senato soppresso, ieri sera ho assistito con la paura del cuore alla definitiva scomparsa degli organi di garanzia del Paese.
Non è un mistero l’opinione del MoVimento 5 Stelle sull’evanescente imparzialità e autorevolezza di Laura Boldrini e di Giorgio Napolitano. Ma in Lei riponevo ancora un briciolo di fiducia.
Sono discorsi complicati, lo so. Bisognerebbe spiegare in queste ore, ad un’Italia che –giustamente- vuole riposare dopo un anno di lavoro (o di sua ricerca infinita), qual è il valore aggiunto dell’imparzialità del Presidente del Senato nel dibattito tra maggioranza e opposizione. (altro…)

Read Full Post »

L'incontro

“Oggi abbiamo incontrato il Pd. Lenti devo dire: hanno rimandato ad un altro tavolo… dopo 25 giorni di gestazione dal primo. Non gli lasceremo spazio per alibi o perdite di tempo. Dall’inzio della nostra esistenza abbiamo sempre detto “collaboriamo punto su punto” con chi ci sta. Sulle preferenze c’è stata un’apertura (che verificheremo eccome). Non siamo assolutamente d’accordo sul loro Senato non elettivo, ciò non vuol dire che non possiamo votare insieme l’abolizione dell’immunità parlamentare e gli altri punti esaminati al tavolo.
Occhi puntati sul Senato dalla settimana prossima. Si vota per l’immunità parlamentare e vediamo se tengono fede agli impegni di fine tavolo.”

Da beppegrillo.it

Read Full Post »

Conferenza stampa del Movimento 5 StelleC’è un solo modo per stanare il Pacioccone Mannaro Renzi: costringerlo a passare dalla supercazzola al fatto concreto. Per questo, a gennaio, i talebani dei 5 Stelle sbagliarono: non perché Renzi fosse sincero (è uno stato mentale che pare perlopiù ignorare), ma perché – non accettando di “sedersi al tavolo delle riforme” – gli permisero di fermarsi allo step che predilige (la mera promessa) e di consegnarsi voluttuosamente al maestro Silvio. Se il Pacioccone Mannaro può giocare al suo gioco preferito, “Dillo con un hashtag“, è pressoché imbattibile (anche perché ha quasi tutti i media dalla sua parte). Non appena però lo si costringe ad uscire dal magico mondo delle slide e delle pillole-Moccia, non sa già più cosa fare. Renzi è un contenitore pingue di buonismo e nulla, e il nulla (oltre al buonismo) agli italiani piace. Per questo lo votano: perché è un restauratore rassicurante, un po’ tontolone (nell’aspetto) e caricaturalmente carismatico (agli italiani la caricatura al potere piace, da Mussolini a Berlusconi). (altro…)

Read Full Post »

Incontro PD-M5S

Inutile negarcelo, nonostante fossi quasi certo di come sarebbe andato ho comunque ricavato un’ora al Consiglio d’Europa per seguire l’incontro in streming.

Renzi ha fatto il suo classico gioco, ha puntato ai seguenti concetti.

A livello tecnico:- Il “democratellum” è complicato (in effetti lui non l’ha capito);

– Il M5S non vuole la governabilità.

A livello politico:- Il M5S è inesperto;

– Noi siamo responsabili e voi no.

Di contro però si è trovato l’opposto delle sue aspettative ovvero un Toninelli tecnicamente perfetto, come sempre d’altronde, e un Di Maio specchio di serietà e responsabilità, come sempre anche qui. (altro…)

Read Full Post »

Di MaioMovimento 5 Stelle Luigi Di Maio.

Marine Le Pen è solo un’altra rappresentante della vecchia politica. Noi siamo altro: un movimento nato dal basso, e un freno alla deriva verso l’estrema destra”. Luigi Di Maio, deputato di Cinque Stelle e vicepresidente della Camera, chiude a possibili intese con il Front National. 

Le Pen afferma di non capire “l’odio di Grillo nei miei confronti”, e si mostra rammaricata “perché siamo d’accordo su molti punti, a partire dalla lotta all’euro”. Pare un appello. 

(altro…)

Read Full Post »

Beppe Grillo e Expo 2015

Cosa c’è sotto l’EXPO? Interessi, affari, lobby, partiti, speculazioni, due inchieste, un mare di cemento e una montagna di soldi.

I passi seguenti sono tratti dal libro in Creative Commons “Expopolis” di Roberto Maggioni. Il libro completo è liberamente scaricabile da qui

“Di quello che avverrà dentro i padiglioni di Expo non sappiamo nulla, così comenon sappiamo nulla di cosa sarà il dopo Expo. È il vuoto di una città che non sa guardare oltre il 2015.”
“Avete presente il Crystal Palace di Londra, la Torre Eiffel a Parigi o il traforo del Sempione? Queste architetture, veri e propri simboli del territorio che ancora li ospita, rappresentavano all’epoca in cui furono realizzate la sintesi delle sfide dell’epoca e sono ancora oggi la marca delle rispettive esposizioni (1851, 1889, 1906). (altro…)

Read Full Post »

« Newer Posts - Older Posts »