Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Fiorenza Sarzanini’

CliniROMA – Quattro passaggi esteri e poi i soldi arrivavano a destinazione: conto corrente 0247678051 aperto presso la filiale di Lugano dell’Ubs, intestato a Corrado Clini. Nome in codice, «Pesce». Celandosi dietro lo pseudonimo l’ex ministro dell’Ambiente pensava forse di farla franca. Invece sono state proprio le autorità elvetiche a denunciare l’irregolarità di quegli otto bonifici per un totale di un milione e 20mila euro ordinati tra il 2008 e il 2011 contestando il reato di riciclaggio. E alla fine le verifiche effettuate dalla Guardia di Finanza hanno convinto il giudice di Ferrara a far scattare l’arresto. Anche perché il denaro proveniente dai fondi pubblici stanziati per l’Iraq potrebbe essere soltanto una parte dei finanziamenti che Clini ha «stornato» per sé nell’ambito di numerosi progetti internazionali gestiti nel suo incarico di direttore generale.

(altro…)

Read Full Post »

SIENA — L’indagine della magistratura di Siena adesso coinvolge anche la politica. E punta ad accertare i rapporti tra banchieri e rappresentanti dei partiti che a livello locale e nazionale possano aver influito sulle scelte dei vertici del Monte dei Paschi. Le verifiche sull’acquisizione del 2007 di Antonveneta dagli spagnoli del Santander si snodano sul doppio binario: da una parte le manovre finanziarie per rastrellare i soldi necessari a chiudere l’affare, dall’altra i contatti con chi poteva aver interesse — anche personale — al buon esito. L’attenzione si concentra sui comportamenti dei consiglieri di amministrazione, in particolare sul ruolo di Andrea Pisaneschi che rappresentava il Pdl e fu poi nominato presidente dell’Istituto di credito appena acquistato. Ma anche su quanto accaduto all’interno del Pd, con i dissensi che portarono alle dimissioni l’ex sindaco Franco Ceccuzzi.
Soldi e potere, questo è l’intreccio che si cerca di dipanare per capire chi diede il via libera a quell’operazione che si rivelò disastrosa per le casse di Mps con il versamento di nove miliardi e trecento milioni di euro, oltre a dieci milioni di euro di oneri. E che avrebbe invece portato evidenti vantaggi economici ad alcuni manager di vertice. (altro…)

Read Full Post »

«Così il gruppo segreto di giudici voleva screditare i colleghi».

ROMA — Esposti, interrogazioni parlamentari, ispezioni ministeriali con un obiettivo preciso: «Provocare iniziative disciplinari tese alla delegittimazione dei magistrati e al loro allontanamento dagli uffici giudiziari di Potenza». In cima alla lista c’era il pubblico ministero Henry John Woodcock, seguito dal gip Alberto Iannuzzi. Ma l’attenzione si era concentrata anche su altri tre loro colleghi: Vincenzo Montemurro, Laura Triassi e Annagloria Piccininni. Gli atti dell’inchiesta avviata dalla Procura di Catanzaro sulla presunta associazione segreta che sarebbe stata guidata dai sostituti procuratori generali Gaetano Bonomi e Modestino Roca e composta, secondo l’accusa, da carabinieri e finanzieri in servizio in Basilicata, svelano il meccanismo utilizzato per spiare e annientare le toghe ritenute «nemiche».  (altro…)

Read Full Post »