Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘fornero’

La piazzaIl premier: “Lui crea lavoro in Italia ed esporta”.

Cento piazze italiane per dire che la riforma delle pensioni va cambiata e che va introdotta più flessibilità in uscita, perché «41 anni di contributi bastano» e «bisogna lasciare il posto ai giovani e non restare al lavoro fino a 67 anni». Cgil, Cisl e Uil chiedono interventi radicali sulla riforma Fornero e già lanciano il prossimo appuntamento: il 19 maggio ci sarà un’altra manifestazione unitaria a Roma su rivalutazione degli assegni, welfare e non autosufficienza. Ma ieri, dal corteo di biciclette di Torino, al sindaco Orlando in piazza a Palermo, la richiesta è stata la stessa: riaprire il tavolo sulla previdenza.
Le proposte non mancano, da quella del presidente dell’Inps Tito Boeri a quella di Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro di Montecitorio , alla piattaforma che le tre sigle sindacali hanno presentato al governo lo scorso dicembre.

(altro…)

Annunci

Read Full Post »

Tesoretto

LA CORTE COSTITUZIONALE CANCELLA IL BLOCCO ALLA RIVALUTAZIONE DELLE PENSIONI. E ADESSO ALTRO CHE “TESORETTO”.

La voragine è enorme: 5 miliardi di euro da trovare subito, ma è anche di più. Inghiotte parte di un’intera, austera stagione. Passo indietro. L’anno è il 2011. Il mese è dicembre e il giorno è il 4. Il “rigore” chiesto a gran voce al governo tecnico guidato da Mario Monti si delinea in concreto. Elsa Fornero, ministro del Welfare da 18 giorni, si prende l’incombenza di annunciare alcuni spinosi, per usare un eufemismo, capitoli della manovra finanziaria, quella chiamata “Salva Italia”. La docente prende la parola, parla dell’età pensionistica che salirà progressivamente. Impassibile. Poi respira e spiega che qualsiasi intervento sulle pensioni produce risparmi in tempi troppo lunghi. Per cui serve un intervento in più per chi è già in pensione, un “sacrificio”. Ma non riesce a dirlo. Si ferma, fa una smorfia, poi sgorgano le lacrime. A quel punto Mario Monti, sotto un diluvio di flash, prende la parola, conferma sorridendo che sì, stava per dire “sacrifici”, e annuncia per il biennio successivo il blocco dell’adeguamento delle pensioni al costo della vita, eccetto quelle tre volte il minimo. (altro…)

Read Full Post »

Pensioni

Tito Boeri.

Intervista al nuovo presidente dell’Inps. Ecco quali sono le proposte che saranno presentate al governo. Le scelte toccheranno al Parlamento ma l’obiettivo principale è evitare interventi sui trattamenti già definiti.

ROMA – Un reddito minimo garantito per gli over 55 in condizioni di povertà, una maggiore flessibilità di uscita dal lavoro per cambiare la legge Fornero, l’armonizzazione delle regole previdenziali per tagliare quelli che sono soltanto privilegi e per recuperare, all’interno del sistema, le risorse per rendere più equo il nostro welfare state. Da Princeton dove è stato invitato dall’Università (già da prima di aver accettato il suo attuale ruolo) a tenere una conferenza sul nuovo contratto di lavoro italiano a tutele crescenti, Tito Boeri, presidente dell’Inps, anticipa le linee del pacchetto di proposte che l’istituto presenterà al governo a giugno. «Ma prima – dice – vogliamo realizzare un’operazione socialmente importante».

(altro…)

Read Full Post »

Disoccupazione giovanileGiovannini annuncia modifiche alla riforma Fornero.

ROMA— Parla di uno «straordinario risultato» e di una «strategia vincente messa in campo dall’Italia», il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini. Su un’azione europea per affrontare la disoccupazione giovanile aveva scommesso, insieme al premier Letta, fin dal seminario del mese di maggio nell’abbazia di Spineto. E ora annuncia che a settembre si aprirà il nuovo cantiere previdenziale: pensionamento flessibile e introduzione della staffetta tra lavoratori anziani e giovani nel posto di lavoro.
Ma, in concreto, dopo l’accordo di Bruxelles cosa cambiare dal 2014 per i giovani in cerca di un’occupazione?
«Intanto — spiega il ministro in un videoforum a Repubblica Tv—
va detto che ci sono due fonti di finanziamento possibili. È stata rafforzata la Garanzia per i giovani per al quale l’Italia ha lavorato in queste settimane per far sì che i fondi si concentrassero sul 2014 e 2015, anziché spalmati su sette anni. L’altro canale di finanziamento sono i fondi strutturali 2014-2020. Questa è davvero una vittoria italiana».
Dunque cosa cambierà per un giovane in cerca di lavoro?
«Entro ottobre dobbiamo fare il piano di come spendere esattamente questi soldi in modo di essere operativi dal primo gennaio 2014. (altro…)

Read Full Post »

Monti

Questa mattina su Agorà (Raitre) il ministro uscente Elsa Fornero ha affermato, ancora una volta, che non si può conoscere il vero numero degli Esodati. Ma non è vero: i numeri ci sono, dal 5 ottobre 2012, sono 314.576 persone (fonte Ragioneria di Stato). Cifra non troppo lontana dalla stima Inps, che il ministro aveva tanto criticato. Il vero problema, che Fornero non dice, è che nessuno dei 130mila salvaguardati ad oggi ha ricevuto la pensione, tra iter legislativi infiniti e graduatorie ancora in corso.

Ricapitoliamo: dopo un anno di grande confusione il 5 ottobre 2012 la Ragioneria di Stato mette nero su bianco la cifra esatta degli Esodati314.576. Di questi, ad oggi, sono salvaguardati solo 130.130 persone, e già questo sarebbe un dato allarmante perché parliamo di 184.500 persone non salvaguardate. Ma la cosa drammatica, e che nessuno dice, è che dei 130mila salvaguardati, dopo due anni, ancora nessuno ha iniziato a prendere la pensione. La tanto sbandierata “soluzione legislativa”, insomma, che attraverso tre diversi provvedimenti di legge doveva risolvere parte del problema, finora è stata una soluzione solo sulla carta. (altro…)

Read Full Post »

presadiretta

“Faremo il pelo e contropelo alla riforma Fornero: aumentano i disoccupati e i precari. Eppure a parlare con gli imprenditori le ricette ci sono. Politica sveglia!”

Con queste parole, Riccardo Iacona introduceva la puntata che ha parlato del mondo del lavoro: lavoro sfruttato, pagato sempre meno, svalorizzato.
Un mondo, quello del lavoro, che sempre di più si appoggia ai precari, alle partite Iva, ai contratti a progetto.
Eppure la riforma Fornero doveva stabilizzare i precari, doveva mantenere solo la flessiiblità buona, creare posti di lavoro con la parziale abolizione dell’art 19 dello statuto.
Eppure i numeri parlano chiaro: 3 ml di contratti atipici; disoccupazione giovanile al 40% (era al 29% nel 2012) e la disoccupazione in generale è salita da 10 a 11%. (altro…)

Read Full Post »

Ovvero, La repubblica fondata sul lavoro sfruttato.
Questa sera Presa diretta si occupa della riforma Fornero sul lavoro che, assieme alla riforma delle pensioni, è ricordata come una delle riforme strutturali fatte del governo dei tecnici.
Doveva portare nuovi investimenti in Italia, perché avrebbe favorito gli investimenti delle imprese e degli imprenditori bloccati per colpa dell’articolo 18.
Quella parte dello statuto che, come ci ha ben spiegato Monti dall’alto della sua cattedra, sarà anche ispirata da buoni principi “Che alcuni articoli dello Statuto dei lavoratori, ispirati da nobili principi, abbiano reso più difficile costruire posti di lavoro”. (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »