Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘foto’

Questo slideshow richiede JavaScript.

E’ stato un anno eccezionale quello che sta per finire. Dodici mesi puntellati da avvenimenti da ricordare e altri anche da dimenticare, in ogni caso un periodo di esaltanti scoperte e di dolori raccapriccianti, di stragi e di cambiamenti epocali. 2012, un anno insomma, come tanti altri, ma un po’ più attuale, che abbiamo pensato di ripercorrere insieme a voi proprio adesso, mentre scorrono veloci le sue ultime ore. Tra catastrofi inattese come il naufragio della Nave da Crociera Costa Concordia, incagliatasi sulle coste dell’Isola del Giglio e destinata a scalfire poco a poco, con i dubbi sul comportamento del suo comandante Francesco Schettino, la reputazione della marineria italiana. E poi tanti eventi astronomici importanti, come l’eclissi lunare (il 24 febbraio), l’eclissi solare anulare (il 20 maggio), il secondo transito solare, nonché ultimo del secolo, di Venere (il 5 giugno), per finire con l’eclissi solare totale (il 13 novembre). (altro…)

Read Full Post »

I pm depositano gli atti sul presunto ricatto al premier da parte di Tarantini per mentire sulle escort a Palazzo Grazioli. Le intercettazioni confermano la conversazione con il Cavaliere. La segretaria: “Il direttore dell’Avanti parlò di foto. Il presidente capì subito e mi disse di prelevare 10mila euro”.

“Sono tutte cose che non esistono e su cui io scagionerò naturalmente tutti”. Con questa frase Silvio Berlusconi rassicurava Valter Lavitola al telefono lo scorso 24 agosto. E’ quanto emerge dai nuovi atti sul caso Tarantini depositati dai pm napoletani che indagano sulla presunta estorsione al premier. Sentita dai pm di Napoli, la storica segretaria del premier Marinella Brambilla afferma che il direttore de L’Avanti, parlando di “foto”, faceva in realtà riferimento a una richiesta di denaro. La documentazione (che farà parte del materiale a disposizione delle parti in occasione dell’udienza davanti al Tribunale del Riesame chiesta dai legali di Tarantini per la revoca della misura cautelare), contiene anche l’intercettazione di una telefonata del 24 agosto scorso tra il presidente del Consiglio e Lavitola, tuttora latitante, anticipata da un servizio la scorsa settimana da L’Espresso. (altro…)

Read Full Post »

Giannelli da Il Corriere della Sera del 05/05/2011.

 

Read Full Post »

C’è chi per lavoro rischia la vita per uno scatto come quello che vedete qui sopra. A molti sembrerà impossibile, nell’era delle immagini catturate con il cellulare. È ciò che facevano Tim, morto ieri a Misurata, Chris, l’autore della foto e gli altri rimasti feriti. Le nostre strade si erano incrociate nelle ultime settimane. Anch’io ero in Libia fino a pochi giorni fa, a fare lo stesso lavoro. Una fine che ho vissuto quasi in diretta, nonostante la lontananza: me l’ha raccontata da Misurata su Facebook un amico fotografo norvegese, André Liohn, pochi minuti dopo essersi trovato di fronte ai corpi straziati. Ne sono rimasto scioccato sul piano umano, ma purtroppo non sorpreso su quello professionale, perché la Libia in guerra è sicuramente uno dei luoghi più pericolosi in cui mi sia capitato di lavorare. (altro…)

Read Full Post »

Il bello di certi giornali è che usano parole prive di qualsiasi attinenza con la realtà. L’altroieri Napolitano (finalmente, speriamo che duri) respinge al mittente il decreto sul federalismo varato dal governo in barba al Parlamento che l’aveva appena bocciato: decreto “irricevibile”, governo “scorretto”. Il Pompiere della Sera titola: “Napolitano corregge il governo”. Corregge? Che lingua parlano in via Solferino? È tanto difficile chiamare le cose col loro nome? Da qualche giorno Il Fatto racconta ciò che tutti, nelle redazioni dei giornali e nei Palazzi della politica, sanno: e cioè che alcune fra le decine di ragazze e mignotte che vanno e vengono dalle ville del premier hanno scattato foto e girato filmati dei loro incontri ravvicinati col Papi desnudo. E qualcuna ha deciso di farci un bel po’ di soldi, da quando il premier – non richiesto – ha giurato in tv a reti unificate (le sue) che le feste in casa sua sono elegantissime e castissime, trasformando così quegli scatti e quei video in altrettante prove delle sue bugie al popolo italiano. Qualche foto è stata trovata dalla polizia in cellulari, pc e cassetti delle Papi-girls. Altre sono gelosamente conservate dalle ragazze. Altre ancora le ha tolte dalla circolazione Emilio Fede, che dice alla Minetti: “Ho dato 10 mila euro a una che aveva foto scattate col telefonino”. (altro…)

Read Full Post »

Sarebbe la prima vera foto della bugia. Berlusconi nudo tra le lupe di Arcore mostrerebbe a tutti quel povero vecchietto dal quale vuole disperatamente fuggire. E lo inchioderebbero all´anagrafe proprio i corpi tonici, levigati e lussuriosi delle bellezze che vorrebbe impagliare e che invece spietatamente lo impagliano, liquido di contrasto della più triste delle radiografie. Incombe dunque il tableau vivant e la paura della foto ha molta più sostanza della foto stessa, una paura che per la prima volta non è direttamente giudiziaria. E anzi questa paura della foto spaventa forse più dell´intero processo. Difatti «è un fotomontaggio» sostiene – a prescindere – l´avvocato Ghedini che non l´ha vista, ed è il lapsus rivelatore: proprio questa pietosa difesa, in mezzo a tante chiacchiere non verificate, ci fa seriamente pensare che la foto c´è, e non solo è vera ma è addirittura l´unica foto di Berlusconi che non è patacca. Insomma Ghedini è, come dice il vecchio proverbio delle mie parti, «il lupo della coscienza: così come opera, pensa». (altro…)

Read Full Post »