Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘fotografia’

Questo slideshow richiede JavaScript.

La crisi economica e le trasformazioni globali che l’hanno innescata. Le guerre aperte e le rivolte silenziose, i conflitti sociali e i disastri ambientali, testimoniati dagli scatti di 19 importanti fotoreporter mondiali.

Dal premio Pulitzer Rick Loomis a Pietro Masturzo, il giovane napoletano vincitore del Word Press Photo 2010, arrestato dopo aver documentato la protesta delle donne sui tetti di Teheran, fino a Ashley Gilbertson, vincitore della medaglia d’oro “Robert Capa”.
La mostra che verrà ospitata alle Officine Fotografiche di Roma, dal 21 gennaio al 21 febbraio, offrirà un mosaico di immagini sui temi fondamentali del nuovo millennio. Dai rifiuti di Scampia ai clochard che vivono nella metro di New York, dalla guerra in Iraq fino alla liberazione di Aung San Suu Kyi in Birmania, raccontata dagli scatti ancora inediti di Pietro Masturzo.
Organizzata dalla rivista Loop con il contributo della Provincia di Roma, l’esposizione collettiva si pone da un lato come una ‘cartografia della crisi’, nei suoi molteplici aspetti, ma anche come un tentativo di prefigurare il mondo nuovo e ancora inesplorato che essa sta dischiudendo, facendo emergere le conseguenze più inquietanti ma anche le imprevedibili risposte positive che in varie parti del globo ha generato. Esporranno gli autori che dal 2008 hanno collaborato a vario titolo con la rivista, nata in Italia quando New York veniva scossa dai primi segnali del terremoto finanziario mondiale: da Rick Loomis a Giancarlo Ceraudo, da Pietro Masturzo a Ashley Gilbertson, da Reza a Riccardo Venturi e Walter Astrada. «Mentre tutto si frammenta e personalizza, si fa instabile e transitorio, dai rapporti umani ai rapporti di lavoro, all’informazione – spiega Stefano Simoncini, photoeditor di Loop e tra i curatori della mostra – abbiamo cercato di costituire una visione condivisa della realtà che ci circonda, di far trasparire la struttura nascosta degli interessi e dei conflitti, di far affiorare storie di eroi ignorati. La fotografia – conclude Simoncini – è scrittura per immagini che lascia spazio all’immaginazione, seleziona i momenti salienti di un’esperienza, parla ancora del rapporto tra realtà e soggetto». La mostra è dunque un viaggio “dentro l’apocalisse” attraverso una raccolta d’immagini “straordinarie”, ma è anche una descrizione delle “potenzialità linguistiche ed espressive” della fotografia come strumento ideale per raccontare una “difficile” e “opaca” contemporaneità. 
Lo spazio e il periodo dell’esposizione saranno anche l’occasione per dibattiti e incontri letterari e teatrali sui temi della crisi del giornalismo e della fotografia.

espresso.repubblica.it

Read Full Post »

Prima di cominciare con il programma culturale autunnale, vi lasciamo godere ancora un po’ la vostra meritatissima pausa estiva suggerendovi, però, di segnare in agenda un’esposizione veramente imperdibile.

Si tratta della mostra di fotografie dell’artista tedesca Loretta Lux: ritratti tra sogno e realtà, preda di una serenità quasi alienante, di un’infanzia colorata e a tratti inquieta.

Loretta Lux è colta, ha studiato pittura prima di dedicarsi alla fotografia, e l’attenta analisi della ritrattistica classica è stata l’ispirazione per coordinare la fissità del dipinto con le più attuali tecniche della fotografia.  

È manipolazione, dell’immagine e della trasmissione concettuale per scuoterci dal nostro torpore che assimila tutto il visivo senza riflettere. Bambini contemporanei, messi in posa, abbigliati come se venissero dal passato, ambientati in contesti di una calma e serenità alienante. (altro…)

Read Full Post »

Al MoMA di New York in mostra da settembre i nomi più interessanti del panorama fotografico internazionale: Alex Prager, Roe Ethrige, Ed Lassry, Amanda Hoss-Ro.

Che relazione c’è tra una foto “diretta”, la foto documentaria che cerca di riprodurre fedelmente la realtà, e una foto costruita, e più in generale tra un’immagine e una fotografia? Per inoltrarsi in questo terreno incerto e fitto di riferimenti quattro artisti hanno scelto, ognuno a suo modo, di complicare – come in un gioco di specchi e di rimandi – la loro produzione, prendendo in prestito gli alfabeti di altre categorie di immagini, gli strumenti tecnici e concettuali di altri mondi visivi.

New Photography 2010, la mostra che occuperà da settembre a gennaio le Edward Steichen Photography Galleries del MoMA, segna un altro passo nella ricerca espositiva del Museo d’Arte Moderna di New York nella fotografia contemporanea, con la presentazione del lavoro di Roe Ethridge, Elad Lassry, Alex Prager e Amanda Ross-Ho, età compresa tra i 31 e i 41 anni.

Roe Ethridge adotta uno stile editoriale, utilizzando stilemi e figure prese da immagini commerciali e addirittura frammenti delle sue stesse illustrazioni create per delle riviste e periodici: siamo tra la pubblicità, la moda e la foto da stock, metalinguaggi scelti per approdare a un altro linguaggio ancora.

 

 

(altro…)

Read Full Post »