Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Gianni Barbacetto’

L’inchiesta – Turbativa d’asta per il primo cittadino che autorizzò lo stralcio dell’appalto sugli alberi contro il parere di altri manager.

Giuseppe Sala autorizzò lo stralcio – illegittimo – dell’appalto sugli alberi di Expo, contro il parere di tutti gli altri manager che si occupavano dell’appalto. E sapeva che stava per compiere un atto fuorilegge, un falso, quando retrodatò la nomina di due commissari supplenti della gara per assegnare il più grande degli appalti Expo. È quanto emerge dalle intercettazioni e dai documenti depositati dalla Procura generale di Milano al termine delle indagini sulla “piastra” che il procuratore generale Roberto Alfonso aveva tolto alla Procura, ritenuta “inerte”. Tra gli indagati c’è anche Sala, in quanto commissario e amministratore delegato di Expo spa. (altro…)

Annunci

Read Full Post »

Il caos per la Juve – I Dem hanno cercato di influenzare la Procura – denigrandola – per far indagare il sindaco sui fatti di piazza San Carlo.

Il Pd all’attacco della Procura di Torino. Accusata di non cercare la verità sui fatti del 3 giugno 2017, quando la folla che in piazza San Carlo stava assistendo alla finale di Champions tra Juventus e Real Madrid è rimasta vittima del panico provocato forse da un falso allarme. Esito: un morto e 1.500 feriti. “A Torino non esiste la serenità necessaria per perseguire la verità e la giustizia”, ha dichiarato qualche giorno fa il segretario del Pd cittadino, Fabrizio Morri. (altro…)

Read Full Post »

Amnesie – Il Caimano torna sulla scena come interlocutore dell’ex rottamatore per fare la legge elettorale e da argine al “populismo”. Ma il suo passato è tutto una macchia.

Silvio torna. Sì, Berlusconi si prepara a essere di nuovo al centro della vita politica italiana. Come leader del suo schieramento, che non ha trovato un “federatore”. Ma anche come interlocutore privilegiato, anzi unico, del centrosinistra di Matteo Renzi, per fare la legge elettorale. Intendiamoci: nel centrosinistra per vent’anni hanno ripetuto che non bisognava demonizzarlo. Ma allora almeno qualcuno c’era a ricordare ogni giorno i conflitti d’interessi, le amicizie pericolose, le indagini penali. Del resto, occupava la scena politica e parlare con lui, se non trattare con lui, poteva apparire scelta obbligata. (altro…)

Read Full Post »

Giovanni Falcone ci ha insegnato che cosa è l’atomizzazione: prendi un’inchiesta, un fatto, un fenomeno, li spezzetti nelle loro diverse componenti e finisci per non capirci più niente. Era il trucco che usavano in Sicilia per non arrivare a condannare Cosa nostra. Ma è un metodo che funziona sempre, anche oggi, quando non si vuole affrontare la realtà di un fatto. Si parva licet, scendendo a cose minute, l’atomizzazione è stata usata per non capire quello che è successo in Consiglio comunale a Milano il 27 febbraio 2017. (altro…)

Read Full Post »

boschiSi scandalizzano soltanto per Roma – Dalla Boschi che si occupa della banca del padre a Sala che nomina assessore il socio: mai un’obiezione.

Il conflitto d’interessi? È stato il tormentone di vent’anni di vita politica italiana. Per due decenni si è parlato molto degli incroci incestuosi tra incarichi pubblici e affari privati, contemplando una montagna su cui era seduto un imprenditore, padrone della tv in Italia, che si era fatto anche politico e capo del governo. Molte parole e pochi fatti, tanto che stiamo ancora aspettando una legge che lo regoli davvero, il conflitto d’interessi. (altro…)

Read Full Post »

revelliMarco Revelli – “Quella che i media chiamano sinistra dimentica ‘lo scandalo della disuguaglianza’. E il popolo le volta le spalle”. Il sociologo: “In Francia utile provocazione, da noi sulla povertà solo elemosina”.

La proposta di “reddito universale” avanzata da uno dei candidati socialisti alle primarie presidenziali in Francia? “Nella sua radicalità è una proposta provocatoria: positivamente provocatoria”, dice Marco Revelli, storico, sociologo, politologo, per qualche anno presidente della Commissione di indagine sull’esclusione sociale. “Una provocazione che cade in un terreno già arato, perché in Francia esiste già una forma di reddito integrativo”. (altro…)

Read Full Post »

generaleGiuseppe Bottillo – Promosso e trasferito in Friuli il capo del valutario: coordinava le indagini sulla Kering (dove compare papà Renzi).

Poco prima di Natale aveva ricevuto la promozione prevista: da generale di brigata era stato nominato generale di divisione. Meno prevedibile il trasferimento pressoché immediato, senza preavviso, in una sede giudicata non proprio centrale: il comando regionale Friuli Venezia Giulia della Guardia di finanza. Così ieri, 9 gennaio, il generale Giuseppe Bottillo ha preso immediato possesso della sua nuova sede, a Trieste. Tradizionale cerimonia di avvicendamento con il generale Giuseppe Gerli (destinato ad assumere il comando regionale dell’Emilia Romagna), presso la caserma triestina Campo Marzio, alla presenza del comandante interregionale dell’Italia nord-orientale, il generale di corpo d’armata Flavio Zanini. (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »