Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘greggio’

Brasile/ IL GOVERNO CONTRO LA MULTINAZIONALE USA.  
La  sarà multata per «danno ecologico» dal ministero dell’Ambiente brasiliano. È responsabile della fuoriuscita di greggio da un pozzo sottomarino al largo della costa di Rio de Janeiro che ha contaminato la zona. L’incidente è avvenuto l’8 nopvembre scorso, durante la trivellazione di un pozzo sperimentale nell’area di Campo Frade, a 370 km a nord-est del litorale carioca: una rotta migratoria per delfini e balene, secondo gli organismi brasiliani per la tutela dell’ambiente.
L’incidente, che la multinazionale Usa non aveva reso noto, è venuto alla luce il 10 novembre quando l’Organizzazione non governativa Sky Trhth ha pubblicato le foto che mostravano una chiazza di petrolio sull’oceano lunga 35 miglia, che è arrivata fino a 120 km dalle spiagge di Rio. Secondo Greenpeace, la chiazza copre oltre 1.500 km quadrati: «La multinazionale Chevron, già sotto accusa per danni ambientali e violazione dei diritti umani per aver versato petrolio in Ecuador – ha dichiarato la rappresentanza brasiliana dell’organizzazione ambientalista – ora porta il suo marchio in Brasile».  (altro…)

Read Full Post »

Inquinamento nel Delta del Niger.

“La Shell deve impegnarsi a pagare la quota iniziale di un miliardo di dollari per bonificare la zona di Bodo, nell’Ogoniland, danneggiata da due grandi fuoriuscite di greggio nel 2008”. Lo chiede Amnesty International che, con il Centro per l’ambiente, i diritti umani e lo sviluppo (Cehrd) ha diffuso ieri un rapporto dal titolo “La vera tragedia: ritardi e mancanze nella gestione delle fuoriuscite di petrolio nel Delta del Niger (in inglese in .pdf) nel quale di documenta la devastazione nella regione a cui potrà essere posto rimedio solo in 25 anni.

Lo scorso agosto, il Programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (UNEP) con unrapporto ha certificato l’inquinamento da petrolio in corso da molti anni e ha raccomandato l’istituzione di un Fondo per il recupero ambientale da finanziare inizialmente con un miliardo di dollari e poi con ulteriori successivi contributi. La Shell, che ha dichiarato utili per 7,2 miliardi di dollari per il periodo luglio-settembre, offrì inizialmente alla comunità di Bodo 50 sacchi di riso, fagioli, zucchero e pomodori. (altro…)

Read Full Post »

Report: bonifiche fantasma e pesci ripuliti dal catrame per essere venduti. Sui fondali davanti a Genova giacciono ancora cinquantamila tonnellate di greggio. Che non fermano i pescatori.

pescatori,Altro che Louisiana, la marea nera di petrolio abita qui. Davanti alle coste tra Genova e Savona più di 50mila tonnellate di greggio giacciono sui fondali. Dimenticate da chi avrebbe dovuto bonificare la zona, inquinano l’acqua, intossicano e ricoprono di una melma grigiastra i pesci che si ammalano di cancro. Solidificato dal tempo fino ad apparire come massi lunari, il petrolio affolla le reti dei pescatori liguri nonostante vadano a gettarle lontano dalla zona off limits. Eppure, secondo le autorità, qui non dovrebbe esserci traccia del più grande disastro ecologico del Mediterraneo. Quello della superpetroliera Haven, inabissatasi davanti ad Arenzano con 144mila tonnellate di greggio dopo un esplosione che provocò la morte di cinque marinari l’11 aprile del 1991.

Da allora sono passati quasi vent’anni ma gli effetti di incuria o disattenzione, burocrazia o superficialità che denuncia Report in un documentario di Sigfrido Ranucci in onda questa sera, sono evidenti tra quei pesci morenti incatramati dai fondali. Un disastro senza colpevoli visto che la compagnia greco-cipriota è uscita assolta dopo aver addossato le responsabilità al capitano, morto nell’incidente. Un disastro che continua nell’indifferenza, nonostante ricercatori, pagati dallo Stato, abbiamo messo in allerta governo e ministeri della gravità della situazione.
Ma andiamo con ordine. Bastano pochi numeri a raccontare questa storia italiana. All’indomani dell’incidente, gli esperti stimano il danno ecologico in duemila miliardi di lire. L’Italia ne riceve 117 come risarcimento che decide di impiegare così: 32 per bonificare il mare e 60 ai Comuni del litorale come risarcimento. In realtà, di miliardi ne sono stati spesi solo 16 (circa 8 milioni di euro) ma per bonificare parte della Haven – dopo che il governo Berlusconi li aveva affidati nel 2005 alla Protezione civile – certificando poi che le acque erano pulite. Così non era, evidentemente, ma tanto fa e così gli altri 8 milioni di euro destinati a disinquinare il mare – e attribuiti di nuovo alla Protezione civile nel 2009 – sono stati impiegati per mettere in sicurezza la Stoppani, un’azienda che aveva inquinato di cromo e rame le acque, e in parte per la mobilità dei lavoratori. (altro…)

Read Full Post »