Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Il nostro tempo è ADESSO’

Questo slideshow richiede JavaScript.

Da Roma a Napoli. Poi Torino, Milano, Palermo, Firenze… In strada per denunciare ancora che “non si arriva alla fine del mese”. Che non “esistono ammortizzatori sociali”. E per lanciare una sfida: “Adesso ci siamo messi in movimento. Vogliamo cambiare il Paese”.

Vivono come stranieri in patria. Come ospiti, e non cittadini, del Paese che dovrebbe fornire loro diritti, garanzie, prospettive per il futuro. E oggi hanno gridato, ballato e sfilato nelle strade delle città italiane per manifestare la rabbia per la loro condizione. I giovani precari hanno lanciato un messaggio chiaro, non equivocabile: “Il nostro tempo è adesso”. Da Roma a Napoli. Poi Torino, Milano, Palermo e tante altre città. Una festa amara. Per denunciare ancora una volta che “non si arriva alla fine del mese”. Che non “esistono ammortizzatori sociali”. Che vivono “con il desiderio di avere una famiglia”. E con la prospettiva di non “riuscire nemmeno ad andare in vacanza”. Una generazione che si è incontrata per decidere che è tempo per un’azione comune, diffusa, incessante. “Per riprendersi il futuro e cambiare l’Italia”. (altro…)

Annunci

Read Full Post »

«Il nostro tempo è adesso, la vita non aspetta». I manifesti gialli che richiamano alla giornata di mobilitazione i lavoratori precari di tutta Italia tappezzano ormai i muri delle città.

La Capitale sarà oggi l’epicentro delle iniziative con una street parade che sfilerà da Piazza della Repubblica (partenza alle ore 15,00) al Colosseo. «Vogliamo essere ironici e dissacranti», si legge sul sito del comitato promotore, «e vogliamo che ad essere visibili siano le persone e le reti che hanno aderito all’appello e alle iniziative fatte fino ad ora». Alle iniziative in tutto il Paese hanno tra gli altri aderito il Pd, l’Idv e Sel la Cgil, ma anche il comitato «Se non ora quando» i Verdi, Pdci-Federazione della sinistra. (altro…)

Read Full Post »

Il 9 aprile 2011 sarà una grande giornata di mobilitazione in cui finalmente noi precari, disoccupati, lavoratori autonomi, studenti, noi giovani senza diritti scenderemo in piazza per manifestare, uniti, la nostra esistenza, per rivendicare i diritti che oggi ci sono negati, per far sentire la nostra voce e raccontare chi siamo, perché vogliamo un altro paese, un paese che investa sulla ricerca e sulle giovani generazioni invece di relegarle ai margini del sistema produttivo, mortificandone le competenze e cancellando ogni possibilità di realizzazione personale. (altro…)

Read Full Post »