Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘landini’

Annunci

Read Full Post »

landiniChe fine ha fatto Landini? – Il segretario della Fiom: un filo lega il contratto dei metalmeccanici alla battaglia sulla Costituzione.

La Fiom è ancora in campo”. Maurizio Landini non ha dubbi quando gli si chiede che fine ha fatto. Anzi, si dice convinto che il lavoro svolto negli scorsi anni germoglierà in quella che definisce la “stagione referendaria”: il referendum costituzionale dove Fiom e Cgil invitano a votare No. E poi i referendum sociali di primavera, per la prima volta indetti da un sindacato, che punteranno ad abolire le norme sui voucher, sugli appalti e soprattutto sul reintegro nel posto di lavoro. Due appuntamenti in cui il sindacato entra direttamente nel campo della politica e dopo i quali Landini lascerà la Fiom per trasferirsi, con un ruolo nella segreteria nazionale, in una Cgil che oggi considerà molto più in sintonia con le proprie posizioni. (altro…)

Read Full Post »

rodotàAntonio Padellaro, nella sua rubrica domenicale Senza Rete ha rilanciato l’allarme dell’urgenza di “un’opposizione sociale e civile per arginare la deriva qualunquista del renzismo”. Il fondatore del Fatto Quotidiano ha proposto di rifondare “un comitato di salute pubblica – guidato da Stefano Rodotà _, formato da giuristi, giornalisti e da quei politici che non hanno ancora deposto le armi”, perché si torni “ad alzare la testa e a riempire le piazze in difesa della Costituzione (e non solo)”. Abbiamo chiesto ad alcuni rappresentanti della società civile un parere in merito. (altro…)

Read Full Post »

LANDINIL’INTERVISTA/MAURIZIO LANDINI (FIOM): OGGI GLI OPERAI DAVANTI ALLA SEDE DEM.

ROMA Il Mezzogiorno non è una parte separata dell’Italia. Il governo dovrebbe chiedere all’Europa di varare un piano per lo sviluppo economico del Mediterraneo. Maurizio Landini spiega cos“ la presenza dei lavoratori delle fabbriche in crisi del Sud questa mattina di fronte alla sede del Pd. A costo di essere accusato di industrialismo non credo che il nostro Mezzogiorno possa vivere di solo turismo.

(altro…)

Read Full Post »

LandiniL’intervista.

Il leader della Fiom replica al segretario della Cgil, Camusso: “Proposta vecchia e insufficiente, la coalizione sociale si muove nella stessa direzione”.

ROMA – Non è «sommando semplicemente » Cgil, Cisl e Uil che i sindacati usciranno dalla crisi. Serve di più, dice Maurizio Landini, segretario generale della Fiom: «Serve una riforma profonda delle organizzazioni sindacali perché il mondo del lavoro oggi è frantumato e non ha rappresentanza. E serve più democrazia perché i lavoratori possano eleggere i dirigenti sindacali e votare sugli accordi che li riguardano. Insomma in prospettiva serve un nuovo sindacato unitario e pluralista». Questo — aggiunge — è anche l’obiettivo della Coalizione sociale lanciata dalla Fiom insieme ad altre associazioni. «La Coalizione sociale non è affatto alternativa all’unità sindacale ».

(altro…)

Read Full Post »

LandiniIL SINDACATO SULLE BARRICATE CONTRO L’ULTIMA SORPRESA: DOPO L’ART. 18 TOCCA ANCHE ALL’ART. 4, IL PADRONE CONTROLLERÀ I DIPENDENTI. IL PD: “CGIL STAI SERENA”.

RENZISMO APPLICATO

Se uno viene autorizzato a entrare nei mezzi di comunicazione che usano le persone è difficile non definirlo un grande fratello: è un abuso rispetto alle norme di diritto che esistono sulla privacy delle persone”. Susanna Ca-musso, segretario generale della Cgil, è già pronta a impegnare il sindacato nella pressione sulle commissioni parlamentari che dovranno valutare la delega fino alla possibilità di fare ricorsi anche alla corte di giustizia europea. Per la Cgil, insomma, l’ultima sorpresa del Jobs act, ovvero la possibilità per il datore di lavoro di controllare i proprio dipendenti tramite telefonini, tablet e computer, è inacettabile.   DOPO l’abolizione dell’articolo 18 il governo Renzi, dunque, manda in soffitta anche l’articolo 4 dello Statuto dei lavoratori datato 1970: il divieto assoluto “di usare impianti audiovisivi e altri apparecchi per controllare a distanza l’attività dei lavoratori”. (altro…)

Read Full Post »

 

landini-renzi

Assemblea di presentazione del nuovo movimento politico, il leader della Fiom ribadisce: “Fuori dai partiti, ma pronti a confrontarci per battaglie contro leggi sbagliate”. Escluse le “mire personali”. Attacchi a Renzi, standing ovation per Rodotà. Pedica (Pd): “Solo una coalizione banale, doglianze senza proporre soluzioni”.

Coalizione sociale non sarà un partito, ha ribadito il segretario della Fiom Maurizio Landini durante la presentazione a Roma, al centro congressi Frentani, del nuovo movimento politico. L’obiettivo non “sono certo mire personali”, sottolinea Landini, ma ripristinare la “cultura dei diritti” nel Paese. “Noi restiamo fuori dai partiti – spiega – ma nelle battaglie e nelle lotte siamo pronti a confrontarci con chiunque per cambiare le leggi sbagliate”. (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »