Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘legge elettorale’

Battibecco pepato a Otto e Mezzo (La7) tra il giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, e il deputato Pd, Roberto Giachetti. Scanzi spiega: “Ci sono molti costituzionalisti che sostengono che, dopo le elezioni, la Consulta si pronuncerà negativamente anche su questa legge. Quindi, rischiamo di avere un altro Parlamento sostanzialmente illegittimo. La veloce descrizione che Giachetti prima ha fatto sui motivi per cui è saltato il Tedeschellum era appena faziosa. C’erano delle colpe del M5S, ma è anche vero che c’era un emendamento in cui il M5S chiedeva di reintegrare le preferenze e il Pd neanche ci ha pensato e ha fatto saltare il programma, prendendo a pretesto un emendamento sul Trentino Alto Adige”. (altro…)

Annunci

Read Full Post »

Voltagabbana – I renziani giuravano la fine dei listini, gli azzurri gridavano al fascismo di Matteo.

Il 16 settembre 2011, da sindaco di Firenze, Matteo Renzi convocò i giornalisti a Palazzo Vecchio per farsi immortalare mentre firmava per il referendum abrogativo del Porcellum. Una legge che definì testualmente “una vergogna”: “Oggi – disse – c’è un meccanismo di legge elettorale per il quale non importa essere bravi o avere voti, basta essere fedeli e obbediente al capo corrente e si va in Parlamento”. In un’altra occasione aggiunse: “Occorre ridare agli elettori il diritto di scegliere con le preferenze”. Pochi anni più tardi, Renzi ha fatto chiedere la fiducia sul Rosatellum: una legge elettorale che non contempla le preferenze, ma contempla – eccome – le liste bloccate (dalle quali dipenderanno almeno due terzi degli eletti). Quelle che portano in Parlamento chi è “fedele e obbedienti al capobastone”. (altro…)

Read Full Post »

Il Rosatellum Bis, che fa già schifo a partire dal nome, non garantisce governabilità: garantisce il renzusconismo. E’ un obbrobrio antidemocratico che riciccia, e riverbera, le immani brutture di Porcellum e ItalicumNominati, pluricandidature. Ha uno sbarramento finto al 3%, aggirabile col giochino delle liste civetta (tipo il movimento della Brambilla, ma pure la sbroscia pavida di Pisapia, convinto di spostare il 20% quando al massimo sposterà stocazzo). (altro…)

Read Full Post »

Lo ius culturae non poteva essere approvato – disse il ministro Alfano alla festa de l’Unità – perché, nonostante sia nei valori e nel programma, sarebbe un favore alla Lega di Salvini.
La legge sui vitalizi, che li aboliva, è rimasta ferma alla Camera. Bloccata dalla stessa maggioranza che l’aveva approvata alla Camera.
Non c’è il reato di tortura, non si è discusso della legge sulle droghe leggere, una legge sulla regolamentazione delle lobby e sul conflitto di interesse.

(altro…)

Read Full Post »

Read Full Post »

La misura è colma. Non solo hanno architettato una legge elettorale che non consente ai cittadini di scegliere – senza preferenze e con un sistema che disperde il voto – ma adesso stanno anche impedendo al Parlamento di discuterla questa legge.

Il Governo ha posto la questione di fiducia
, nonostante Gentiloni aveva assicurato che l’esecutivo non avrebbe avuto un ruolo sulla legge elettorale. Perché sono deboli, hanno paura dei voti segreti e quindi i propri parlamentari devono costringerli a farli votare.  (altro…)

Read Full Post »

Read Full Post »

Older Posts »