Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘lodo’

In attesa di conoscere le prove schiaccianti che la pur prudente “nuova” Procura di Milano ha scovato sui bunga-bunga del presidente del Consiglio dei ministri, tanto da chiedere di processarlo subito con rito immediato, il pensiero corre solidale all’on. avv. Niccolò Ghedini. Il pover’uomo era appena uscito dalle forche caudine della Corte costituzionale, era addirittura riuscito a far credere al suo illustre assistito che la stroncatura del legittimo impedimento è un mezzo trionfo per la difesa, e proprio mentre pregustava qualche ora di meritato riposo del guerriero, ecco capitargli tra capo e collo una nuova tegola di dimensioni inaudite: pare che il suo instancabile cliente, già noto per corruzioni, falsi in bilancio, appropriazioni indebite, finanziamenti illeciti, minacce a organi dello Stato nonché per indagini di mafia, riciclaggio e strage, abbia recentemente aggiunto alla sua invidiabile collezione un paio di delitti che ancora gli mancavano: concussione e prostituzione minorile. Per lui, come dice Luttazzi, il Codice penale è un catalogo di opzioni. Onore al procuratore Edmondo Bruti Liberati che, grazie al lavoro di Ilda Boccassini, Pietro Forno e alcuni sostituti, ha cambiato idea sulla “regolarità” inizialmente certificata su quanto avvenne la notte del 27 maggio 2010, quella della telefonata in Questura del premier che spacciava la giovane Ruby per la nipote di Mubarak e induceva i funzionari ad affidarla alla sua igienista dentale e consigliera regionale Nicole Minetti, giurando che questa se ne sarebbe presa cura, mentre invece l’abbandonò nelle grinfie di un’amica prostituta (di qui l’accusa di concussione). La pm minorile Annamaria Fiorillo giurava che quella notte furono commessi dei reati, e aveva ragione. Disonore dunque al Csm che ha rifiutato di tutelarla dalle bugie compiacenti del ministro dell’Interno Maroni. Ghedini s’è subito messo all’opera con le consuete dichiarazioni-autogol. Stavolta non ha detto che B. “alla peggio sarebbe l’utilizzatore finale” di Ruby, anche perché proprio questa è l’accusa. E non ha nemmeno ripetuto che B. non sapeva della minore età della ragazza: avendo chiesto alla Questura di affidarla alla Minetti, è ovvio che sapesse che aveva meno di 18 anni, visto che l’affido è previsto per i minorenni, non per i maggiorenni. No, questa volta Ghedini ha tuonato contro la “violazione della privacy del premier”. Dal che si può facilmente intuire che nemmeno lui può giurare che B. non abbia fatto le cose di cui è accusato: ritiene solo che attengano alla privacy del suo illustre cliente. Una vaccata clamorosa: (altro…)

Read Full Post »

La cosa più sconcia della legge ad personam numero 40, quella che darà all’Italia l’unico premier al mondo con l’autorizzazione a delinquere, è che non si cerca più nemmeno di camuffarla e imbellettarla con motivazioni giuridiche o esigenze generali. Anche perché il 99% di quanti ne parlano non hanno la più pallida idea di quel che dicono. I pochi che lo sanno, strappato anche l’ultimo velo d’ipocrisia, affermano esplicitamente che il nuovo “lodo” deve servire a una sola persona: quella che lo firma. Anzi c’è chi, come l’inesausto oppositore Piercasinando Furbini e i finiani, la votano solo se vale per B. e basta: se vale pure per i ministri, non se ne fa nulla. Vogliono proprio il nome del beneficiario nel testo. Quale testo? Cinque le ipotesi.
1) Lodo costituzionale Alfano-bis per immunizzare i presidenti della Repubblica, della Camera, del Senato e del Consiglio più i ministri: o con la sospensione dei processi sino a fine mandato, o con l’autorizzazione a procedere del ministro della Giustizia per avviarli.
2) Come sopra, ma senza ministri (versione Fli e Udc).
3) Nuovo legittimo impedimento per allungare quello di 18 mesi che scade l’estate prossima, cambiare le carte in tavola alla Consulta che il 14 dicembre esamina quello attuale e indurla a rinviare per guadagnare altro tempo.
4) “Processo breve” per sterminare centinaia di migliaia di processi, fra cui quelli a B.
5) “Processo lungo” per vietare ai giudici l’uso delle sentenze di Cassazione e di scremare i testimoni inutili, così anche i processi Mills e Mediaset durano qualche secolo. Essendo impossibile approvare cinque leggi in tre mesi, bisogna sceglierne una: quella che riesce meglio a fottere il Tribunale di Milano, la Corte costituzionale e il Quirinale in un colpo solo.
Il finiano Moffa, nomen omen, parla di “due scuole di pensiero: secondo alcuni basterà una prima lettura del Senato sul lodo Alfano-bis a far sì che la Consulta dichiari il rinvio; altri invece ritengono che sarà necessario varare un nuovo legittimo impedimento”. Traduzione: non c’è alcun motivo giuridico perché la Consulta, che deve valutare la costituzionalità del legittimo impedimento, rinvii la discussione perché forse fra due anni sarà legge costituzionale il lodo Alfano-bis; ergo bisogna spaventarla con un primo voto del Senato sul lodo (prima ci pensava la P3, ora purtroppo in galera); se poi non basta, si allunga il legittimo impedimento, così la legge su cui deve decidere la Corte cambia in corsa e si rinvia. (altro…)

Read Full Post »