Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Marco Maroni’

costo-della-vitaL’assegno medio erogato dall’Inps nel 2016 è stato di 839 euro, il 60% dei pensionati non arriva a 750 euro. Difficile immaginare un livello di vita confortevole, o anche dignitoso. Soprattutto se si abita in una città del Nord o del Centro Italia, dove l’Istat calcola, rispettivamente in 788 e 760 euro le soglie sotto le quali un ultra sessantenne è da considerarsi in povertà assoluta.

A Lisbona, Portogallo, al pensionato che in Italia prende 750 euro l’Inps ne versa più di 900, e il fisco locale non chiede altre tasse.

È l’effetto degli accordi bilaterali sottoscritti dal governo italiano per evitare la doppia imposizione e del “tax heaven” riconosciuto dal governo portoghese ai pensionati europei che si stabiliscono nel Paese: nessuna tassa per 10 anni. (altro…)

Read Full Post »

camusso

Niente banchetti – Per gli iscritti saranno decisive le misure del governo.

L’ufficialità verrà dall’assemblea generale che si apre domani a Roma, ma sul referendum costituzionale la Cgil ha deciso per il No.

La bocciatura dal Direttivo del principale sindacato italiano era già arrivata a maggio, con un documento che ne criticava il percorso legislativo, troppo condizionato dal governo, con tratti che “mal si conciliano con la sensibilità democratica richiesta da interventi sulla Carta fondamentale”, e in cui si evidenziava “l’indebolimento degli organi di garanzia” e “l’eccessiva centralizzazione”. (altro…)

Read Full Post »

BalconiAl lavoro anche le aziende delle “Case” aquilane, quelle coi balconi crollati.

(altro…)

Read Full Post »

MadiaIl momento non è dei più felici per chiedere soldi alle casse dello Stato, ma con il contratto del Pubblico impiego bloccato da sette anni, in vista della manovra di bilancio autunnale, i circa 3,2 milioni di dipendenti pubblici ricominciano a farsi sentire. Per un rinnovo triennale accettabile, secondo i sindacati, servono a regime 7 miliardi: “È la cifra che il Governo deve mettere sul piatto della bilancia”, ha detto ieri all’Ansa il segretario generale Uilpa, Nicola Turco. I dipendenti pubblici italiani scontano un arretramento salariale pesante, secondo Maurizio Bernava, segretario confederale della Cisl: “Ogni lavoratore pubblico ha perso dal 2008 una media di 2.500 euro lordi l’anno”. (altro…)

Read Full Post »

MadiaParastato e uffici digitali, Approvati tre decreti legislativi. Trovato l’espediente per salvare le società partecipate dalla chiusura.

L’amministrazione pubblica “cambia verso”. O almeno queste sono le intenzioni dichiarate dal governo, che ieri Consiglio dei ministri, ha approvato altre tre norme della riforma Madia della pubblica amministrazione. Si tratta dei provvedimenti sulla riduzione delle società partecipate e sulla digitalizzazione. “La Riforma Pa continua, passo dopo passo”, ha twittato il ministro per la Semplificazione, Marianna Madia. La parte complicata della riforma sui cui i governi si esercitano da decenni, non è però quella e della produzione delle norme. È applicarle. (altro…)

Read Full Post »

Bail in

Non c’è solo la crisi del Montepaschi. Fiaccato dalla peggiore recessione dal dopoguerra (che fa esplodere il numero di debitori insolventi), da tanti casi di malagestione e da una vigilanza distratta o connivente, il settore bancario italiano è in grave difficoltà. Gli italiani se ne sono accorti con il salvataggio di quattro banche locali in novembre, pagato dai risparmiatori con l’azzeramento di 2,6 miliardi di titoli. Ci troviamo nel mezzo di una situazione che rischia d’essere disastrosa per il Paese e talvolta è difficile orientarsi tra tecnicismi, acronimi e procedure complesse da addetti ai lavori. Ecco una guida ragionata. (altro…)

Read Full Post »

Salari fermi

LO DICONO OCSE, INPS E ISTAT. Riforme inefficaci e povertà in aumento, siamo nella “trappola della bassa crescita”.

La produttività è piatta da 15 anni, i salari sono praticamente fermi, l’ineguaglianza dei redditi è in aumento e come tasso di occupazione siamo al terzo valore più basso tra i paesi sviluppati, dopo Grecia e Turchia. Inoltre, in Italia più di un giovane su quattro non lavora, né studia, né segue corsi di formazione, una categoria di disoccupati con scarsissime prospettive di lavoro, che è aumentata del 44% negli anni della crisi. Questa cruda descrizione della situazione italiana viene dall’Ocse, organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, che ha presentato ieri l’analisi annuale sul mercato del lavoro. (altro…)

Read Full Post »

cavalieri_di_maltaIL DOSSIER Stipendi, pensioni, 8 x 1000 e non solo.

Ci sono gli stipendi per i 200 cappellani militari,oltre 10 milioni di euro l’anno, e le relative pensioni commisurate al grado: a fine servizio i generali di corpo d’armata, come il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana,maturano quasi 4 mila euro mensili, per un totale di 7 milioni l’anno di spesa. In totale la previdenza pagata dallo Stato italiano ai dipendentidelVaticano,ailoro familiari e al clero (tramite il Fondo Inps apposito, che non è stato toccato dalla riforma Monti-Fornero e ha un passivo da 2,2 miliardi) ammonta a 85 milioni l’anno.   C’È L’ESENZIONE da qualsiasi tributo verso lo Stato di dignitari e salariati del Vaticano attivi nel territorio italiano,e l’esenzione fiscale e doganale, di sapore medievale,di cui beneficia l’organizzazione cavalleresca, dipendente dalla Santa Sede,Sovrano militare Ordine di Malta: in tutto fanno mancati introiti per il fisco italiano di 45 milioni l’anno. (altro…)

Read Full Post »

DenunciaTre appalti mancati: i più importanti nella ristorazione di Expo. Chiaro che un po’ “rosichi”, come si dice a Roma. Ma che li abbia persi per scarsa competitività dell’offerta, è ancora da dimostrare. Piero Sassone è il fondatore dell’Italian culinary institute for foreigners (Icif), collabora con 126 cuochi stellati, ha il quartier generale nel castello di Costigliole d’Asti, tra Langhe e Monferrato, un ristorante a Saluzzo, sedi in Cina e Brasile e uffici in altri 24 paesi. Ha fornito pranzi e cene dei padiglioni italiani alle Expo di Aichi 2005, Saragozza 2008, Shanghai 2010 e Yeosu 2012. Ma di lavorare per la ristorazione made in Italy nell’Expo di Milano non c’è stato verso. (altro…)

Read Full Post »

MattarellaI TECNICI CONFERMANO LA RESA, ULTIMATI SOLO 15 PADIGLIONI ESTERI SU 53.

Milano – Il capo dello Stato Sergio Mattarella deve aver capito per tempo l’aria che tira, infatti ha declinato l’invito: all’inaugurazione lui non ci sarà. Palazzo Italia, il cuore dell’Expo, edificio simbolo del paese ospitante, non sarà pronto all’inaugurazione dell’esposizione universale, il primo maggio prossimo a Milano. Quelle che fino a qualche giorno fa erano solo le funeste, o realistiche, previsioni di “gufi e rosiconi”, secondo il nuovo lessico renziano, si stanno confermando.
I RITARDI di Expo sono incolmabili, ma non è solo qualche padiglione estero a non poter concludere in tempo i lavori. All’appello mancherà il pezzo forte, l’edificio eretto dal Paese ospitante, tradizionalmente il più visitato in ogni esposizione universale, oltre a essere quello dedicato agli ospiti istituzionali: capi di Stato, delegati internazionali , ambasciatori.
Assieme a quello, è tutta l’area del Padiglione italiano, ai due lati del Cardo, a essere indietro. Il disastro ora lo ammettono anche i tecnici: “Può darsi che il primo maggio non si riesca ad aprire neanche uno dei sei piani di Palazzo Italia”, dice un ingegnere di Expo che preferisce rimanere nell’anonimato. (altro…)

Read Full Post »

La protesta dei lavoratoriDOPO FRANKIE HI-NRG, INTERVIENE UN FORUM DI AVVOCATI E SINDACALISTI: “È L’ULTIMA SPALLATA AI DIRITTI. PRONTO UN ESPOSTO”.

Dopo il rapper Frankie Hi-Nrg e i movimenti no expo, in molti si iniziano a chiedere se si può considerare un “volontario”, alla stregua di chi assiste i bisognosi per spirito di solidarietà, chi lavora al più grosso evento commerciale avviato in Italia negli ultimi anni. Se lo sono chiesto ad esempio i responsabili del Forum diritti-lavoro, associazione di giuslavoristi e sindacalisti di cui è un membro di spicco l’ex leader della Fiom Giorgio Cremaschi. La risposta è no. L’associazione ha infatti annunciato un esposto all’ispettorato del lavoro di Milano, contro l’accordo che ha aperto le porte dell’Expo al lavoro gratuito, firmato nel luglio 2013 dai sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil ed Expo spa. All’esposto seguiranno ulteriori iniziative quando i cosiddetti volontari inizieranno a lavorare, dal primo maggio prossimo. (altro…)

Read Full Post »

Expo 2015

DAGLI EVENTI SPIRITUALI AI FONDI A “CORRIERE” E “FOGLIO” PER LA VISIBILITÀ: LE COMMESSE PIÙ STRANE.

Un appalto curioso è quello concesso a “Rinnovamento nello Sprito Santo” per l’organizzazione dell’evento “10 Piazze per 10 comandamenti”; secondo il movimento ecclesiale che l’ha organizzato, nel giugno scorso, si è trattato di “Un momento gioioso, in una fase di smarrimento morale e spirituale e di disagio economico e sociale”. Che il momento sia di smarrimento e disagio è certo, resta da capire cosa l’evento centri con l’Expo; gli sono comunque arrivati 80 mila euro. Oltre 95 mila euro sono invece andati nel 2012 a “Servizi di organizzazione dello spettacolo La via d’acqua, del 5 febbraio 2012 presso il teatroDal Verme”. (altro…)

Read Full Post »