Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘marino’

Natangelo

Read Full Post »

«L’hanno scelto solo perché risponde direttamente al capo. È tra i responsabili del debito mostruoso di Roma e ha imbarcato tutti quelli che si sono coalizzati con la destra per mandarmi via. Lui stesso sa di non essere capace di fare il sindaco. La candidata grillina? Una donna con una forte personalità. Ma anche Fassina potrebbe avere molti voti dei miei sostenitori». Parla l’ex primo cittadino della capitale

Ignazio Marino, 61 anni, sindaco di Roma dal 12 giugno 2013 al 31 ottobre 2015, chirurgo, professore universitario, ex senatore indipendente nelle liste dei Ds (2006-2008) e poi Pd (2008-2013), già candidato alla segreteria del Pd nelle primarie del 2009, partito a cui è ancora formalmente iscritto (ma – dice – «mi prenderò una pausa di riflessione fino a quando partirà il prossimo tesseramento»). Autore di diversi libri di cui l’ultimo è “Un marziano a Roma” uscito per Feltrinelli il 31 marzo scorso: un duro atto di accusa verso il Pd che lo ha messo alla porta e una orgogliosa rivendicazione di quello che ha fatto nei due anni e mezzo in cui è stato sindaco della capitale d’Italia. (altro…)

Read Full Post »

Con l’arguta motivazione che lui «non recensisce libri di fantasy», il presidente del Pd Matteo Orfini ha liquidato il volume appena uscito di Ignazio Marino, che io invece ho appena finito di leggere pur avendo altrettanto scarso interesse per il genere letterario poco amato da Orfini.

D’altro canto se c’è una cosa che caratterizza “Un marziano a Roma” è lo sciorinamento di nomi, cognomi, date, dati, atti, documenti e colloqui: che sarebbero fantasy se fossero falsi, ma l’autore del libro invece ci propone per reali. (altro…)

Read Full Post »

MarinoIl libro

L’ex sindaco racconta gli anni in Campidoglio: un atto d’accusa contro Renzi, ritenuto il mandante di un golpe.

Marino ne ha per tutti. Al vicesegretario dem Lorenzo Guerini rimprovera di avergli proposto la nomina a vicesindaco dell’ex presidente del Consiglio comunale Mirko Coratti. Marino rifiuta e pochi giorni dopo Coratti viene travolto dall’inchiesta di Mafia capitale e arrestato. Non sarà l’unico esponente del Pd a subire questa sorte. Gli arresti sono la prova, secondo l’autore, del boicottaggio che un pezzo del partito romano gli ha riservato fin dalle primarie vinte contro David Sassoli e Paolo Gentiloni.

(altro…)

Read Full Post »

Mafia Capitale,fino a 5 anni per 4 imputati,oggi parte il maxi processo Odevaine agli arresti domiciliari.L’ex sindaco: “Alle primarie io ci sarò”.

ROMA – «Occorre ristabilire la verità: Renzi voleva Roma sotto il suo diretto controllo e se l’è presa». Ignazio Marino dichiara guerra al presidente del Consiglio e usa tutti i mezzi possibili. E annuncia che ha intenzione di presentarsi alla future primarie. Se ci saranno L’attacco contro Palazzo Chigi parte dalle pagine del sito Facebook dell’ex sindaco di Roma e si conclude in serata davanti alle telecamere di “ diMartedì” di Giovanni Floris. Con Marino impegnatissimo a raccontare la sua verità. Narrazione che è abbastanza semplice: «Renzi mi attacca e offende sul piano personale per coprire con la “damnatio memoriae”’ una spregiudicata operazione di killeraggio che ha fatto esultare i tanti potentati che vogliono rimettere le mani sulla città».

(altro…)

Read Full Post »

vauro

Read Full Post »

Su Ignazio Marino sindaco di Roma si può pensare tutto il male possibile: che sia stato gravemente inefficiente e troppo assente, che all’inizio abbia chiuso un occhio o forse entrambi su Mafia Capitale, che sui famosi scontrini non l’abbia raccontata giusta. Anche il comizio di domenica davanti ai tanti fedelissimi raccolti in piazza del Campidoglio può essere visto come l’ennesima esibizione di un personaggio che non rinuncia alla luce dei riflettori (e delle tv) e che intende vendere cara la pelle nella guerra che gli ha scatenato contro il Pd.   Ma se l’intemerata del cosiddetto Marziano (mah) riuscirà a rendere un po’ più trasparente la vicenda della sua estromissione decisa nelle segrete stanze con procedure degne di una repubblica caucasica, ben venga l’invocazione“Ignazio resisti”. (altro…)

Read Full Post »

MarinoOggi sit in per la svolta, lui non esclude un’apparizione Il sindaco non è più iscritto e deve al Pd 10 mila euro.

ROMA – Ci credono, i supporter di Ignazio Marino. Oggi sarà «il giorno della svolta», scrivono a centinaia sui social che per settimane sono stati il motore dell’adunata convocata all’ombra del Campidoglio. Quando al rintocco di mezzogiorno almeno 5mila persone, questa la stima della vigilia, scenderanno in piazza per urlare «sei il nostro sindaco, ripensaci», ebbene sono convinti che «tutto cambierà e il Pd dovrà arrendersi».
Un tamtam inarrestabile, che mescola cittadini comuni e militanti delusi, frange ostili alla linea del commissario Orfini e deputati della minoranza dem in cerca di visibilità come Marco Miccoli, che propone di «offrire a Marino l’onore delle armi, consentendogli di formare una “giunta di scopo” per il Giubileo». Condito da simboli («Vestiamoci con qualcosa di bianco, una sciarpa o un cappello») e animato da una speranza che potrebbe coincidere con la tentazione del chirurgo di far saltare definitivamente i nervi al partito di maggioranza: mischiarsi alla folla, farsi incoraggiare e infine annunciare «ho deciso, resto, è il popolo che me lo chiede».

(altro…)

Read Full Post »

Silurato

Riassunto di quello che sta succedendo: De Luca  può continuare a governare e insultare i giornalisti.
I voti di Verdini non fanno schifo (e nemmeno quelli di D’Anna e Barani) perché le riforme si votano tutti assieme.
Il PD in Sicilia può imbarcare tutti gli ex centrodestra che vuole, che scacciano i vecchi iscritti.
Ma Marino no: per quei 20mila euro che forse avrebbe speso in cene con la famiglia se ne deve andare.
Dice Esposito, l’assessore tifoso della juve (e anche un po’ del TAV) che “Non ci sono le condizioni per andare avanti”.

(altro…)

Read Full Post »

MarinoDichiarazioni inesatte su pranzi e viaggi. Lui nega: “Ma pagherò 20 mila euro di tasca mia”.

L’ultima dichiarazione di Ignazio Marino che non corrisponde al vero è quella firmata il 5 maggio del 2015: “Con riferimento al pagamento di euro 125,00 effettuato in data 4 maggio 2015 in favore del ristorante ‘Tre Galli’ di Torino, con la carta di credito per la carica di sindaco, dichiara sotto la propria responsabilità che detto pagamento è relativo a una cena offerta per motivi istituzionali a don Damiano Modena incontrato ad Alessandria in occasione della presentazione del suo libro. In fede. Prof. Ignazio R. Marino”. Peccato che la cena fosse a Torino e don Damiano Modena,dopolapresentazione, abbia dormito ad Alessandria.   Marino, ha raccontato il prelato al Corriere della Sera ieri, andò via prima della fine dell’incontro. Al ristorante di Torino “I tre Galli” raccontano: “Marino quella sera era con 4 persone. Uno di loro prese solo un tè perché non stava bene. Gli altri hanno mangiato con lui”.   (altro…)

Read Full Post »

MarinoOnesto è onesto, Ignaro Marino, per carità. Solo, potrebbe stare più attento alle spese “istituzionali” con la carta di credito del Comune: il noleggio di limousine nelle varie trasferte americane o i pranzi di lusso a Roma con delegazioni di trapiantologi che sostiene di dover allenare in vista delle udienze papali in Vaticano, ecco, insomma, destano qualche piccola perplessità. Le ferie in America sono un suo diritto e attaccarlo anche per quelle non ha senso.Però, ecco, insomma, questa continua spola di qua e di là dall’Atlantico,tipo pallina da flipper, fa un po’ specie: ma benedett’uomo,se ti piacciono così tanto gli States, chi te l’ha fatto fare di candidarti a sindaco di Roma, città inequivocabilmente sita in Italia? (altro…)

Read Full Post »

ignazio-marino-spazzaturaTutte le spese Le cifre del Campidoglio per i primi due anni di mandato. I 5Stelle: “Ha confuso il suo incarico con quello di ministro degli Esteri”.

Di tutte le 492 pagine di determinazioni dirigenziali e ricevute fiscali che raccontano i primi due anni di mandato di Ignazio Marino, ce n’è una che dà manforte ai Cinque Stelle quando dicono che “il sindaco ha confuso mestiere”. Immaginate la terrazza del ristorante ARoma – lussuosa location vista Colosseo-inunaseradimetà settembre dello scorso anno. Il primo cittadino è lì seduto con alcuni “chirurghi di fama internazionale”. Suoi colleghi, insomma, venuti nella Capitale per “partecipare ad un congresso sul traf-fico di organi per trapianto”e “per essere accolti in udienza privata da sua Santità, Papa Francesco”.Dunque,achi rivolgersi se non al sindaco che si accredita come l’ambasciatore vaticano per eccellenza? Marino paga la cena, il conto è di 1270 euro, ma la fattura non specifica il numero dei commensali. Lo salda con la carta di credito comunale, quella con cui sostiene tutte le spese impreviste che il suo cerimoniale non ha potuto preventivare.   (altro…)

Read Full Post »

papa-francesco-in-aereo

Se l’uomo più popolare del mondo delegittima in pubblico uno degli uomini meno popolari d’Italia significa che sono saltate tutte le regole del gioco e forse anche della misericordia. Dai tempi di Wojtyla ci siamo abituati all’idea che il Papa tenga conferenze-stampa come un allenatore di calcio. Ma gli allenatori non parlano mai dei singoli, mentre Bergoglio ha preso apertamente le distanze dal suo dirimpettaio d’Oltretevere, il sindaco Marino. Sull’aereo che lo riportava a Roma, stimolato da una domanda forse non casuale, il Papa ha tenuto a precisare di non avere invitato il sindaco in America e di essersi addirittura informato con gli organizzatori, finendo poi con l’attribuire la sua presenza al fatto che «Marino si professa cattolico». (Si noti la sfumatura gesuitica: non che «è cattolico», ma che «si professa» tale).   (altro…)

Read Full Post »

TavernaL’INTERVISTA   Paola Taverna (Cinque Stelle).

Il sit-in antimafia a Roma è pura ipocrisia. Il Pd manifesta contro se stesso e fa di tutto per evitare il voto. Ma il M5S è pronto a fare ricorso contro la relazione di Alfano: come si può sciogliere un Municipio e tenere in piedi il Campidoglio?”.La senatrice dei Cinque Stelle Paola Taverna, romana, spara a zero contro la manifestazione antimafia dei democratici.   Voi del Movimento non siete andati.   Abbiamo fatto tante manifestazioni e loro non si sono mai presentati.Chiedevamo che il Pd romano ammettesse di essere coinvolto in dinamiche mafiose e consentisse il ritorno al voto.Ma dopo mesi in cui hanno arrestato e indagato decine dei loro, i democratici oggi hanno avuto la sfrontatezza di scendere in piazza. (altro…)

Read Full Post »

Contestato

Contestazioni ma anche applausi al sindaco “Cacceremo i mafiosi”. Vertice Alfano-Gabrielli.

ROMA – Se l’è vista brutta il sindaco Ignazio Marino. Non fosse stato per l’imponente cordone di polizia organizzato per proteggerlo, avrebbe fatto fatica a uscire indenne dalla manifestazione antimafia organizzata dal Pd nella stessa piazza che il 20 agosto ospitò le esequie show del boss Vittorio Casamonica con tanto di cocchio trainato da una sestiga di cavalli neri. Accolto da un gruppo di abitanti del Tuscolano e di attivisti dei centri sociali al grido di “vergogna”, “te ne devi anna’”, “tornatene ai Caraibi”, nel suo primo appuntamento pubblico dopo 18 giorni di contestatissime ferie, ha persino rischiato di essere centrato da una delle monetine da 5 centesimi che un anziano piuttosto arrabbiato gli ha lanciato contro appena sceso dalla macchina.

(altro…)

Read Full Post »

ignazio-marinoLa gestione della comunicazione di Ignazio Marino nell’agosto del 2015 verrà probabilmente studiata nei corsi di giornalismo come un cristallino esempio di suicidio d’immagine. E questo quale che sia il giudizio politico che ciascuno di noi può dare al sindaco di Roma, al suo operato, alle sue prospettive per il tempo che gli rimane al Campidoglio. Sto parlando proprio di gestione della comunicazione. Vediamo perché. (altro…)

Read Full Post »

mafia capitaleAlfano incarica il prefetto Gabrielli di “affiancarlo” nel risanamento post Mafia-Capitale. Lui resta ai Caraibi. Sabella: “Commissariamento mediatico”.

Nessuna sorpresa, la sentenza era nell’aria da un po’: Roma non sarà sciolta per Mafia Capitale. Marino non cade,ma andrà avanti affiancato da un “tutore” ingombrante: dovrà governare insieme al prefetto Franco Gabrielli.   La conferenza stampa di Palazzo Chigi è un susseguirsi di complicate e fantasiose perifrasi: la parola “commissariamento” è tabù,non si pronuncia.Angelino Alfano e il sottosegretario Claudio De Vincenti danno fondo al vocabolario. Parlano di “raccordo operativo”, “affiancamento” e “leale collaborazione”tra Marino e il suo prefetto. (altro…)

Read Full Post »

Mrino alfano

Dopo il funerale di Vittorio Casamonica, il Movimento 5 Stelle denuncerà il ministro Angelino Alfano e il sindaco di Roma Ignazio Marino per chiedere loro il risarcimento per i danni di immagine, decoro e reputazione subiti a livello nazionale e internazionale.

“Con il funerale show di Vittorio Casamonica l’immagine di Roma e dell’Italia sono irrimediabilmente compromesse, sfregiate e umiliate dall’ennesima manifestazione palese e arrogante della presenza della Mafia nella Capitale. Una presenza, quella della Mafia a Roma, di cui tutti sapevano, specie dopo tutto il marciume portato a galla dall’inchiesta Mafia Capitale. Tutti sapevano, tranne evidentemente il sindaco Marino e il ministro Alfano, che avrebbero dovuto – proprio alla luce di tutto ciò che è emerso negli ultimi mesi – vigilare, tenere alta la guardia e l’attenzione. Eppure nulla di tutto ciò è successo e la loro superficialità, incompetenza e inerzia hanno permesso che Roma fosse nuovamente calpestata, che diventasse terra di nessuno e zimbello dei quotidiani stranieri che ci guardano increduli e schifati. (altro…)

Read Full Post »

Lo smemorato

 

Read Full Post »

ellekappa

Read Full Post »

Older Posts »