Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘matisse’

La seduzione che la scultura di Michelangelo esercitò su Matisse al centro di una grande mostra nel complesso di Santa Giulia a Brescia. Con centottanta opere del maestro francese.

Quella di Michelangelo scultore fu per antonomasia “arte del levare”, in un titanico corpo a corpo con blocchi di marmo intonso, fino a a cavarne forme originali e possenti. Basta pensare alla forza plastica del David. Oppure al drammatico e vibrante affiorare alla superficie della pietra dell’ultimo movimento ribelle dei Prigioni.

Nel Novecento, Henri Matisse fu uno dei più grandi ammiratori del maestro rinascimentale e uno degli artisti che seppe rielaborarne la lezione nel modo più vivo e moderno. Con questa idea Claudia Beltramo Ceppi (dopo aver esplorato il rapporto fra Matisse e l’Oriente nel 1997 a Firenze) ora ha curato la mostra Matisse. La seduzione di Michelangelo che fino al 12 giugno raduna centottanta opere del pittore francese nel complesso di Santa Giulia a Brescia. (altro…)

Read Full Post »

Un vademecum delle mostre da non perdere nel 2011. Fra proposte culturali alte e rivisitazioni.

Van Gogh e il viaggio come ricerca, in Palazzo Ducale a Genova, si annuncia come l’evento autunnale dell’anno. Per l’11 febbraio, invece, nel complesso Santa Giulia di Brescia si prepara una mostra che rilegge l’opera di Henri Matisse attraverso la seduzione che sul pittore francese esercitò Michelangelo scultore.

Dagli inizi di marzo, in Palazzo Strozzi a Firenze, Picasso sarà spietatamente messo a confronto con i surrealisti spagnoli Mirò e Dalì, che nei riguardi del genio malagueño tentarono l’emulazione di stili e di provocazioni finendo (specie Dalì) nel solo camouflage.

Sempre a marzo, a Milano, Palazzo Reale ospiterà una mostra sugli Impressionisti con un nucleo di trenta opere di Renoir che, di fatto, formerà una monografica all’interno della collettiva dedicata a Monet, Pissarro, Gauguin, Manet e Degas.

E ancora: l’esistenzialista e “spirituale” Alberto Giacometti, insolitamente indagato dal punto di vista della predominanza e della forza della materia in una mostra curata da Michael Peppiatt (autore di In Giacometti’s studio) nel nuovo Maga di Gallarate dal 3 marzo. E i due movimenti artistici Die Brücke (il Ponte) e Der Blaue Reiter (il cavaliere azzurro) nati dalla ricerca di Kandinsky e Marc, ripercorsi in una ampia esposizione e a Villa Manin  di Codroipo, a Udine, dal 24 settembre, grazie alla collaborazione con importanti istituzioni berlinesi .

Quanto al versante della più classica storia dell’arte italiana, una scelta di 350 opere e capolavori – da Giotto a Leonardo, da Tiziano a Caravaggio e oltre – dal 18 marzo, in mostra negli splendidi spazi di Venaria Reale a Torino in un allestimento fortemente voluto dal presidente Giorgio Napolitano e curato scenograficamente dal regista Luca Ronconi per i 150 anni dell’Unità d’Italia. E non è tutto: (altro…)

Read Full Post »

Le feste natalizie sono da sempre una delle migliori occasioni per acculturarsi. O piuttosto per godersi una passeggiata nel centro delle città addobbate per il Natale, approfittandone allo stesso tempo per vedere qualche mostra d’arte.

In casa mia, quando ero piccola, era un rituale per le vacanze l’abbinamento cinema + mostra. Uno dei pochi momenti in cui tutta la famiglia riusciva ad uscire con tutti i componenti insieme… e meno male che normalmente accadeva solo una volta all’anno!

A parte le saghe familiari, che vi risparmio, ho pensato di suggerire un po’ di mostre da vedere, interessanti per tutta la famiglia.

Partiamo dalle isole stavolta, con la Sardegna, che a Nuoro ospita l’artista americano Man Ray, con capolavori e opere inedite: fino al 6 gennaio al MAN Museo d’arte. Stessa data in Sicilia: andiamo a Caltavuturo, in provincia di Palermo, per Insecta, una mostra entomologica che raccoglie alcune migliaia di esemplari di coleotteri di ogni continente.

Napoli offre una discreta scelta con Travelling ‘70/’76, esposizione del pittore americano pop Robert Rauschenberg al Museo MADRE fino al 19 gennaio. Fino all‘11 gennaio invece troviamo Louise Bourgeois, scultrice francese le cui opere, in questa occasione dialogano con i capolavori conservati sulle pareti del Museo di Capodimonte. Ma anche “Il reale sito del Fusaro tra cielo e mare”: al Museo Pignatelli porcellane, acquerelli, disegni, incisioni, dipinti e numerosi oggetti d’arredo d’epoca provenienti dalla Casina dei Borboni al Lago Fusaro.

Bari celebra nella Pinacoteca Provinciale Gaetano Sella e la scultura ”da camera” pugliese, una selezione di oltre 50 sculture-ritratto dell’artista. Salendo un bel po’ a Cortona, in provincia di Arezzo, potrete apprezzare i capolavori etruschi dall’Ermitage: una serie di pezzi provenienti dal celebre museo di San Pietroburgo sono ospitati dal MAEC fino all’11 gennaio.

Anche Perugia si presenta con due belle esposizioni a Natale: Viva l’Italia al Palazzo della Penna, che presenta opere dove si vede come i pittori italiani hanno ritratto la ricostruzione delle nostre città subito dopo la II Guerra mondiale. E per chi ama mostre più classiche: l’interessante Da Corot a Picasso. Da Fattori a De Pisis, che mette a confronto due artisti dell’800 e due del ‘900, al Palazzo Baldeschi al Corso. (altro…)

Read Full Post »