Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Mauro Favale’

Il ministro dell’Interno Minniti: la cittadinanza è un principio che va oltre la maggioranza Nuovi italiani sempre più numerosi: sono 185mila, erano meno di 50mila sei anni fa.

ROMA – Approvare in tutta fretta la legge elettorale. Poi tentare il blitz sullo ius soli perfino prima di discutere la Stabilità. È questo il piano a cui stanno lavorando governo e Pd che passa, specie dopo la decisione di ieri sul Rosatellum bis, per una fiducia anche sulla legge che cambia le regole per ottenere la cittadinanza italiana.
Fino a ieri mattina quella della “doppia fiducia” (legge elettorale e ius soli) da autorizzare nel consiglio dei ministri è stata un’opzione presa in considerazione nei colloqui tra il premier Paolo Gentiloni e il segretario Dem Matteo Renzi.

(altro…)

Annunci

Read Full Post »

RaggiAnche la squadra dovrà firmare il codice etico M5S Da Ama e Atac prime dimissioni. Ma l’Acea resiste.

ROMA – In Campidoglio, per la prima volta dopo la sua elezione, Virginia Raggi ci andrà soltanto domani. Lo troverà di nuovo scosso da arresti e perquisizioni che riguardano dipendenti e funzionari capitolini. «Un’altra inchiesta sui campi rom, tra arresti e tangenti — twitta la sindaca — il mio grazie alla procura e alle forze dell’ordine. Ora #voltiamopagina », scrive sui social.
Un’operazione non semplice a cui la Raggi tenterà di mettere mano ufficialmente da domani, quando incontrerà il commissario Francesco Paolo Tronca per il passaggio di consegne. «Legalità e trasparenza» sono le due parole spese dalla Raggi la notte del 67,15%.

(altro…)

Read Full Post »

SalviniIl leader della Lega sceglie nell’ipotesi di un ballottaggio a Roma tra 5 Stelle e centrosinistra. Oggi al Consiglio di Stato ultima chance per Fassina, già ai ferri corti con Sel: scambi d’accuse sul pasticcio delle firme irregolari.

ROMA – «Io un uomo del Pd non lo voto nemmeno sotto tortura», dice Matteo Salvini ospite di
In 1/ 2 ora.
Per questo, di fronte a un ballottaggio a Roma tra Virginia Raggi e Roberto Giachetti, il leader della Lega sceglierebbe la prima, candidata per M5S.
Un endorsement già espresso due mesi fa ma che, a tre settimane dal voto, diventa un mezzo assist per l’esponente dei Dem: «Prendo atto che i candidati di destra, Meloni con Salvini, Marchini e Raggi, tutto sommato troveranno un accordo per il ballottaggio io rimarrò l’unico candidato alternativo del centrosinistra», dice Giachetti che in queste ore va a caccia dei voti di Stefano Fassina, appeso con le sue liste di sinistra al verdetto del Consiglio di Stato sulla sua riammissione alla corsa per il Campidoglio.

(altro…)

Read Full Post »

La scelta di FI per evitare di spaccarsi tra Meloni e il leader della civica. L’ira di Storace: Raggi e Giachetti ringraziano.

ROMA – Più dell’unità del centrodestra, ha prevalso quella di un partito già piuttosto malconcio. Per la quarta volta in una settimana, Silvio Berlusconi conferma la fiducia a Guido Bertolaso che, a questo punto, dovrebbe restare fino al 5 giugno il candidato sindaco di Roma per Forza Italia.
Il Cavaliere sceglie l’ex capo della protezione civile al termine di una giornata in cui, dicono, cambia idea più di una volta. Lo testimonia la telefonata che Altero Matteoli, ufficiale di collegamento incaricato di tenere i rapporti coi Fratelli d’Italia, fa a Ignazio La Russa. Poco prima di pranzo gli comunica che «è fatta», si vira su Giorgia Meloni, si ricompatta il centrodestra.

(altro…)

Read Full Post »

ManifestantiIl mondo Lgtb manifesta a Roma e fa il bilancio sulle unioni civili “Si fa un piccolo passo avanti, ma i nostri figli non sono ancora tutelati”.

ROMA – Paul e Mauro si sono sposati in Canada nel 2004. Sono arrivati da Trieste coi loro figli di 10 e 8 anni. «Sono nati entrambi dalla stessa madre surrogata, una nostra amica», raccontano. Quando le unioni civili saranno legge trascriveranno il loro matrimonio nei registri italiani. «Per il resto è una farsa, non cambia nulla. Certo, i diritti ereditari, la reversibilità della pensione, sono cose importanti. Passi avanti. Ma per la legge italiana restiamo una famiglia divisa. Manca la stepchild adoption». Massimo, invece, è di Roma. A lui la possibilità di adottare il figlio del partner non interessa. «E non ho un desiderio di paternità », dice. «Però, al di là delle scelte personali, sono qui per quelle famiglie che non si vedono riconosciuti i loro diritti. Il caso di Nichi Vendola? Lo rispetto ma non lo condivido. Preferirei ci fosse la possibilità di adottare».

(altro…)

Read Full Post »

pivettiL’ex presidente della Camera alle primarie leghiste: pronta a candidarmi. Bertolaso: vado avanti come una ruspa.

ROMA – L’ultimo incarico amministrativo è stato da assessore “all’immagine” nella giunta Pdl di Reggio Calabria. Era il 2010. Dopo, nel 2013, ha tentato la corsa al consiglio regionale del Lazio coi Cristiano popolari incassando a Roma 617 preferenze. Ora Irene Pivetti ci riprova col Campidoglio: «Se ci sono le condizioni, sono pronta», dice la più giovane ex presidente della Camera davanti a uno dei 41 banchetti che la Lega Nord ha allestito nella capitale questo week end per “sondare” l’elettorato di centrodestra sulla scelta del candidato sindaco.

(altro…)

Read Full Post »

Pisapia: a Milano Sala va appoggiato, senza i dem perderemo le città. Cofferati: no, serve un’alternativa Guerini attacca l’ex leader della Cgil: ha già fatto vincere la destra a Genova. L’ex renziana Martelli va con Si.

ROMA – Alleati col Pd o alternativi? In coalizione o avversari? Tra i marmi del palazzo dei Congressi dell’Eur, a Roma, Sinistra Italiana nasce a “geometrie variabili”, tra chi propende per un’intesa (i sindaci “arancioni” di Milano e Cagliari, Giuliano Pisapia e Massimo Zedda, il numero 2 della Regione Lazio, Massimiliano Smeriglio) e chi tifa per il divorzio (il coordinatore di Sel Nicola Fratoianni, Sergio Cofferati, i candidati a Roma e Torino, Stefano Fassina e Giorgio Airaudo). In una scenografia “povera” (un maxischermo, un palco, palloni rossi sospesi nel grande salone centrale, una sfilza di sedie per i 3.000 presenti e poi tavoli di lavoro in stile Leopolda) oggi si conclude la tre giorni di “Cosmopolitica”, costituente del nuovo soggetto che si farà partito soltanto a dicembre. E si chiude con un annuncio, un appello e un interrogativo non risolto.

(altro…)

Read Full Post »

Older Posts »