Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘ministro dell’ambiente’

GallettiLA SCELTA PER L’AMBIENTE.

Le prime polemiche per Gianluca Galletti arrivano in contemporanea al suo giuramento da ministro dell’Ambiente. A Galletti è rimproverata una vecchia presa di posizione a favore dell’energia nucleare. L’emittente bolognese Radio Città del Capo ha pubblicato su twitter un’intervista del 2010. Galletti era candidato alla presidenza della Regione Emilia-Romagna per l’Udc. Durante la conversazione, il neoministro parlava favorevolmente del rilancio della produzione di energia da fonti nucleari. Doveva ancora arrivare il 2011, l’anno della strage di Fukushima e del referendum che ha cancellato le norme sulla costruzione di nuove centrali. (altro…)

Read Full Post »

GavaveneziaANDREA ORLANDO.

Se le navi da crociera continuano a fare l’onda in piazza San Marco è anche merito dell’astuta inerzia del ministro dell’Ambiente Andrea Orlando: un genio,nell’accezione dettata nel 1975 a contemporanei e posteri da Mario Monicelli con il film Amici miei. Più di due mesi fa aveva parlato chiaro: “Va stabilito un termine certo per questo divieto”. Ineccepibile, tanto più che il divieto era stato istituito già oltre un anno prima dal decreto Clini-Passera, dopo il naufragio della Costa Concordia all’isola del Giglio.

COME SEMPRE, scritto un divieto bisogna poi attuarlo. Detto il 12 giugno che bisognava fissare un termine, Orlando ha continuato a studiare in silenzio, mettendo a confronto mezza dozzina di alternative, in una esplosione di fantasia alla quale manca solo lo scavo di un canale verso nord per deviare le navi verso Treviso e di lì fino ad Amburgo. Il 25 luglio si è riunito di nuovo a Roma con il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi e il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni. Dopo lunga e cooperativa disamina, Orlando ha dato il lieto annuncio: “Abbiamo definito un obiettivo temporale che è quello della fine di ottobre”. Lupi, intanto, commentava senza ridere: “Quello che a noi importa come governo è dare un segnale fortissimo che si vogliono prendere le decisioni”.  (altro…)

Read Full Post »

Chissà perché è dal 2008 a questa parte che coloro che vanno a occupare lo scranno dell’Ambiente sono sempre i meno propensi alla tutela degli ecosistemi, del territorio o a favore delle energie rinnovabili. Infatti, la prima dichiarazione del neo ministro è:

Le politiche ambientali dovranno integrarsi maggiormente con quelle energetiche, del trasporto e delle infrastrutture per raggiungere l’ obiettivo della riduzione delle emissioni.

Corrado Clini, fino a ieri gran burocrate del ministero che ora presiede e in un certo senso braccio destro dell’ex Ministro Stefania Prestigiacomo (che gli invia gli auguri ufficiali) sembra tagliato, tecnicamente è ovvio, sugli interessi delle grandi lobby industriali. Potrebbe, dunque essere il confortevole interfaccia di Corrado Passera, nuovo ministro allo Sviluppo economico, banchiere chiamato a dare quella scossa necessaria alle grandi opere del Paese, Tav in testa e poi inceneritori e infrastrutture varie senza che gli ambientalisti si mettano, politicamente di traverso. Famosi i suoi confronti accesi con il Nobel Carlo Rubbia oppure le sue posizioni rispetto alla politica di riduzione delle emissioni 20-20-20. (altro…)

Read Full Post »

La titolare del dicastero dell’Ambiente deve decidere su 40 concessioni per scavare vicino a Egadi e Pantelleria. Mentre aziende amministrate dai suoi parenti lavorano con le compagnie dell’oro nero
Tasse bassissime, poche restrizioni sui profitti: ecco perché ai petrolieri conviene investire in Italia.

In Sicilia le trivelle sono pronte a cercare il petrolio. E’ coinvolta la società di famiglia del ministro dell’Ambiente. La “sua” Coemi ha tra i clienti, colossi come: Eni, Erg, Esso. Tutte aziende petrolifere interessate direttamente ai risultati.

Decine di pozzi di petrolio nel blu del Mediterraneo, per fermare le trivelle si sono mobilitati cittadini e comitati. Ma intorno alla Sicilia pendono 40 richieste di concessioni. Le trivelle sono pronte a entrare in azione a pochi chilometri da gioielli come Pantelleria e le Egadi. (altro…)

Read Full Post »