Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘mostra di pittura’

Il genio creativo di Giorgio de Chirico (Volos, 1888 – Roma, 1978) sarà in mostra da venerdì 3 dicembre 2010
alle Scuderie del Castello di Miramare di Trieste. Un maestoso silenzio è un allestimento a cura di Roberto Alberton e Silvia Pegoraro, che presenta novanta lavori del pittore della metafisica. Circa 70 dipinti, e 20 tra disegni, acquarelli e inchiostri, che coprono un arco di tempo compreso tra gli anni dieci e gli anni quaranta.

Affascinato dalla cultura classica, con cui sente la possibilità di rinnovare il legame, De Chirico agli inizi del ‘900 divora libri di Nietzsche e Schopenhauer e dipinge La grande Tour (1915), Enigma della partenza (1914), Tempio di Apollo a Delfi (1909-10) e Vaso di Crisantemi (1912). Pian piano si fa strada la Metafisica, come esigenza di dare voce all’interiorità umana, una sorta di “lirismo antropologico” che trova un proprio tempo e spazio nei suoi quadri.

Ecco una nuova idea di piazza, che si svuota e si riappropria di significati, oggetti misteriosi che ispireranno molta della poetica surrealistica a venire. Il percorso espositivo prosegue con Interno metafisico e Gli archeologi (1925), Mobili nella valle (1927), Cavalli sulla Spiaggia (1928), Gladiatori (La Lutte) (1929), Ettore e Andromaca (1935).

A fianco dell’allestimento di De Chirico, fino al 27 febbraio 2011 all’interno del castello sarà visitabile anche Gli specchi dell’enigma. Artisti intorno a De Chirico, con lavori di Adami, Chia, Schifano e molti altri.

www.artsblog.it

Annunci

Read Full Post »

Dopo ventidue anni di assenza le opere di Vincent Van Gogh verranno esposte a Roma nella “Campagna senza tempo, Città Moderna”.

La mostra sarà allestita all’interno del Complesso del Vittoriano, a due passi da Piazza Venezia, dall’8 ottobre al 30 gennaio 2011.

L’esposizione sarà davvero imponente visto le circa 110 opere del maestro olandese tra dipinti, disegni ed acquerelli che provengono da maggiori musei del mondo, riuscnedo a coprire crnologicamente l’intera produzione di Van Gogh

Il titolo della mostra curata da Cornelia Homburg, vuole evidenziare le due principali “forze” ed inclinazioni dell’artista:  l’amore per la campagna ed il legame con la città. Da una parte la staticità, dall’altra la mutevolezza dei rapidi cambiamenti.

Tra le opere esposte “I piantatori di patate” (dal Von der Heydt-Museum di Wuppertal), i disegni di contadine chine al lavoro, “Carreggiata con sottopassaggio – Il viadotto”(dal Guggenheim Museum) e  “Orti a Montmartre” (dal Van Gogh Museum e dallo Stedelijk Museum di Amsterdam). (altro…)

Read Full Post »

Imperdibile Mostra di pittura, dal 18 al 30 agosto 2010, presso la Sala Braschi di Subiaco (RM), dell’artista sublacense Marco Orlandi, le cui opere, pitture e poesie, si stanno imponendo all’attenzione del grande pubblico.

Artista versatile, che ha già avuto numerosi e importanti riconoscimenti, somma al poetico realismo di figure, frammenti e delicati fraseggi cromatici il senso di una lirica astrazione non lontana dal dramma del sentimento. Pittore e poeta, impegnato in entrambi i fronti della ricerca espressiva, ha il merito di saper proporre, con l’aurea parzialità del vero artista, gli interrogativi e i dubbi cruciali della nostra tormentata modernità.

“Il mio lavoro è un tentativo di recuperare il senso delle cose a prescindere dal loro contesto e libere da ogni relazione. Per me questo è il modo privilegiato di godere della loro essenza che è unità con la forma che le delimita. forma e sostanza sono la medesima cosa. Il silenzio è la misura privilegiata per comprendere il mondo eppure sembra ci sia una paura incontrollabile del silenzio, dell’ascolto di sé, del colloquio con la propria interiorità. Non si tratta esclusivamente di suoni, di onde sonore: il rumore colpisce anche l’occhio, ed è il rumore assordante dei messaggi, delle scritte, dell’insaziabile desiderio di esserci ed urlare con lettere cubitali la propria esistenza.

L’imbarazzo del silenzio si trasforma nell’imbarazzo per il vuoto materiale, per cui bisogna assolutamente riempire spazi, abbellire pareti, urlare di sé. Bisogna amplificare la propria visibilità, la propria esistenza.

O non si è.”

L’Artista ha recentemente pubblicato, per l’edizioni Aracne, una nuova versione aggiornata della raccolta di poesie “Il Mare Dentro”.

Read Full Post »