Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘nelson mandela’

MandelaQunu, sepoltura da capotribù. Zuma: non osiamo deluderti.

QUNU INFINE la parola che il Sudafrica aspettava da quella notte di giugno in cui Mandela fu ricoverato d’urgenza per non più riprendersi e che adesso, a ogni giorno del lutto che passava, sempre più era nell’aria, è stata pronunciata. QUNU SIYAKUKHULULA, «noi ti lasciamo andare». Questo i viventi devono dire all’anima del defunto, perché possa liberarsi dal corpo, da un presente che per lei non c’è più, e ricongiungersi agli avi, al passato, al fluire della vita che non si ferma mai. Questo ha detto Nandi, una delle nipoti, parlando ieri mattina al funerale: «Fa’ buon ritorno alla terra degli antenati, Madiba ». (altro…)

Read Full Post »

Alla notizia della morte di Nelson Mandela, milioni di persone hanno inviato un pensiero riconoscente al leader della lotta al razzismo. Qualcuno già da tempo aveva disincarnato l’uomo per trasformarlo in un santino buono per tutte le cause, un’icona del politicamente corretto. Ma nell’insieme, per una volta, ci si è ritrovati in tanti a coltivare emozioni positive e unificanti intorno a una bella figura e a una bella idea. Per mezzo minuto nessuno ha pensato esclusivamente ai fatti propri. Nessuno tranne uno. Lui. (altro…)

Read Full Post »

L'omaggioNell’ex ghetto il lusso accanto alle baracche. “Molta strada resta da fare”
Il Sudafrica.

SOWETO— A Soweto la musica risuona incalzante. Un giovane con grandi bacchette da tamburo tiene un ritmo intenso, mentre bambini e bambine in abiti tradizionali ballano nell’asfissiante centro giovanile di Kliptown, la parte più povera dell’ex ghetto nero. In mezzo passa una giovane donna che regge una foto di Nelson Mandela e un messaggio: «Riposa in pace». Bob Nameng, fondatore del centro, sale sul palco e chiede ai bambini: «Un uomo è arrivato e ha unito il popolo. Si chiama…?». Tutti rispondono: «Nelson Mandela!». Quello del centro giovanile di Kliptown non è che uno degli innumerevoli tributi che la township nera più grande del Sudafrica, culla della lotta contro l’Apartheid, in queste ore riserva al suo eroe. (altro…)

Read Full Post »

Mandela

IL GOVERNO PREPARAVA DA TEMPO LA “SCALETTA” DELLE ESEQUIE. UNA CERIMONIA RITUALE PRIVATA, POI L’ESPOSIZIONE DELLA SALMA, INFINE LO SHOW PLANETARIO, IL PROSSIMO WEEKEND, ALLA PRESENZA DI GRAN PARTE DEI LEADER DEL MONDO.

Da anni il governo sudafricano, le forze armate e i familiari di Madiba, si incontravano, segretamente, per riaggiornare e rivedere nei minimi dettagli i piani per le esequie di Madiba. Che avrebbe voluto una tomba e una cerimonia spartana. Ne avrà invece una in diretta mondiale, davanti a miliardi di telespettatori e la sua tomba non sarà un cumulo di terra con una pietra come lapide, ma un mausoleo ricavato nella sua casa natale nel villaggio di Qunu. Lo ha rivelato la Cnn rivelando che il programma tiene conto delle diverse variabili, come il tempo, ma soprattutto la sicurezza, poiché vi parteciperanno anche molti capi di Stato tra i quali Obama e la first lady Michelle. (altro…)

Read Full Post »

Vauro

Read Full Post »

Al netto della inevitabile emozione, faceva anche sorridere la rassegna stampa italiana di ieri su Nelson Mandela (si sa che le morti illustri servono ai vivi per parlare di se stessi). I giornali più favorevoli alle larghe intese esaltavano, del grande scomparso, il ruolo di pacificatore e ricucitore, e i ventisette anni di carcere servivano soprattutto a dire che nemmeno la persecuzione era riuscita a sfiancare la sua eroica disposizione al perdono e al compromesso. I giornali più irrequieti e anti-casta esaltavano il Mandela rivoluzionario, il nemico dell’apartheid, il leader carcerato, insomma l’uomo di lotta prima di quello di governo. Almeno da un punto di vista cronologico viene da dare ragione più ai secondi che ai primi. (altro…)

Read Full Post »

 

Mandela

È stato l’attuale presidente del Sudafrica, Jacob Zuma, ad annunciare stasera in un discorso televisivo alla nazione la scomparsa del suo predecessore, eroe della lotta all’apartheid nel Paese. Indetto il lutto nazionale. “Voglio ricordare con semplici parole la sua umiltà, la sua grande umanità per la quale il mondo intero avrà grande gratitudine per sempre”. Le lacrime di Obama: “Abbiamo perso uno degli uomini più coraggiosi e influenti dell’umanità”.

Addio Madiba. L’ex presidente sudafricano Nelson Mandela, 95 anni, è morto. È stato l’attuale numero uno del Sudafrica, Jacob Zuma, ad annunciare con le lacrime agli occhi in un discorso televisivo alla nazione la scomparsa del suo predecessore, eroe della lotta all’apartheid. “Voglio ricordare con semplici parole la sua umiltà, la sua grande umanità per la quale il mondo intero avrà grande gratitudine per sempre”. (altro…)

Read Full Post »

Mandela

Ha sconfitto l’apartheid: “Il mondo gli sarà grato per sempre”.

L’annuncio nella notte del presidente Zuma. Le lacrime di Obama: un esempio per la mia vita.

È morto a 95 anni dopo mesi di agonia il simbolo dell’ultima lotta contro l’apartheid nel Continente nero Dal carcere al Nobel alla presidenza del Sudafrica, è stato un baluardo della giustizia sociale e della libertà. 1918 2013.

La sua liberazione è l’inizio di un’esistenza che lo porterà in un olimpo terreno. Dopo il miracolo di aver sanato la più radicale ingiustizia.

Il mondo piange Mandela l’eroe della lotta all’Apartheid che è diventato leggenda

Sudafrica, si è spento a 95 anni per un’infezione polmonare.

IL GRANDE capolavoro della vita di Nelson Mandela è stato la sua vita. Così grande, così ricca di meravigliosi eventi, così piena di insegnamenti per gli altri mortali, da sembrare capace di riempire non una, ma molte biografie.
NelsonMandela si è spento ieri nella sua casa di Johannesburg. Aveva 95 anni. (altro…)

Read Full Post »

Nelson MandelaQuello sguardo oltre le sbarre che guida i giovani.

MANDELA nacque nel 1918, quando quella che noi chiamiamo Prima Guerra Mondiale stava per finire. Nel 1914 Gandhi aveva lasciato il Sudafrica in cui per ventun anni aveva svolto il suo tirocinio nonviolento, ed era arrivato a Londra nel momento in cui la Grande Guerra scoppiava.

Il tirocinio militante di Mandela fu non violento, a ridosso di quella che chiamiamo la Seconda Guerra Mondiale, quando l’apartheid segregò ferocemente la comunità indiana e asiatica e il bantustan dei neri africani. Nel giro di pochi anni Mandela e i suoi reagirono alla spietatezza afrikaner scegliendo di lottare con le armi, né il lungo cammino successivo, anche dopo la liberazione e la riconciliazione, fece di Mandela un fautore assoluto della nonviolenza (cui lo stesso Gandhi riconosceva estreme eccezioni). Ma un filo lega la testimonianza e il mito di questi due campioni della libertà, che uno stesso carcere di Johannesburg ebbe detenuti. (altro…)

Read Full Post »

Dal profondo della notte che mi avvolge,

buia come il pozzo più profondo

che va da un polo all’altro, ringrazio quali che siano gli dei

per la mia inconquistabile anima.  

Nella morsa della circostanze,

non mi sono tirato indietro, nè ho pianto. 

Sotto i colpi d’ascia della sorte, il mio capo sanguina, ma non si china. 

Più in là, questo luogo di rabbia e lacrime

appare minaccioso ma l’orrore delle ombre,

e anche la minaccia degli anni non mi trova,

e non mi troverà spaventato.

Non importa quanto sia stretta la porta…

quanto piena di castighi la vita.

Io sono il padrone del mio destino.

Io sono il capitano della mia anima. “

 

Nelson Mandela recitava queste parole di William Ernest Henley

mentre era rinchiuso nelle carceri del South Africa.

Read Full Post »

Oggi 18 luglio 2010 è il novantaduesimo compleanno del presidente Nelson Mandela  e  per la prima volta nella storia si festeggia il: ” Nelson Mandela International Day”.

Questa decisione è stata adottata dall’Onu nel Novembre 2009 , come tributo al presidente per il suo notevole contributo alla pace,alla libertà e alla cultura.Per aver saputo risolvere conflitti razziali in modo umano e creativo, per essere stato un importantissimo paladino nella causa del rispetto dei diritti umani.

BUON COMPLEANNO e  MILLE DI QUESTI GIORNI

SIGNOR PRESIDENTE!

reset-italia

Read Full Post »