Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘porcellum’

Corte Costituzionale

DOPO LE MOTIVAZIONI DELLA BOCCIATURA DEL PORCELLUM L’ITALIA TORNA ALLA PRIMA REPUBBLICA, PREFERENZE E NIENTE PREMIO DI MAGGIORANZA.

Da ieri sera l’Italia è di nuovo una Repubblica fondata sul proporzionale. Col deposito delle motivazioni con cui la Corte costituzionale ha bocciato il Porcellum sul premio di maggioranza senza soglia e l’assenza della possibilità di esprimere almeno “una preferenza”, il sistema elettorale italiano viene ridisegnato in profondità: da stamattina è in vigore la legge scritta dagli ermellini, il cui nome in filigrana è “larghe intese per sempre”.  (altro…)

Annunci

Read Full Post »

Montecitorio avvia la discussione, ma a Palazzo Madama non mancano i malumori. Alfano apre al modello sindaco d’Italia.

ROMA— L’ultima parola spetterà ai presidenti di Camera e Senato Boldrini e Grasso, perché adesso il braccio di ferro tra i due rami del Parlamento sulla legge elettorale è conclamato. Come chiesto da più parti, infatti, Francesco Paolo Sisto, capogruppo forzista della commissione Affari costituzionali a Montecitorio, ha avviato ieri l’iter della riforma con i suoi 21 disegni di legge in seno al suo organismo. Come già era avvenuto a Palazzo Madama, anche lì in commissione. C’è il via libera di tutti i gruppi parlamentari, anche se resta una Babele. Ora saranno i vertici delle due Camere a dover decidere come uscire dal pantano. (altro…)

Read Full Post »

giannelli

Read Full Post »

SONO francamente incomprensibili alcuni attacchi alla Corte costituzionale, la cui unica colpa è quella di aver toccato un nervo da troppo tempo scoperto di una politica che ha perduto la dimensione istituzionale. La Corte ha rifiutato d’essere normalizzata, d’essere risucchiata nelle logica delle convenienze e dei rinvii, d’essere considerata parte di un sistema che sfugge regolarmente le proprie responsabilità. Ha così dato un buon esempio di autonomia, mostrando come ogni istituzione possa e debba fare correttamente la sua parte. (altro…)

Read Full Post »

 

Hanno detto

Berlusconi: primarie di coalizione. Il Colle: situazione sbloccata
Le reazioni.

ROMA— Imprevista, no. Ma l’accelerazione impressa dalla Consulta sulla legge elettorale scuote il quadro politico. Forza Italia e Movimento Cinque stelle scendono in trincea e reclamano immediate elezioni. Il Pd, invece, chiede un nuovo sistema elettorale che garantisca governabilità, ma si divide al Senato sul percorso della riforma. La ghigliottina sul Porcellum rischia intanto di consegnare al Paese un proporzionale puro, tanto che Matteo Renzi bolla come «discutibile» la mossa della Corte costituzionale. Di certo, il Quirinale prende atto con una certa soddisfazione della sentenza, perché sblocca la situazione dopo i tanti e pressanti appelli di Giorgio Napolitano. (altro…)

Read Full Post »

NatangeloLETTA E ALFANO PROVANO A INTRAPPOLARE IL SINDACO DI FIRENZE CHE VOLEVA COMANDARE LA PARTITA. E LUI: “SI TORNA INDIETRO, ALLA PRIMA REPUBBLICA”.

I pezzi di Porcellum rotolano in Parlamento, fra i piedi di Enrico Letta, Angelino Alfano e, soprattutto, di Matteo Renzi: il governo può inciampare e neanche il Partito democratico, prevedibile, pare stabile. Con l’intervento dei giudici, però, il Sindaco (non di ottimo umore) ha ricevuto una brutta notizia perché non può dettare i tempi dei giochi. Conseguenze: Palazzo Chigi non conferma “patti”, anzi smentisce perché non vuole infastidire Alfano che col drappello di diversamente berlusconiani sostiene il respiratore all’esecutivo. I rapporti di forza sono capovolti: Enrico&Angelino, felici per la ventata di proporzionale da “grande inciucio”, rivendicano il comando. (altro…)

Read Full Post »

La sentenza

LA CORTE COSTITUZIONALE ACCOGLIE IL RICORSO: BASTA CON I NOMINATI E CON I PREMI DI MAGGIORANZA A CHI NON SUPERA UNA DETERMINATA SOGLIA.

La Corte costituzionale ha bocciato il “Porcellum”, la legge elettorale definita così dal suo stesso padre, il leghista Roberto Calderoli.
I giudici hanno detto no al premio di maggioranza senza soglia e alle liste bloccate che non permettono agli elettori di esprimere le preferenze e quindi di scegliere i parlamentari.
La decisione di ieri rappresenta uno spintone alla politica perché finalmente passi dalle parole ai fatti su una riforma che non ha mai voluto varare. Formalmente, infatti, quanto stabilito ieri dalla Corte, al momento, non avrà alcuna conseguenza: il Porcellum resta in vigore fino a quando sentenza e motivazioni non saranno depositate. Si parla di diverse settimane. (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »