Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘presadiretta’

La seconda inchiesta di Presa diretta riguarda ancora una volta un tema importante per il nostro paese: la lotta alla corruzione.
Come già detto per la passata inchiesta, siamo entrati in campagna elettorale e a marzo sceglieremo (indirettamente) i politici da mandare in Parlamento e che dovranno occuparsi di questi temi (la mobilità, la lotta alla corruzione e agli sprechi): importante allora capire di cosa si parla quando si dice corruzione, quale l’impatto nella spesa pubblica, quali sono le cause e quali i rimedi, magari andandoli a prendere da altri paesi.

(altro…)

Annunci

Read Full Post »

Mi tornano ancora in mente i servizi di Iacona in Calabria, quando con la serie Viva l’Italia girava il sud o quando in “Pane e politica” spiegava in prima serata Rai, cosa fosse la politica, in che modo si eleggevano sindaci, in che modo si raccoglievano i voti. Come vengono occupate tutte le poltrone nelle società partecipate, nelle Asl, seguendo la tessera giusta e non il merito.
La politica che risponde solo a sé stessa, che si autoalimenta e fagocita tutte le risorse pubbliche sperperate in arricchimenti personali.

(altro…)

Read Full Post »

Con l’inchiesta I MAMMASANTISSIMA, PresaDiretta torna sul terreno della lotta alla criminalità organizzata. Una vera e propria spy story, nella quale si intrecciano la politica, la ‘ndrangheta e la massoneria.

Sulla ‘ndrangheta si è detto e visto molto, sappiamo della sua pervasiva capacità di infiltrarsi nelle istituzioni e negli appalti, di lucrare sulla spesa pubblica, di gestire il traffico internazionale di droga, conosciamo la sua abilità nel cambiare pelle e il suo fiuto per gli affari. (altro…)

Read Full Post »

regeni_presa_diretta_genitoriLa prima puntata della nuova stagione di Presa diretta è cominciata col terremoto in centro Italia: il viaggio verso i luoghi del terremoto è stato un deja vu: come Onna, le case di Amatrice erano con un tetto sproporzionato per il peso.
Da anni si parla di prevenzione, ora Renzi ha lanciato il “Piano Italia”, vedremo se manterrà le attese.
Ma al centro della puntata l’inchiesta sull’omicidio di Giulio Regeni: morto per le torture, dice l’autopsia. I genitori hanno raccontato della fatica dei suoi studi, all’estero. “Per la nostra generazione studiare era il massimo”: questo era il ragazzo, felice e appassionato nel suo lavoro, morto a Il Cairo a fine gennaio.
Doveva tornare a Cambridge il 23 marzo. Ora a volere la verità sulla morte di Giulio Regeni ci sono i genitori in prima fila, ostinati a non volere che questa storia finisca nel dimenticatoio.

(altro…)

Read Full Post »

iacona

Nella prima inchiesta di serata (“Caro farmaco“) la storia di un farmaco eccezionale, un salvavita che però è così costoso da mettere in discussione l’accesso alle cure garantito a tutti dalla nostra Costituzione.L’epatite C per anni non mostra sintomi e poi di colpo si sveglia e colpisce con complicazioni anche gravissime per la salute, uccidendo ogni anno  10 mila italiani. Esiste un farmaco in grado di curarla, ma è costosissimo e il Servizio Sanitario non riesce a darlo gratuitamente a tutti quelli che ne hanno bisogno. L’Agenzia Italiana per il farmaco ha chiuso un accordo con la multinazionale americana che lo produce per la fornitura di 50mila trattamenti, solo per i casi più gravi. E tutti gli altri? Le storie di chi quel farmaco lo ha preso, di chi lo aspetta, di chi se lo procura a modo suo. E ancora, come si determina il prezzo di un farmaco che può salvare la vita? Le telecamere di Presadiretta sono andate negli Stati Uniti, dove l’azienda produttrice è stata accusata dal Congresso americano di massimizzare i profitti fregandosene dei pazienti. (altro…)

Read Full Post »

Presadiretta
L’intervista al ministro Padoan su Rainews, che andrà in onda questa sera con la–puntata di Presa diretta E l’Italia?
Se casca Tsipras dietro c’è Alba dorata, non ci sono i campioni della democrazia – chiede Iacona: l’Europa non l’abbiamo fatta per il 3%, ma dopo la seconda guerra mondiale, per creare solidarietà.
La risposta del ministro: “la sofferenza in Europa per la  disoccupazione è grandissima, questo è frutto della crisi e di risposte inadeguate.
Tutto ciò ha portato a governi e partiti antieuropeisti”.
L’Europa ha una grande responsabilità di fronte a se: abbiamo un deficit di fiducia perché non ci fidiamo gli uni con gli altri.
Allora le decisioni si prendono solo usando alla lettera le norme: ma sono regole pensate per un mondo diverso, che nel breve periodo creano altra sfiducia .

(altro…)

Read Full Post »

IaconaIL PROGRAMMA “PRESA DIRETTA” MANDA IN ONDA UN SERVIZIO SULLA SCUOLA MA LO STAFF DEL MINISTERO NON GRADISCE LE CRITICHE AI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO.

C’è stato un tempo in cui arrivava la telefonata in diretta. Erano i Silvio Berlusconi, i Mauro Masi che, incapaci di contenere l’ira sul divano di casa, si intromettevano, puntualizzavano, sbraitavano. Ma nell’era di Matteo Renzi anche l’incursione nel talk show ha cambiato mezzo. E domenica sera si è messo in piedi il primo tweet-bombing ministeriale contro la videoinchiesta sulla scuola trasmessa da Presa Diretta di Riccardo Iacona. Stilettate da 140 caratteri contro chi ha osato mettere in discussione i programmi del governo su istruzione e edilizia scolastica.   LA PRIMA MOSSA, sia chiaro, l’aveva fatta lui, Matteo: due lunedì fa, guardando Piazzapulita, ha inaugurato la stagione del rosicamento via Twitter: “Trame, segreti, finti scoop, balle spaziali e retropensieri – scriveva – basta una sera alla Tv e finalmente capisci la crisi dei talk show in Italia”. Sull’argomento, qualche giorno dopo, si erano esercitati perfino gli inglesi del Guardian, immaginando che quel tweet potesse essere l’inizio della fine del pollaio politico in tv. (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »