Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘raggi’

Giornaloni – Le statistiche e i numeri sulla “salute malata” attribuiti alla giunta M5S da “Messaggero” e altre testate.

Più si avvicina la campagna elettorale, più aumentano gli scontri sui dati: Pil, occupati, sanità, con titoli di giornale e dichiarazioni indignate. Il caso del presunto degrado sanitario della Capitale è un utile esempio di quello che ci attende: “Caso salute, Roma, peggiora”, era il titolo di apertura del Messaggero di ieri, quotidiano sempre ostile alla giunta M5s di Virginia Raggi. (altro…)

Read Full Post »

“Ho ricevuto un avviso di conclusione indagini per due vicende. Ritengo di aver agito in buona fede e spiegherò le mie ragioni a magistrati”. (altro…)

Read Full Post »

Read Full Post »

Il gassificatore dovrebbe sorgere a Ponte Malnome, periferia ovest, ed è in grado di smaltire soltanto la frazione umida (quindi riciclabile) dei rifiuti, dunque la parte indifferenziata dovrà comunque essere trasferita in discarica o trasformata in combustibile. Ma il piano firmato dall’uscente amministratore unico Antonella Giglio soluzione reale per lo smaltimento dei residui indifferenziabili.

Un impianto per la produzione del biogas sul modello di Pinerolo, in Piemonte. Dove? Probabilmente a Ponte Malnome, alla periferia ovest di Roma, in un’area di proprietà dell’Ama dove oggi è presente un piccolo inceneritore (spento) per rifiuti ospedalieri. Per un costo di almeno 110 milioni di euro, sui 394 totali previsti dalla società capitolina da oggi al 2021. E’, a quanto apprende IlFattoQuotidiano.it da autorevoli fonti capitoline, il programma della giunta guidata da Virginia Raggi per provare a chiudere il ciclo dei rifiuti nella Capitale. (altro…)

Read Full Post »

Read Full Post »

Read Full Post »

In primo luogo è bene ricordare a tutti i cittadini romani che non c’è assolutamente emergenza rifiuti. Roma non ha mai avuto un Piano per la gestione sostenibile dei materiali post-consumo. Noi in pochi mesi abbiamo approvato e stiamo attuando un Piano che prevede l’obiettivo di raggiungere il 70% di raccolta differenziata. (altro…)

Read Full Post »

Il progetto di 34 pagine messo a punto dall’assessora Montanari si basa tutto su 12 azioni e 5 progetti, molti dei quali puntano sulla prevenzione e su un auspicato “cambio di mentalità” da parte della cittadinanza. Nella fattispecie, si va dai pannolini lavabili alle iniziative contro lo spreco alimentare, dai nuovi centri di raccolta agli altri impianti di compostaggio. Gli avversari criticano. E il Campidoglio è alle prese con la grana Colari.

Pannolini lavabili, prodotti venduti ‘alla spina’, ‘family bag‘ per portare via gli avanzi dai ristoranti e disincentivi sull’acquisto dell’acqua minerale a vantaggio di quella del rubinetto. E ancora: 7 nuovi centri di raccolta per ingombranti nei municipi (si arriverà a 32), 3 nuovi impianti di compostaggio per sostituire quello di Fiumicino, ripristino del recupero degli abiti usati, differenziata ad hoc per i rifiuti commerciali e il progetto “mercati a impatto zero”.

(altro…)

Read Full Post »

Debora Serracchiani, vicesegretario del Pd, ha commentato così l’introduzione di strumenti di democrazia diretta e digitale nello statuto della città di Roma: “La proposta di far entrare la piattaforma Rousseau, di proprietà dell’azienda privata di Casaleggio, all’interno del Comune di Roma, è pericolosa. Si configura un’entrata a gamba tesa sulla democrazia e un conflitto di interessi pesantissimo sulle spalle dei romani … Una pericolosissima commistione tra pubblico e privato, tra politica e impresa. Questo potrebbe creare un precedente dal quale difficilmente potremo tornare indietro.” O è ubriaca o è in malafede. (altro…)

Read Full Post »

IL CEMENTO, proprio come il denaro, non è “sterco del demonio”. È un mezzo per fare cose utili e belle oppure per farne di brutte e dannose. La cementificazione italiana è in larga parte un penoso catalogo del brutto e del dannoso. Ed è servita a cementare prima di tutto il patto politico tra i porci comodi dei privati (dalla grande speculazione giù giù fino al villino abusivo) e la mediocrità, a volte prezzolata, di governanti che hanno rinunciato a governare, a immaginare il Paese e a disegnarlo.

(altro…)

Read Full Post »

berdiniPaolo Berdini – “Il M5S ha la grande opportunità di continuare l’azione fin qui intrapresa per cambiare Roma. Se la Raggi vuole, io ci sono”.

Caro direttore, da mercoledì scorso sono sottoposto a una criminosa macchina del fango che non riuscirà a scalfire di un millimetro una vita dedicata alla difesa della legalità e del bene comune. Una vita spesa in battaglie che rifarei non cento, ma mille volte, per rendere le nostre città più umane e giuste. (altro…)

Read Full Post »

rattiVirginia Raggi deve cercare di restare al suo posto anche se ormai, purtroppo, non dipende più solo da lei. Non può abbandonare da un giorno all’altro il Campidoglio innanzitutto per rispetto dei 770 mila cittadini che l’hanno votata proprio per fronteggiare lo sfacelo ereditato dalle precedenti gestioni di destra e di sinistra. Perché comunque dopo l’approvazione del bilancio la macchina comunale può finalmente muoversi, deliberando nella trasparenza le gare e gli appalti indispensabili per restituire un minimo di vivibilità alla Capitale. Perché gettando la spugna il M5S certificherebbe il proprio clamoroso fallimento come forza di governo. (altro…)

Read Full Post »

marione

Read Full Post »

romeo

Read Full Post »

spinoza

Read Full Post »

marione

Read Full Post »

LA VICENDA della pallida Virginia Raggi è spinosa, ma non ha nulla di così efferato da giustificare che ci si accapigli sul suo destino. Tranne una cosa, questa sì veramente grave: il suo continuo appellarsi al giudizio di Grillo, alla benevolenza di Grillo, al placet di Grillo, come se fosse a lui che deve rispondere e non alle leggi vigenti e all’etica pubblica, che sono o dovrebbero essere uguali per tutti. Come se esistesse una speciale dispensa (paterna? papale?) che solleva dal peccato, l’altra faccia dell’anatema che invece colpevolizza e toglie dignità al di fuori dell’obbedienza al partito (ops, movimento, così sono contenti gli appassionati di lana caprina). È anche questo un aspetto della caduta del senso dello Stato.

(altro…)

Read Full Post »

test

1)Secondo voi, è normale che quasi tutti gli italiani sappiano tutto della doverosa indagine per abuso e falso sulla sindaca Virginia Raggi per la nomina di Renato Marra, fratello di Raffaele, a capo della Direzione Turismo del Comune di Roma, e quasi nessuno sappia nulla dell’indagine per favoreggiamento e rivelazione di segreti sul ministro Luca Lotti e sul comandante dei Carabinieri Tullio Del Sette, accusati di aver avvertito i vertici Consip dell’inchiesta su un appalto truccato da 2,7 miliardi (il più grande d’Europa), così che quelli ripulirono gli uffici dalle microspie? (altro…)

Read Full Post »

tirassegnoQuesto articolo – come tutti quelli di un quotidiano, scritti sul tamburo dell’attualità – potrebbe essere da buttare già domani. Però, siccome siamo abituati a scrivere ogni giorno ciò che pensiamo e sentiamo, e su questo si basa il nostro rapporto di fiducia con i lettori, ci prendiamo il rischio di farlo anche stavolta. Da sette mesi, cioè da quando è stata eletta sindaco di Roma, Virginia Raggi viene quotidianamente lapidata dai media. Lei e chiunque le sia vicino. Qualunque cosa facciano o dicano. Cose sbagliate e cose giuste: “A prescindere”. Se lo doveva aspettare, essendo la figura istituzionale più in vista di un movimento che dà fastidio a tutti i poteri, in Italia e fuori. (altro…)

Read Full Post »

raggiEvviva evviva! Da 23 anni, da quando B. scese in campo, martelliamo la classe politica perché proibisca duramente per legge i conflitti d’interessi. E ora scopriamo che non c’è bisogno di leggi: il conflitto d’interessi è già severamente punito. E sul piano penale. È infatti per non aver impedito il conflitto d’interessi di Raffaele Marra, capo del Personale che seguiva i concorsi e le promozioni dei dirigenti comunali, compreso il fratello Renato, che Virginia Raggi è indagata con lui per abuso d’ufficio: lui per aver violato il Codice deontologico dei dipendenti comunali, lei il Regolamento di Roma Capitale. (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »