Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Reda sei mesi di torture nelle carceri del raìs In prima linea per la libertà’

Evaso tre giorni fa: “Ho vissuto in una cella sotto terra”.  “Un buco per respirare, ci sono decine di persone in quelle tombe segrete”- “Un mio compagno è morto dopo uno spintone violento che gli fatto battere la testa”. 

TRIPOLI – Il carcere di Abu Salim è stato conquistato dagli uomini del Consiglio di Transizione ma, come tutto a Tripoli, è ancora sotto il tiro dei fedelissimi di Gheddafi. È una corsa contro il tempo sfidando i cecchini. Gran parte dei detenuti sono stati liberati, tra loro ci sarebbe anche Matthew VanDyke, un giornalista americano che era scomparso in Libia lo scorso marzo. Ma ora si cercano le “fosse”, le celle sotterranee. «C´è solo un buco per respirare, so che ci sono decine di persone detenute in quelle tombe segrete. Se non si trovano in tempo moriranno» dice Reda Omar Ali Jernaz, 34 anni, che da Abu Salim è evaso martedì scorso. Ha il polso fratturato in più punti Reda e sul resto del corpo i segni delle torture che si sono state inflitte durante circa sei mesi di detenzione ma ieri è tornato in prima linea a combattere. «È la battaglia finale contro il tiranno, non potevo non esserci. Prima però dobbiamo trovare i nostri compagni sepolti vivi» dice mostrando l´ingessatura artigianale che si è fatto fare per impugnare il fucile. (altro…)

Read Full Post »