Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘report del 30/09/2012’

Se nessuno si fida dell’Italia, e c’è bisogno che una persona come Monti rimanga al governo anche dopo il suo mandato per tranquillizare i mercait, è anche perché in Itaila c’è un livello di corruzione nel pubblico e nel privato, indegno di un paese civile.
Una tassa stimata in 60 miliardi, dice la Corte dei Conti: senza la corruzione, sostiene la banca mondiale, il reddito dei cittadini italiani potrebbe crescere del 2.7%

Ma chi dovrebbe contrastare la corruzione? In Parlamento siedono un centinaio di rappresentanti del popolo, in Senato e alla Camera, con pendenze giudiziarie, indagini o processi in corso. con alle spalle condanne passate in giudicato per reati contro la pubblica amministrazione.

Ieri sera Report, con l’inchiesta di Bernardo Iovene, ha fatto una radiografia del parlamento.
E’ andato, cioè, da tutti questi onorevoli e senatori, ex ministri o presidenti di commissione, per chiedere loro se è normale sedere in un parlamento, se si hanno problemi con la giustizia. (altro…)

Read Full Post »

La presentazione della Gabanelli:

Il dl anti-corruzione è un po’ l’ultima spiaggia del governo dei tecnici: dopo tante promesse, liberalizzazioni, riforma della Rai, crescita, rigore (sui conti, ma non per gli stipendi dei supermanager né per i costi della politica), la lotta alla corruzione farà da spartiacque per questa legislatura. Vedremo se almeno i tecnici riusciranno ad avere quello scatto d’orgoglio (che viene chiesto agli italiani) per riportare finalmente l’Italia in Europa. Riportare l’Italia in posizione meno imbarazzanti in quanto a corruzione, perdita di credibilità, scarsa attrattività per i capitali esteri (e anche quelli italiani). (altro…)

Read Full Post »

Aprirà questa serie un’inchiesta di Bernardo Iovene, Parlamento 2012: il parlamento italiano appare screditato agli occhi dei cittadini e siamo forse al punto più basso della storia recente, ne sono consapevoli gli stessi deputati e senatori. Chi sono e quanti sono i parlamentari condannati in primo grado, condanne definitive, o rinviati a giudizio per reati commessi nell’esercizio delle loro funzioni? E’ giusto che questi parlamentari possano rimanere al loro posto o ricandidarsi, in attesa di sentenza definitiva? Proposte di legge sull’incandidabilità e il decreto anticorruzione (quello che l’Ocse chiede da 20 anni) sono ostacolati da quasi tutti i partiti. Perché? (altro…)

Read Full Post »