Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘riccardo iacona’

Come ha fatto il cetrosinistra a perdere quasi 4 milioni di viti alle scorse elezioni?
In che modo il centro destra ha recuperato, a livello nazionale e in Lombardia (nonostante gli scandali, i rimborsi, le infiltrazioni della ndrangheta)?

Chissà forse se anziché il buio elettorale, Presa diretta avesse continuato le sue inchieste, mostrando in che modo veniva portata avanti la campagna elettorale, quanto fosse ampia la rabbia nei confronti dei partiti, i risultati di lunedì scorso sarebbero stati meno sorprendenti.

I partiti, in particolare il Partito democratico, avrebbe forse tratto qualche ovvia conclusione. Evitando battute sui giaguari, facendo un pò di autocritica.
Presa Diretta ha seguito la campagna elettorale di Grillo in Sicilia: bastava guardare queste piazze, riempite da Grillo, in cui l’ex comico (che dovrà decidersi a passare il Rubicone) attaccava il sistema dei partiti, ma ha anche dato una speranza alle persone.
Parlando di questioni vicine alla gente: il reddito di cittadinanza, il ricambio della classe politica.  (altro…)

Annunci

Read Full Post »

presa-diretta

In diretta dallo studio 2 di Via Teulada, puntata speciale di PRESADIRETTA sul risultato delle elezioni più importanti dal dopoguerra ad oggi.

L’ultima settimana prima del voto gli inviati di PRESADIRETTA hanno seguito la campagna elettorale nelle regioni decisive per il risultato al Senato, Lombardia, Sicilia e Lazio.

E ancora,  PRESADIRETTA ha seguito l’incredibile viaggio di Beppe Grillo attraverso l’Italia, fino all’appuntamento finale di Piazza San Giovanni.

Chi ha vinto, chi ha perso e che Parlamento uscirà da queste elezioni?

Da presadiretta.rai.it

Read Full Post »

La puntata di ieri sera di Presa diretta è stata “Un viaggio per raccontare le tante storie delle donne uccise in Italia”.

Ma non solo in Italia: cronaca di questi giorni, la morte della modella Reeva Steenkamp, uccisa dal compagno, l’atleta Oscar Pistorius, perché scambiata per un ladro.
Ma i giornali raccontano un’altra storia: parlano di gelosie, di una lite in casa prima dei colpi di pistola. Ma è corretto parlare di gelosia?
Reeva è morta per la sua bellezza, una bellezza che l’ha rendeva forse colpevole agli occhi del compagno. Un famoso atleta con la casa piena di armi.

Qui l’amore non c’entra nulla. E nemmeno la gelosia: qui parliamo di una visione distorta della donna, considerata come un oggetto che non può ribellarsi, che non può lasciare il proprio compagno, marito, fidanzato. Il proprio padrone. (altro…)

Read Full Post »

Presadiretta

Napoli: donna uccisa dal marito, sale a 6 numero omicidi nel 2013 Napoli, 14 feb. (Adnkronos) – Morta dopo 3 giorni di agonia per le ferite provocatole dal marito, Vincenzo Carnevale, poi arrestato dai carabinieri, sale a 6 il numero delle persone uccise dall’inizio del 2013. Le ultime due vittime sono entrambe di sesso femminile. Prima di Giuseppina Di Fraia un’altra donna era stata uccisa a colpi di pistola dal figlio [Repubblica – Napoli].

Si riuscirà finalmente a fare qualcosa per fermare la strage delle donne: questa scia di sangue che uccide una donna ogni 3 giorni?
Donne uccise dal marito o dall’ex marito dopo una separazione. Dal fidanzato o dal convivente. Donne che diventano casi di cronaca, a delitto ancora caldo, per poi tramutarsi, finita l’indignazione, in freddi numeri di una statistica che interessa a pochi. (altro…)

Read Full Post »

violenza-donneIn uno speciale viaggio durato due mesi Riccardo Iacona vi racconta da vicino le storie delle tante donne uccise nel nostro Paese, un numero che negli ultimi anni non accenna a diminuire.

E’ dal 2006, infatti, che la statistica delle donne uccise nel nostro paese è in continuo aumentofino alle centodieci donne uccise nel 2012 ,quasi una ogni tre giorni. Quasi tutte uccise dai mariti, ex mariti, fidanzati, ex fidanzati, cioè dalle persone che gli stavano più vicino, che conoscevano meglio, spesso dal padre dei loro figli. Di queste storie la cronaca ci racconta tutto, anche i dettagli più terribili, le trenta coltellate, gli ottanta colpi di mattarello, le botte prima dell’annientamento fisico. Ma la cronaca non mette mai queste storie l’una a fianco all’altra, le tratta come fossero storie singole, nate dentro un rapporto d’amore sbagliato, donne  morte per passione, per possesso, per gelosia. E cosi questa cronaca uccide le donne una seconda volta, perché cancella del tutto quello che queste morti ci stanno gridando, ogni tre giorni , dai marciapiedi delle nostre citta’ : “LIBERTA’”,“INDIPENDENZA”, “AUTONOMIA”,ecco cosa ci gridano queste storie. (altro…)

Read Full Post »

presadiretta-iacona

Berlusconi ha chiesto una verifica ai collaboratori. E forse oggi non firmerebbe quell’accordo. “Sono sempre stato contrario all’F35 e alle portaerei”. 
Bersani dice che occorre rivedere la spesa per i caccia F35, ora la priorità è il lavoro. Ma comunque non possiamo rinunciare ai caccia: forse, e dico forse, ne compreremo di meno.
Monti scarica le colpe sui governi precedenti. Da D’Alema a Berlusconi. E in ogni caso, sul progetto F35, non si torna indietro. Ci sono gli accordi..

Grillo e Ingroia, infine, sono contrari sia all’accordo che alla spesa: in Parlamento voteranno contro.
Miracolo di questa campagna elettorale, che ha alcentro la questione delle tasse, è che tra una promessa e un’altra, si torna a parlare del mastodontico progetto di acquisto dei caccia “multipurpose” della Lockheed Martin, gli F35. (altro…)

Read Full Post »

Ilva

Taranto i bambini non possono andare a giocare nei parchi, per una ordinanza del sindaco. L’aria di Taranto fa ammalare le persone, è causa di tumori, uccide le persone.
Taranto i pescatori sono diventati dei becchini: sono costretti a gettare via tutte le cozze che una volta allevavano. Anche il mare, come l’aria, è stato inquinato. E le polveri di ferro che si sono depositate sui fondali hanno avvelenato il frutto del loro lavoro.
Taranto gli allevatori di pecore vedono i loro capi abbattuti: perché hanno mangiato e respirato cibo e aria inquinate. In un’aria che si estende per 20 km attorno alla città, non si può fare allevamento. E le persone si chiedono, le bestie le abbiamo ammazzate. E noi uomini? (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »