Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘sala’

expo-chiusura

È il primo atto di questo tipo legato alle vicende dell’esposizione universale, che porterà Paris ad affrontare il giudizio dei magistrati contabili, con il rischio di dover rimborsare oltre un milione di euro. Una parte chiesta dalla procura a titolo di “danno non patrimoniale all’immagine della società Expo”, una parte a titolo di “danno patrimoniale da tangente”. (altro…)

Read Full Post »

salaProporzioni di una notizia, a guardare Repubblica e Corriere della Sera, sembrano funzionare più o meno così: se la notizia su un’inchiesta riguarda i Cinque Stelle, allora ci si può dedicare più spazio. Se riguarda il Pd, o nel caso specifico il sindaco di Milano Giuseppe Sala, allora ci si può pure stringere in un boxino o limitarsi a darla nella cronaca locale. Corriere di ieri: un’intera colonna per la mancata scarcerazione di Marra e le mosse della Raggi e, nella stessa pagina, un mini boxino per la proroga di sei mesi delle indagini sull’appalto Expo che tra gli indagati vede anche il sindaco di Milano. (altro…)

Read Full Post »

 

National Day della Gran Bretagna a Expo Milano 2015 con Primo Ministro David CameronIl sindaco di Milano è accusato di falso materiale per il maxi-appalto della Piastra. Ieri il gip ha dato l’ok alla richiesta di proroga. A novembre l’indagine era stata avocata dalla Procura generale.

Altri sei mesi per indagare sul più grande appalto di Expo e sul suo commissario, Giuseppe Sala, che nel frattempo è diventato sindaco di Milano. Il giudice delle indagini preliminari Lucio Marcantonio ha detto sì: la Procura generale ha tempo fino al 10 giugno 2017 per proseguire l’inchiesta che la Procura voleva archiviare. (altro…)

Read Full Post »

sala

A concederli è stato il giudice per le indagini preliminari di Milano, Lucio Marcantonio, che ha così accolto la richiesta del sostituto procuratore generale, Felice Isnardi. Il primo cittadino è accusato falso materiale e falso ideologico.

Ci saranno altri sei mesi d’indagini per l’inchiesta sulla Piastra di Expo, l’infrastruttura più costosa realizzata nel sito di Rho Pero dalla Mantovani. A concederli è stato il giudice per le indagini preliminari di Milano, Lucio Marcantonio, che ha così accolto la richiesta del sostituto procuratore generale, Felice Isnardi. La proroga delle indagini riguarda le posizioni di sette persone iscritte nel registro degli indagati, compreso il sindaco di Milano ed ex amministratore delegato di Expo, Giuseppe Sala, che è accusato di falso materiale e falso ideologico. Si tratta della stessa indagine che nel dicembre scorso aveva portato ad un’inedita “autosospensione” di Sala dal ruolo di primo cittadino di Milano. (altro…)

Read Full Post »

paese-alla-rovescia

Read Full Post »

manicomio

Giorgio Bocca lo chiamava “il Paese di Sottosopra”, ma era un eufemismo. Questo è un manicomio, però gestito non dagli psichiatri, ma dai matti. A Milano c’è un sindaco indagato per falso materiale e falso ideologico sul principale appalto del principale grande evento degli ultimi anni: l’Expo 2015. Il sindaco si “autosospende” e si fa sostituire dal vicesindaco, inventandosi un istituto giuridico che non esiste in natura e nell’ordinamento, giustificato con un “impedimento temporaneo” anch’esso inventato visto che le indagini non gli impediscono di esercitare le sue funzioni. Una penosa manfrina per fare pressioni sulla Procura generale che ha osato riesumare l’inchiesta sepolta dalla Procura ordinaria e riaperta dal gip. E tutti, compreso Salvini, implorano Sala di restare al suo posto perché “Milano dev’essere governata”. (altro…)

Read Full Post »

sala-raggiPer una volta, ci capita di essere d’accordo con i commentatori di tutti i giornaloni e giornalini: Paola Muraro deve dimettersi da assessore all’Ambiente di Roma. Non per aver taciuto di essere indagata (l’iscrizione è un atto segreto, noto solo a lei e alla Procura, e poteva farne ciò che voleva), ma per aver dichiarato pubblicamente di non esserlo (“non mi risulta nulla”). Cioè per avere mentito. Tale è il nostro entusiasmo per quest’unanimità di consensi che vorremmo battere il ferro finché è caldo: cioè approfittarne per applicare lo stesso metro di giudizio a tutti i casi simili o addirittura più gravi. (altro…)

Read Full Post »

enne

Read Full Post »

tasca

Le selezioni dei componenti della giunta del sindaco Pd Giuseppe Sala a Milano non si sono basate su competenze ma su altri criteri: l’amicizia con il sindaco e la provenienza dal mondo bancario. Esempi ce ne sono parecchi, anche se i media sembrano non essere interessati. Partiamo dall’Assessore al Bilancio: Roberto Tasca si occuperà delle casse del Comune perchè socio in affari di Sala visto che entrambi sono fondatori di Medhelan Management & Finance e soci di Kenergy, impresa che produce energia fotovoltaica, è inoltre vicepresidente di Webank e di Bpm e presidente dell’organismo di vigilanza del Fondo Strategico Italiano e della Simest (entrambi di Cassa Depositi e Prestiti). (altro…)

Read Full Post »

Expo

La Procura regionale della Corte dei conti della Lombardia ha notificato contestazioni di danni erariali per oltre cinque milioni di euro relativi a due procedimenti di responsabilità connessi ai procedimenti penali sugli appalti irregolari dell’Esposizione milanese del 2015.

Sono stati contestati “il danno erariale all’immagine, il danno patrimoniale da tangente e il danno alla concorrenza nei confronti dei soggetti ritenuti responsabili e che all’epoca delle procedure di gara oggetto di turbativa rivestivano posizioni di primario rilievo nella società Expo 2015 Spa”, si legge in una nota della Procura regionale contabile della Lombardia. (altro…)

Read Full Post »

Sala

Niente da fare. Anche a distanza di settimane dall’assemblea dei soci di Expo del 9 febbraio scorso che ha certificato le perdite registrate nel 2015, l’ex amministratore delegato della società Giuseppe Sala non riesce ad ammettere che ci sia stato un “rosso” di bilancio. Come non spiega grazie a quali ritocchi il patrimonio netto al 31 dicembre 2015 sia aumentato, passando dai 14,2 milioni di euro comunicati in passato dal cda, a 30,7 milioni di euro (23 milioni di euro al 18 febbraio), secondo i rendiconti consegnati giovedì scorso dallo stesso Sala al collegio dei liquidatori della società, che nel frattempo è stata messa in liquidazione. (altro…)

Read Full Post »

Il presidente del collegio dei liquidatori, Alberto Grando, ha annunciato che il documento sarà presentato all’assemblea “entro il 30 giugno”. Il ballottaggio è il 19. L’ex numero uno della società, candidato del centrosinistra, aveva replicato alle accuse di voler nascondere i dati assicurando che sarebbero stati diffusi “ad aprile”.

I milanesi voteranno per il sindaco senza prima avere visto nel dettaglio i veri numeri di Expo. Senza aver potuto paragonare larealtà dei conti rispetto a quanto sinora raccontato, tra bugie eomissioni, dall’ex numero uno della società e candidato del centrosinistra, Giuseppe Sala. La chiusura del bilancio è stata infatti rinviata: “Lo presenteremo all’assemblea dei soci entro il 30 giugno”, ha annunciato il presidente del collegio dei liquidatori di Expo, Alberto Grando, nel corso di un’audizione in commissione a Palazzo Marino. (altro…)

Read Full Post »

bertolasoTra le mirabolanti promesse di Expo, c’era anche un aumento record dei posti di lavoro. Nel dossier di candidatura presentato nel 2006, s’ipotizzava che l’esposizione universale mettesse in moto nuova produzione per 20,6 miliardi, con un valore aggiunto per il Paese (l’effettivo aumento del Pil e di salari e profitti) di 10,2 miliardi, con 240 mila nuovi posti di lavoro stabili, oltre ai quasi 70 mila a termine per realizzare e gestire l’evento. Erano tutte balle. A Milano e in Lombardia l’occupazione non è affatto aumentata, ma è anzi diminuita. Ora i sindacati cercano di fare i conti e offrire qualche cifra precisa su questa promessa non mantenuta. (altro…)

Read Full Post »

dissanguamento

Oltre al rosso patrimoniale e di bilancio, mancano le risorse per smantellare le strutture: Tesoro e soci devono (ri)aprire il portafogli. Emorragia di cassa.

Expo, allarme rosso. Entro fine marzo devono arrivare tra i 40 e i 50 milioni di euro, altrimenti la società rischia il collasso. Quasi 10 milioni ce li dovrebbe mettere subito il Comune di Milano, del quale l’ex amministratore delegato Giuseppe Sala vorrebbe diventare sindaco, continuando a dire che sui conti non c’è alcun problema. Eppure l’allarme e le cifre dei soldi che servono subito sono scritte chiare nei (pochi) documenti ufficiali di fine Expo spa in circolazione. (altro…)

Read Full Post »

infografica-2016-03-01-expo

Tutte le bugie del candidato sindaco di Milano che ha detto più volte che il bilancio 2015 dell’evento e il patrimonio netto finale sarebbero stati positivi. Invece sono in rosso. Profondo.

Giuseppe Sala sui conti Expo ha mentito due volte. La prima quando ha dichiarato che il bilancio 2015 non sarebbe stato in rosso (il 23 dicembre 2015 in una videointervista alfattoquotidiano.it e poi il 20 gennaio 2016 al confronto con gli altri candidati delle primarie al teatro Dal Verme). La seconda quando ha dichiarato solennemente che l’operazione si concludeva con il patrimonio netto positivo (il 25 gennaio davanti alle commissioni Expo e Partecipate di Palazzo Marino). Ora i dati – non ancora definitivi, ma ufficiali – allegati al verbale dell’assemblea dei soci di Expo spa del 9 febbraio 2016 provano la doppia bugia del commissario Expo, candidato sindaco del centrosinistra. Ilbilancio 2015 risulta infatti in rosso per 32,6 milioni. E il patrimonio netto risulterà, a fine attività, negativo per almeno44,1 milioni. (altro…)

Read Full Post »

La relazione del consiglio di amministrazione di Expo 2015 presentata ai soci il 9 febbraio. Sala: “Risorse sono sufficienti per le prossime 3-4 settimane”. Corte dei Conti: “Mancano risposte sulla copertura dei costi post esposizione”.

Il candidato sindaco di Milano del Pd, Giuseppe Sala, ha un bel dire che non c’è nessun buco Expo. La società che ha gestito l’esposizione universale meneghina ha chiuso il 2015 con un rosso compreso tra 30,6 e 32,6 milioni di euro, a seconda dei risultati finali del recupero crediti. A smentire Sala è lo stesso Sala. O meglio, il consiglio di amministrazione di Expo 2015 da lui guidato, che lo scorso 18 gennaio ha messo nero su bianco la cifra in una relazione che è stata discussa dai soci il 9 febbraio scorso. (altro…)

Read Full Post »

Biani

Read Full Post »

I due esponenti della Milano civica, sommati, superano nettamente Mr Expo. Francesca Balzani esprime la sua delusione, Pierfrancesco Majorino si concentra sul suo risultato “al di sopra delle aspettative”. E dietro le quinte, tra i supporter, volano gli stracci. Preoccupazione nel Pd cittadino per la tenuta di una squadra a guida Sala: “Non sarà facile lavorare con le persone che lui ha intorno”.

“Ti ricordi quella scommessa davanti al caffè? Che cosa ti avevo detto?”. L’incoronazione di Giuseppe Sala a candidato sindaco di Milano si è appena conclusa. Il pubblico sta già uscendo dal teatro Elfo Puccini, dove i candidati alle primarie del centrosinistra si sono ritrovati dopo lo spoglio. Il consigliere comunale di Sel Luca Gibillini incrocia il collega del Pd David Gentili, il primo ha sostenuto Francesca Balzani, il secondo Pierfrancesco Majorino. Il ricordo torna su una scommessa di qualche settimana fa: che unita, la sinistra, avrebbe superato il 50% e avrebbe battuto Giuseppe Sala. (altro…)

Read Full Post »

cinesi-al-voto

Dopo l’endorsement in lingua mandarina della comunità per il candidato Pd Giuseppe Sala, nel primo giorno di voto è stata mantenuta la parola. Il rappresentante dem alla sezione Lama: “In tanti non capivano la nostra lingua e hanno chiesto a me per chi dovessero esprimere la preferenza”. Le immagini della deputata Quartapelle e del consigliere comunale Lazzarini che incontrano in un bar gli stranieri che poi vanno alle urne.

“Una partecipazione cinese inaspettata alle primarie del centrosinistra di Milano e una serie di operazioni sospette: non capiscono e non sanno leggere l’italiano e aprono la scheda per sapere dov’è il nome. Il sospetto che non ci fosse questa consapevolezza di cittadini che sanno cosa stanno facendo io l’ho maturato”. A raccontarlo ai microfoni de ilfattoquotidiano.it è Carlo Bonaconsa, il presidente di seggio della sezione Luciano Lama (zona 2 – stazione centrale) dopo il primo giorno di votazioni.Nelle scorse ore la comunità cinese della capitale della Lombardiaaveva espresso il suo appoggio pubblico in lingua mandarina al candidato Pd Giuseppe Sala. (altro…)

Read Full Post »

sala

Oltre all’architetto Michele De Lucchi, ad avere lavorato sia per l’esposizione che per il Sala privato ci sono un professionista, ovvero un notaio e un’azienda, la Sec, società di comunicazione vicina a Cl.

Se non bastavano le mezze verità sull’architetto che ha lavorato perExpo e per la sua villa al mare, ora Giuseppe Sala casca su una bugia vera e propria. “Non ci sono altri casi di aziende, persone e professionisti che hanno lavorato per Expo e per me”, ha detto l’aspirante sindaco di Milano lunedì scorso a Palazzo Marino, mentre nel corso dell’audizione sui conti di Expo rispondeva a una domanda del consigliere comunale Manfredi Palmeri. (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »