Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘salvini’

Read Full Post »

Read Full Post »

Read Full Post »

Il mondo di oggi è troppo complesso per le menti dei nostri rappresentanti (?) in Italia e in Europa: anche questo spiega il perché prendono piede populismi e populisti.
Ma anche persone come il signor Dijsselbloem, nazionalità olandese e presidente dell’Eurogruppo, che ieri si è lanciato in una affermazione che fa comprendere quanti luoghi comuni affollino le menti di questi personaggi che dovrebbero salvare l’Europa (da gente come Salvini e Dijsselbloem). (altro…)

Read Full Post »

“Il responsabile politico di ciò che è successo sabato è Salvini“. Lo ha detto il sindaco di Napoli Luigi De Magistris commentando gli scontri di sabato 11 marzo. “Non ho mai detto che Salvini non avrebbe dovuto parlare qui a Napoli – ha aggiunto De Magistris – era stato solo proposto un altro luogo, visto il diniego della Mostra d’Oltremare, ma il comitato organizzatore di Noi con Salvini lo ha rifiutato. (altro…)

Read Full Post »

Nel lodigiano un uomo spara ad un ladro , entrato per rubare delle sigarette nel suo ristorante, al termine di uno scontro. Siamo caduti, è partito un colpo ..
Non sono in grado di dire cosa si provi, quando ti trovi di fronte un ladro, in casa. Uno sconosciuto che non sai che reazione potrebbe avere. Un ladro che potrebbe prendere e scappare via, oppure prendersela con te, farti violenza a te e alla famiglia.
La legge italiana già oggi tutela chi, in determinate circostanze (che devono essere stabilite da un giudice) si difende anche con le armi. Si chiama legittima difesa. (altro…)

Read Full Post »

Read Full Post »

salvini-migranti-3-mosse

Read Full Post »

SalviniI personaggi.

Da mesi il governatore interviene per smentire il leader.

MILANO – A sentire le loro risposte sulle continue ed evidenti discordanze di vedute, sembra quasi che il cane e il gatto si siano messi d’accordo: «Ma è normale, lui fa il segretario di partito mentre io ho una responsabilità di governo », dice Roberto Maroni. «Ma è normale, lui ha responsabilità di governo, io faccio il segretario di partito», dice Matteo Salvini. Una storia dentro la storia della Lega Nord, fatta di tensioni continue ma a basso voltaggio, con un particolare che la rende anche narrativamente “epica”: perché colui che diede il partito nelle mani di Salvini fu proprio Maroni.

(altro…)

Read Full Post »

BaraldiÈ polemica in Francia. Hollande:“Non ne parlo” Salvini: “Si prendano provvedimenti simili in Italia”.

PARIGI – Sulla spinosa questione del burkini s’è finalmente espresso anche il premier Manuel Valls, dicendosi d’accordo con quei sindaci che si oppongono al costume da bagno integrale per le donne sulle spiagge di Francia.
Ma Valls l’ha fatto ignorando gli appelli delle associazioni che lottano contro l’islamofobia, il che ha creato un forte imbarazzo in seno alla maggioranza del suo stesso governo.
Tanto che ieri, prima di recarsi in visita privata da papa Francesco, il presidente François Hollande non se l’è sentita di approvare le dichiarazioni del primo ministro e quindi di difenderlo dagli attacchi che cominciavano a piovergli addosso. «No, del burkini non parlo», ha tagliato corto Hollande, incalzato dai giornalisti.

(altro…)

Read Full Post »

Bambola

Read Full Post »

Ellekappa

Read Full Post »

E' uguale

Read Full Post »

SalviniIl leader della Lega sceglie nell’ipotesi di un ballottaggio a Roma tra 5 Stelle e centrosinistra. Oggi al Consiglio di Stato ultima chance per Fassina, già ai ferri corti con Sel: scambi d’accuse sul pasticcio delle firme irregolari.

ROMA – «Io un uomo del Pd non lo voto nemmeno sotto tortura», dice Matteo Salvini ospite di
In 1/ 2 ora.
Per questo, di fronte a un ballottaggio a Roma tra Virginia Raggi e Roberto Giachetti, il leader della Lega sceglierebbe la prima, candidata per M5S.
Un endorsement già espresso due mesi fa ma che, a tre settimane dal voto, diventa un mezzo assist per l’esponente dei Dem: «Prendo atto che i candidati di destra, Meloni con Salvini, Marchini e Raggi, tutto sommato troveranno un accordo per il ballottaggio io rimarrò l’unico candidato alternativo del centrosinistra», dice Giachetti che in queste ore va a caccia dei voti di Stefano Fassina, appeso con le sue liste di sinistra al verdetto del Consiglio di Stato sulla sua riammissione alla corsa per il Campidoglio.

(altro…)

Read Full Post »

L’altra sera, mentre guidavo, ero all’ascolto di Sebastiano Barisoni che a Radio 24 cercava, disperatamente, di spiegare agli ascoltatori come la barriera del Brennero, progettata dall’Austria al confine con l’Italia, fosse puro autolesionismo visto che a pagare il prezzo del blocco in termini di traffico e commerci, saremmo stati noi ma anche loro.

E io, disperatamente, prendevo nota di una vera contabilità dell’assurdo che l’indomani ho ritrovato sui giornali. Ore di ritardo che per ogni Tir possono costare 60 euro e oltre, con una perdita secca tra i 5 e i 10 miliardi per la nostra economia, e fino a 2 miliardi per quella austriaca. Per evitare le file mostruose che si formeranno al valico, i carichi provenienti dall’Italia saranno costretti a percorrere tragitti molto più lunghi e costosi attraverso Svizzera e Francia. L’inizio della fine per l’epoca felice di Schengen e della libertà dalle barriere. (altro…)

Read Full Post »

Il leader padano e il miliardario Usa cavalcano angosce senza offrire rimedi realistici: come fanno Le Pen e Hofer.

WASHINGTON – Dietro la foto della “strana coppia” Donald Trump e Matteo Salvini, dietro l’apparenza incongrua dell’incontro fra un supermiliardario di Manhattan e il leader di un partito italiano fiorito in Brianza, c’è la sostanza della stessa preda elettorale alle quale entrambi puntano: la ribellione confusa, informe, generica, ma formidabile di grandi strati dell’elettorato contro tutto ciò che sembri “establishment”. Quell’establishment, quella casta, che i militanti del “Trumpismo”, come quelli del “Grillismo”, del “Sanderismo”, del “Salvinismo”, del neofascismo galoppante in Austria, in Francia, nell’Est d’Europa, accomunati dalla stessa rabbia sorda e spaventata accusano di avere tradito in una parola semplicistica quanto efficace “la gente”.

(altro…)

Read Full Post »

salviniForse un giorno leggeremo su Wikipedia che Matteo Salvini ha creato una nuova corrente filosofica. Il Salvinismo consiste nell’interpretare il Superomismo nietzschiano ebbri di vin brulé, le guance arrossate dal freddo, e lo sguardo determinato in una sola, poderosa, tonante domanda: grappa ce n’è?
Ma mi sbaglio e mi scuso: questo è solo il Salvinismo dei giorni di Pasqua, quando Matteo  abbracciava alcuni pescatori, prima di inerpicarsi in vetta e lanciare   giocherellone! – un concorso fotografico di cime innevate (testo: “Dai, chi pubblica la foto che prende più like vince una cena con la #Boldrini”). (altro…)

Read Full Post »

salviniParigi chiama e Milano (o Roma) risponde?
Il parallelo Francia Italia dopo lavittoria di Marine Le Pen è possibile, ma il confronto tra Salvini (e gli altri populisti da salotto della nostra destra) e la leader di FN è improponibile. Marine Le Pen ha costruito la carriera passo dopo passo. Salvini nei salotti televisivi.
Le Pen non si è mai alleata con la destra di Sarkozy. Salvini si allea con Berlusconi, dopo aver detto che mai si sarebbe alleato più con Forza Italia.

Tanto per dire.

Una piccola nota sulla vittoria del Front National: hanno tutti lavorato per la sua vittoria.
Da anni si governano le democrazie europee con la paura: del terrorismo, della crisi, dell’immigrazione.

(altro…)

Read Full Post »

Maledetti bastardi”, “Porci”, “Assassini”: nei talk televisivi seguiti alla strage di Parigi,colpa imperdonabile è il cosiddetto buonismo in cui si può incorrere perfino se non si condiscono i vari   pistolotti con   una sequela di   insulti verso i   terroristi islamici, magari agitando i pugni e digrignando i denti. Loro sparano proiettili e noi parolacce. Naturalmente, chi spicca per decisionismo interventista è Matteo Salvini, che non risparmia anatemi al feroce saladino. Sere fa, al culmine dell’ira funesta, il capo leghista ha detto che quegli assassini “vanno cancellati dalla faccia della terra”, concetto condivisibile soprattutto se esplicitato comodamente seduti in uno studio televisivo. (altro…)

Read Full Post »

socialLa carneficina era ancora in corso e Salvini tuonava contro Islam e immigrati. Libero si supera, la Meloni va alla guerra.

La notte di Parigi non conosce la pietà del silenzio. Mentre tutto succede, sui social network si rincorrono le notizie, gli allarmi, le lacrime. E anche i commenti dei politici nostrani, che non si fermano davanti ai morti. Matteo Salvini non perde tempo,del resto la campagna contro gli immigrati è uno dei suoi cavalli di battaglia. E sembra di sognare leggendo i suoi post. Perché mentre gli attacchi sono ancora in corso, mentre ci sono gli ostaggi chiusi nella sala concerti,lui chiede di introdurre “i libri di Oriana Fallaci obbligatori in tutte le scuole. Prevenire è meglio che curare”. Poi propone la “chiusura delle frontiere, controlli a tappeto di tutte le realtà islamiche presenti in Italia,attacchi in Siria e in Libia”.Viene immediatamente subissato di critiche e accuse: sciacallo. “Chi come Salvini fa campagna elettorale mentre Parigi conta i suoi morti, non merita nessun rispetto”. (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »