Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘scanzi’

Primarie Pd? Il mio timore è che si sia trattato di un esercizio democratico molto nobile, ma un po’ una conta interna. E quindi rischia di essere un elemento solipsistico e autoreferenziale, dietro il quale però c’è la celebrazione di un uomo che nel frattempo ha perso il contatto con la realtà e con il Paese“. E’ l’analisi del giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, intervenuto a Otto e Mezzo (La7) assieme a Tommaso Cerno, direttore dell’Espresso, e a Paolo Mieli, presidente di Rcs Libri. (altro…)

Read Full Post »

renzi-mento

Quindi, ricapitolando. Il problema non è il caso Consip, non è Lotti, non è papà Renzi, non è il facilitatore Russo, non è Romeo (Alfredo), non sono Del Sette e nemmeno Saltalamacchia. No: il problema è Emiliano, che oserà rispondere ai pm e quindi testimoniare sulla (assai losca) vicenda. (altro…)

Read Full Post »

marione

C’è un bel clima nel Pd, ma l’anomalia non è che adesso si scannino: è che abbiano sopportato per anni, e sopportino ancora, una sciagura come Renzi. Non è (solo) un problema personale: è un problema di idee, di progetti, di visione delle cose. Se per (non) vincere fai le stesse cose di Berlusconi, che cazzo ci stai a fare dentro quel partito? (altro…)

Read Full Post »

woodstock

Read Full Post »

scanzi

Polemica rovente in due match durante Tagadà (La7): protagonista dello scontro è il giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi,che si confronta prima con il sindaco di Pesaro e vicepresidente del Pd, Matteo Ricci, e poi con il giornalista Piercamillo Falasca del comitato ‘Basta un sì’. Il dibattito è incentrato sulla vittoria di Trump alle elezioni Usa, riguardo alle quali Ricci osserva: “Ormai lo scenario politico occidentale è diviso su due schieramenti: quello riformista e quello populista. Trump ha trasformato il partito repubblicano in un partito di destra diverso da quello di prima, esattamente come la Le Pen in Francia e il M5S in Italia”. (altro…)

Read Full Post »

scanzi

“Non sono io quello che fino all’altro giorno ha personalizzato la lotta referendaria. Ho definito ‘filogovernativo’ Benigni, perché lui stesso ha detto serenamente che è amico di Renzi e che, se non si vota il Pd, si scende tra gli inferi a causa di Salvini e di Grillo. Avete detto che cambierete l’Italicum, peraltro dopo aver detto fino a ieri che era una legge strepitosa, ma asserire che non esiste il rischio di deriva autoritaria o di un premier eccessivamente forte è un po’ forzato. L’unica differenza con la riforma di Berlusconi è che quest’ultimo ci disse chiaramente che voleva una svolta nel premierato forte, mentre stavolta la vostra modifica è subdola e surrettizia. Lo fate, ma non lo dite. (altro…)

Read Full Post »

Leggo le parole del mio amico Freccero, secondo cui le cose che Renzi sta facendo in Rai non le ha mai fatte neanche Berlusconi. Non riesco a stupirmi: Renzi non mi ha mai fregato, neanche un secondo. L’ho sempre visto per quel che era: un goffo, pingue e tragicomico bluff gattopardesco. Renzi è una delle più grandi iatture politiche che potessero capitare a questo paese. E lo è non certo per la sua fedina penale o per il suo passato, ma perché incarna gli aspetti peggiori della politica italiana senza avere la faccia (e la maglia) del “cattivo”. Berlusconi era il “Male” manifesto, dichiarato e plateale. Renzi ne è una variante untuosa e pericolosissima: rappresenta la politica ignorante epperò tronfia, ridicola epperò vanagloriosa, carnivora e vendicativa epperò buonista. (altro…)

Read Full Post »

Scanzi

Dure scudisciate del giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, al governo Renzie al Pd, nel corso de La Gabbia Open (La7). Il tema centrale è il referendum sulle riforme costituzionali, argomento sul quale Scanzi esordisce rivalutando ironicamente Massimo D’Alema. Poi osserva: “Siamo di fronte a una classe dirigente (e faccio fatica a chiamarla sia ‘classe’, sia ‘dirigente’) fatta da personaggi impreparati, arroganti, supponenti, ignoranti e pericolosissimi, perché non sanno di essere pericolosi”. (altro…)

Read Full Post »

Ogni volta che sento parlare di animali, mi incazzo. E mi incazzo perché, ogni volta, la crudeltà dell’uomo si dimostra senza pari. Crudeltà e al contempo stupidità. Grande social-commozione per la morte del gorilla nello zoo di Cincinnati. Escono ora video che dimostrano come il gorilla non stesse minimamente aggredendo il bambino, ma cercasse casomai di proteggerlo. Si dirà: era difficile decidere sul momento. Certo. Infatti il problema è a monte: il concetto di zoo. Che è un concetto bieco, empio e vile, non meno dei circhi con gli animali. Davvero siamo ancora a questo stadio di inciviltà? Lasciateli liberi, gli animali. Non rovinategli (ulteriormente) la vita. (altro…)

Read Full Post »

Nardella

Apprezzo molto la maniera con cui Nardella, da me scoperto in tempi non sospetti, si consegni ogni giorno alla leggenda. Di fronte al disastro Lungarno, che lo ha visto puntualmente reattivo come un frassino morto sotto la tempesta, Nardy ha tuonato (va be’): “Publiacqua deve spiegazioni a me e ai cittadini”. Detto che casomai dovrebbe essere il sindaco (cioè lui, anche se non sembra) a dare spiegazioni ai cittadini, il mitico Nardy potrebbe essere accontentato facilmente. Chi c’era (o c’è) dietro e dentro la partecipata comunale Publiacqua, sotto accusa per il guasto alle due tubature dell’acquedotto? E’ presto detto: un covo di renzinissimi della prima ora. (altro…)

Read Full Post »

Scanzi

Referendum sulle riforme costituzionali? Voterò no convintamente e farò di tutto per convincere chiunque a votare no. E’ una riforma semplicemente orrenda, con due cose positive su cento orrende”. Sono le parole del giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, durante Otto e Mezzo (La7). La firma de Il Fatto si soffermasulle dichiarazioni rese da Matteo Renzi circa la questione morale che riguarderebbe tutti i partiti e i movimenti politici: “Questo tema ha sempre imbarazzato anche la sinistra, sempre ammesso che si possa parlare di sinistra nell’attuale Pd. (altro…)

Read Full Post »

Sogniamo una volta di più con Dolce Forno Picierno, la donna che non ne indovina una neanche per sbaglio. Idolo.

PDDa facebook.com/Andrea-Scanzi

Read Full Post »

Scanzi

“Caso Graziano? Al momento, le uniche cose che Renzi ha saputo rottamare veramente sono state D’Alema e la sinistra. ll presidente del Consiglio è scarsamente interessato alla questione morale”. Così il giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, commenta la vicenda di Stefano Graziano, presidente del Pd campano, indagato con l’accusa di concorso esterno in associazione a delinquere di stampo mafioso. Ospite di Otto e Mezzo (La7), Scanzi si confronta con Marco Damilano, vicedirettore dell’Espresso, e Fabrizio Barca, esponente Pd, il quale osserva: “Quello che sta accadendo è una cosa orrenda, e vorrei pure vedere che Graziano non si fosse autosospeso. (altro…)

Read Full Post »

Read Full Post »

Scanzi

Le parole di Alfano sono di una gravità inaudita e imbarazzanti soprattutto per lui che le ha pronunciate. Evidentemente parla di ‘contro natura’ perché forse conosce l’argomento”. Così la firma de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, commenta le discusse dichiarazioni del ministro Alfano sul ddl Cirinnà. Ospite di Otto e Mezzo(La7), Scanzi, insieme al giornalista Giovanni Floris, analizza i postumi del voto alla legge sulle unioni civili: “Renzi ha deciso cinicamente di preferire la salvaguardia del governo invece di andare fino in fondo con la legge, e lo poteva fare tranquillamente: sarebbero bastati 4 o 5 giorni. (altro…)

Read Full Post »

Scanzi

Confronto a Otto e Mezzo (La7) tra la firma de Il Fatto Quotidiano Andrea Scanzi, la senatrice del M5S Paola Taverna e l’editorialista de Il Corriere della Sera Massimo Franco. Il tema del dibattito è imperniato sul ‘codice etico’ del M5S romano e sulla sanzione di 150mila euro, da destinare in beneficenza, per chi provoca un danno d’immagine al movimento. Scanzi osserva: “Mi sembra una mossa logica dal punto di vista del M5S, non so quanto condivisibile dalla maggioranza degli italiani. (altro…)

Read Full Post »

scanzi

Duello a colpi di fioretto tra la firma de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, e il capogruppo alla Camera di Area Popolare (Ncd-Udc), Maurizio Lupi, durante Piazzapulita (La7). Ad accendere la miccia del dibattito è lo scontro frontale tra i due sulddl Cirinnà, nei confronti del quale Lupi si esprime con toni molto critici. Scanzi osserva: “Cosa fa Ncd se passa il ddl Cirinnà? Cosa volete che faccia? Ncd è una sorta di categoria dello spirito hegeliano, è qualcosa di immaginifico, non esiste in natura. Se domani si va al voto” – continua – “questo librettino prende più voti. Ncd usa la tecnica dell’”io ti ricatto ma so di non avere comunque niente in tasca”. In realtà, non c’è un potere, ma nel frattempo sono arrivate 5 poltrone e grandi intellettuali, dalla Gentile alla Bianchi. Tutta gente straordinaria“. (altro…)

Read Full Post »

scanzi

Scontro al fulmicotone in più atti tra la firma de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, e il direttore de L’Unità, Erasmo De Angelis, nel corso di Otto e Mezzo, su La7. L’argomento del dibattito, a cui prende parte anche il direttore de Il Giornale, Alessandro Sallusti, è lo scontro frontale tra Matteo Renzi e il presidente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker. Scanzi si esprime con toni critici sull’operato del premier: “Allo stato attuale, Renzi ha avuto successo a livello europeo? No. Del suo semestre si è accorto nessuno? No. Nei vari vertici europei Renzi non c’è stato quasi mai. (altro…)

Read Full Post »

Scanzi - Casini

Polemica concitata tra il giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, e il leader dell’Udc, Pierferdinando Casini, durante Otto e Mezzo, su La7. Il tema della discussione, a cui partecipa anche il filosofo Massimo Cacciari, ospite in collegamento, verte sul concetto di antipolitica e sulla crisi dei partiti tradizionali. Casini attribuisce la causa del malessere a un dato genetico che riguarda l’Europa. Scanzi osserva: “Magari è anche colpa di chi ha fatto politica fino all’altro giorno. Quando si insiste con la parola ‘antipolitica’, si continua a dare una categorizzazione completamente sbagliata di quello che sta succedendo. (altro…)

Read Full Post »

Scanzi

“Non è che Il Fatto Quotidiano sia “contro” per partito preso. Il Fatto fa il suo lavoro. Se Repubblica e Serra sono felici di riscrivere la Costituzione con Verdini, o se amano il Jobs Act copiato da Confindustria e la “buona scuola”, e potrei andare avanti a lungo, io non sono altrettanto felice. Menomale poi che almeno il Fatto abbia un’idea diversa: non ho mai visto un appiattimento dell’informazione come con Renzi. E’ sconcertante. Michele insiste poi sulla rottamazione dei quarantenni, come se gli unici quarantenni in politica fossero i renziani. Anche Salvini ha 40 anni: poi a noi non piace e arrivederci, ma l’età è quella. E poi c’è il M5S, che avrà tutti i difetti che vogliamo, però non parliamo di un gruppetto minuscolo come ai tempi di Serra ma di una forza che secondo i sondaggi sta sopra il 27%. (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »