Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘social’

SE TUTTO è così facilmente rappresentabile, se tutto è così “naturalmente” pubblico, come si fa a spiegare ai ragazzi che mettono in rete atti sessuali (altrui) più o meno carpiti che è un gesto violento e pericoloso? Che può portare una persona a sentirsi morire, magari a morire davvero? Loro sono avvezzi a postare TUTTO. Come se nessuna esperienza potesse darsi se non ha la sua vidimazione social. Come se la vita fosse invissuta se non è impaginata nei miliardi di quadratini portatili che ognuno di noi porta in tasca. Credo che questo sia il vero problema, la progressiva erosione del margine di indicibilità, di preziosa solitudine, di silenzio e di segreto che chiamiamo genericamente “privacy” ma è molto di più, è la Verità non riproducibile, non replicabile che ognuno di noi ha nel cuore e nel corpo. (altro…)

Read Full Post »

ORA che abbiamo capito che sul web, insieme alla stragrande maggioranza di normalissimi navigatori, ci sono anche “hater” e “webeti”, odiatori e creduloni, possiamo iniziare a fare il nostro lavoro.
POSSIAMO recuperare una regola aurea, poco cinica, quindi se volete poco in linea con i tempi, ma che io credo debba essere il nostro punto di partenza e il nostro fine: avere rispetto per il lettore, per il telespettatore, per il cittadino. E ora che abbiamo tutti riscoperto la correttezza sui social, quella netiquette che sembrava ormai naufragata e irrecuperabile, cerchiamo anche di applicarla dove veramente serve e dove può fare la differenza: la televisione, la carta stampata, i siti di informazione e il nostro modo di conoscere e interpretare il mondo.

(altro…)

Read Full Post »