Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘soldi ai partiti’

Partiti

Grazie a una norma del Garante della privacy Soro si può bypassare una legge del 1981, incassare e non svelare i nomi dei sostenitori. E addio all’impianto Letta.

Ormai da un paio di anni, con la sicumera di chi ha profuso un immane sacrificio, la politica racconta che una legge (la numero 13/2014) ha eliminato i rimborsi pubblici ai partiti. Forse per distrazione, ancora la politica omette di precisare che, piuttosto, la stessa legge ha abolito la trasparenza sui donatori privati dei partiti: semplici cittadini o famelici imprenditori che scelgono di finanziare le campagne elettorali. Non è un effetto collaterale. Ma un disegno, per niente astratto, che in questi giorni si manifesta appieno. (altro…)

Read Full Post »

Delrio_Renzi_L

C’è poco da fare, i 16.518 italiani che nel 2014 hanno versato “volontariamente” la miseria di 325 mila euro ai   partiti, sono   il sondaggio   più autentico   e inappellabile sulla popolarità della politica che rasenta   ormai lo zero assoluto. Che non c’entri la crisi è dimostrato dal miliardo donato alla Chiesa cattolica e,del resto,ormai tutti hanno capito la differenza che esiste tra chi trasforma i soldi ricevuti in aiuti a chi soffre e chi soffre perché non viene più aiutato a beccare quattrini. Ad abboccare alla favola del “costo della democrazia” deve essere rimasto soltanto qualche parente prossimo (e pure incline al masochismo) della pingue casta che, peraltro, se la passa benone tra emolumenti, vitalizi e prebende varie. (altro…)

Read Full Post »

Boschi

NON C’È IL TESTO ATTUATIVO E NEMMENO LA COMMISSIONE PER APPLICARLO.

Più si approfondisce l’argomento, più viene voglia di dargli ragione a questi poveri tesorieri: queste norme che regolano le donazioni liberali ai partiti sono un papocchio indescrivibile. È normale che non si capisca niente e la trasparenza resti solo un pio desiderio. Manca la “Commissione di garanzia degli statuti e per la trasparenza e il controllo dei rendiconti dei partiti politici”: i cinque giudici che la compongono si sono dimessi a ottobre e quelli nuovi ancora non sono entrati in carica. Manca pure, nonostante la legge approvata a febbraio 2014 lo prevedesse entro due mesi, un decreto attuativo delegato al ministero dell’Economia: doveva individuare “le modalità per garantire la tracciabilità delle operazioni e l’identificazione” dei donatori.   (altro…)

Read Full Post »

Soldi ai partiti

STRATEGIE.

Dal finanziamento pubblico fino allo svuotacarceri: i renziani vogliono azzerare tutto.

La voce arriva da fonti Pd prossime al segretario Matteo Renzi e riguarda i cinque decreti legge in scadenza (entro fine mese) tra Camera e Senato. “Per noi – spiega la voce – i decreti possono decadere tutti o quasi, a partire dal finanziamento pubblico. Su questo tema probabilmente ne faremo un altro. E lo faremo anche se sarà un problema per il Pd, che ha ancora una struttura costosa: Matteo Renzi è convinto che bisogna tagliare di più e fin dal 2014”.  (altro…)

Read Full Post »

I punti di rotturaLE LARGHE INTESE SALTANO SULLE DONAZIONI DEI PRIVATI, IN AULA SENZA ACCORDO, SI VA VERSO L’ENNESIMO RINVIO.

Stavolta, la colpa è di quello che ormai i deputati della Commissione Affari Costituzionali definiscono solo “il tetto”. E la rottura è plateale. La legge sul finanziamento ai partiti torna in Aula oggi, senza accordo. Ieri un vertice di maggioranza con i due capigruppo del Pdl, Renato Brunetta e Renato Schifani e Roberto Speranza, presenti i relatori del testo Emanuele Fiano (Pd) E Maria Stella Gelmini (Pdl) è finito proprio di fronte all’impossibilità di superare l’ostacolo: il Pdl non vuole che ci sia un tetto al finanziamento dei privati ai partiti, il Pd lo considera un punto irrinunciabile. Brunetta se n’è andato bruscamente, la Commissione ha alzato bandiera bianca, interrompendo i suoi lavori, e oggi si va in Aula al buio. Sono passati 4 mesi da quando il Parlamento ha cominciato a discutere (o forse meglio a cavillare) sulla proposta del governo di abolire il finanziamento pubblico ai partiti, e si riparte da un muro contro muro. Che prelude a un ulteriore slittamento, magari con rinvio in Commissione.  (altro…)

Read Full Post »

CAVILLO PDL PER DARE IL 2X1000 ALLA CREATURA DI B. IL DDL SUL FINANZIAMENTO PUBBLICO È IN ALTO MARE: E LETTA PENSA AL DECRETO.

È ormai una corsa contro il tempo per impedire che la tagliola di un decreto, minacciato più volte da Enrico Letta, piombi sul lavoro parlamentare mandando in aria gli accordi sottili – e non sempre chiari – tra Pd e Pdl per rendere meno traumatica possibile la “rinuncia” al finanziamento pubblico dei partiti. Il ddl, rientrato in commissione Affari costituzionali dieci giorni fa dopo che si era riscontrata in aula alla Camera, l’impossibilità di trovare una quadra, passerà lunedì per l’ultimo tentativo di mediazione in commissione. “Partiremo alle tre del pomeriggio e andremo anche in notturna – spiega Sergio Boccadutri, capogruppo di Sel in Affari costituzionali – se servirà ci prenderemo anche martedì mattina pur di mandare il aula il ddl entro il pomeriggio per l’inizio della discussione; ormai siamo fuori tempo massimo, ma su alcuni punti prevedo che l’accordo sarà difficile da trovare”. (altro…)

Read Full Post »

ROMA— Slitta ancora alla Camera l’approvazione del ddl del governo sull’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti. Il voto del disegno di legge e degli emendamenti è previsto per oggi. Ma Pd e Pdl, nonostante tre mesi di tentativi di raggiungere un’intesa in commissione Affari costituzionali, arrivano in aula arroccati ognuno sulle proprie posizioni. E così, la maggioranza ha raggiunto in extremis un accordo — che solo oggi si vedrà se sarà rispettato — di rinviare tutto in commissione Affari costituzionali. «Gli obiettivi sono due — spiega Maria Elena Boschi, segretaria della Commissione, renziana — il primo, esaminare gli ultimi emendamenti presentati dopo la riapertura dei lavori di settembre. Il secondo, riassegnare il mandato ai due relatori originali, i capigruppo pdl e pd Gelmini e Fiano». (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »